SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Sul necrologio lo sfogo contro la Sacelit di Senigallia

Deceduta una donna che aveva prestato servizio presso lo stabilimento dove si produceva cemento-amianto

Magini Food and Drink - Senigallia - Il gusto della carne
Il manifesto funebre con lo sfogo verso la Sacelit di Senigallia

Sta facendo il giro di Senigallia la notizia del decesso di una donna 82enne per la quale è stato pubblicato un necrologio molto particolare, in cui si sfoga contro chi ritiene colpevole della sua morte.

Questo è il regalo della Sacelit per i soli due anni lavorati da loro all’età di 17 anni” è la frase firmata da Bruna Livieri Luvieri, la pensionata di Senigallia morta lunedì 4 settembre all’ospedale civile cittadino.

La donna aveva prestato servizio dal 1953 al 1955 presso lo stabilimento senigalliese della Sacelit dove veniva lavorata una pasta in cemento-amianto che serviva per produrre giunti e altri elementi industriali.
Dopo oltre 60 anni è comparsa la malattia – il mesotelioma – risultatale poi fatale e che ha causato quel dolore e quella rabbia da sfogare persino in un manifesto funebre dove solitamente si leggono messaggi di cordoglio e pace.

I funerali saranno celebrati mercoledì 6 settembre alle 9.30 presso la chiesa dell’ospedale per poi essere tumulata nel cimitero di Senigallia.

Commenti
Solo un commento
Mario Rossi 2017-09-06 12:21:27
La sacelit, ha sicuramente tante persone sulla coscienza, ma questa di 65 anni fa ...................
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!