SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Senigallia: c’era una volta la…Democrazia!

"Si decide il più delle volte nelle riunioni di maggioranza che sono di fatto incontri privati"

2.265 Letture
commenti
Marinelli Sport Senigallia - 87 mq fixed bike - Sconto 10%
Paolo Battisti e Roberto Mancini, consiglieri del gruppo consiliare Partecipazione

Potremmo dire che il ragionamento di Mangialardisul bilancio è stato tanto astioso e maligno da somigliare ai discorsi della matrigna di Cenerentola, che prima costringe la fanciulla a vestirsi di stracci e poi la disprezza perché sporca e cenciosa, facendola pure deridere dalle sorellastre.

La situazione dell’opposizione venutasi a creare in Consiglio, infatti, non è tanto dissimile alla condizione di Cenerentola. Da tempo infatti esiste una sorta di sequestro del dibattito e soprattutto delle decisioni, che vengono assunte fuori dalla istituzione consiliare e portate in Commissione prima e in Consiglio poi solo per assolvere ai passaggi formali previsti dalla legge e al voto di ratifica.

Si decide il più delle volte nella riunioni di maggioranza, che, è bene ricordarlo, sono incontri privati, e talvolta anche il passaggio in maggioranza è già una prima ratifica di decisioni assunte in pochi, con l’assistenza dei dirigenti, esperti di nomina politica.

Il Consiglio arriva per ultimo: qualche intervento della maggioranza per giustificare pubblicamente le scelte adottate e poi il voto. Nessun vero dibattito, nessuna ricerca libera e condivisa delle soluzioni praticabili, nessuna possibilità che le proposte dell’opposizione vengano non dico accolte, ma almeno valutate e approfondite (mai successo in 4 anni).

La dialettica tra maggioranza e opposizione appartiene al passato e le varie pratiche, sempre più specialistiche e complesse tanto da richiedere anche mesi per essere istruite dagli uffici sotto la supervisione (ma non sempre) degli assessori, sono presentate all’ultimo minuto, al minimo sindacale di approfondimento (un lavoro di mesi ci è stato presentato in pochissimi giorni), e poi votate.

Anche per questi motivi, bisogna anche dire che le parole usate da Mangialardi, per l’astio, il disprezzo e il risentimento che contengono, non sono parole da sindaco, il quale, pur non condividendo l’opposizione, mai dovrebbe essere oltraggioso verso la minoranza, che contribuisce insieme alla maggioranza alla rappresentanza democratica dei cittadini.

Con un marcato tono autoritario, riferendosi ad alcuni consiglieri di opposizione, Mangialardi parla addirittura di immoralità e di ammutinamento, cosa che equivale alla messa al bando, morale e civile, di chi non la pensa come lui, come se si trattasse di persone prive di dignità alcuna, sottouomini… Del resto, se chi detiene il potere politico si riserva pure la facoltà di stabilire cos’è morale …

Forse, però, tanto astio è indice di insicurezza e ammissione di debolezza.  Nelle stesse righe, ancora una volta come la matrigna di Cenerentola che esalta invano le sue figlie piuttosto bruttine, Mangialardi autoproclama se stesso e la sua maggioranza come unici rappresentanti della cittadinanza!

A quando le liste di proscrizione? Ma, come tutti sanno, coloro che lodano se stessi (rivelando così il proprio cattivo gusto) di fatto ammettono di aver bisogno di rimediare al proprio isolamento, rivolgendosi da soli quegli apprezzamenti che non ricevono da chi li circonda (ancora una volta, come in quella fiaba).

da Roberto Mancini e Paolo Battisti (Lista Partecipazione)

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/GruppoPartecipazioneSenigallia

Commenti
Ci sono 4 commenti
BlackCat
BlackCat 2014-08-01 14:37:56
Insomma, anche il Comune il metodo Parlamentare dove le opposizioni sono viste come inutili intralci al Re.
un povero tra i poveri (di politica) 2014-08-01 15:08:59
"LORO NON CAMBIANO" Il PD ha sempre fatto in questo modo a maggior ragione con il 51% quindi nessun stupore all'infuori che magari con la Angeloni erano un pelo più cauti ora stanno toccando il fondo su tutti i fronti. Loro non cambiano non ascoltano gli altri e tirano dritti su cosa pensano e come fare a risolvere le cose a modo loro sempre più convinti di avere ragione fregandose degli altri che la pensano diversamente e si credono padroni e custodi del saper fare e della magnificenza del loro comportamento. Loro non cambiano, forse si può provare a convincere i Senigalliesi, ma la vedo dura, allora cambiate voi UNITE l'opposizione in una unica lista di opposizione e forse si combatterà quel 51%,alle prossime elezioni, sarebbe un bel risultato per farli tornare a parlare con l'opposizione.
giorg 2014-08-01 18:14:15
un invito a tutte le opposizioni di unirsi per vincere alle prossime lezioni!!
Patroclo 2014-08-01 19:34:51
Dai, tutti insieme, Paradisi, Liverani, Mancini e Battisti..... magari lasciamo a casa la testa del Duce....
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Emergenza Coronavirus

Coronavirus: tutte le notizie

Ritiro dell'asporto su ordinazione

Ritiro del cibo d'asporto su prenotazione a Senigallia e dintorni

Generi alimentari, di necessità e piatti pronti: consegne a domicilio






Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura