SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Processo esplosione Saline, svolta a Senigallia la prima udienza-fiume

Ascoltati in tribunale quasi trenta testimoni, ma giovedì 25 si ricomincia

2.430 Letture
commenti
Tribunale di Senigallia

Prima udienza delle tre sedute previste per quanto riguarda il processo civile sull’esplosione al campo sportivo delle Saline di Senigallia. L’avvocato Letizia Bocchini ha convocato per la mattinata di mercoledì 24 ottobre tutte le persone coinvolte a vario titolo nella causa per quelle bombole che ferirono quasi a morte Andrea Tarsi e Valentina Argentati.

Quasi trenta persone sono state ascoltate in questo primo appuntamento ribattezzato “seduta-fiume” per la vastità delle persone da interrogare e per gli elementi che sono stati ribaditi o chiariti.

Marina Magistrelli e Manola Micci, i legali delle famiglie dei due ragazzi che stavano percorrendo la pista ciclabile attigua al muro di cinta del campo sportivo, quando furono investiti in pieno dall’esplosione delle bombole, hanno chiamato a testimoniare quanti intervennero in quell’episodio e quanti poi si occuparono dal maggio 2007 in poi di ricostruire la vicenda: medici, poliziotti, custodi dell’impianto delle Saline, residenti, Vigili del Fuoco, uomini della protezione civile.

E in questa nuova fase che si è aperta il 24 ottobre sono tanti gli elementi emersi e quelli chiariti sotto la supervisione dell’avv. Letizia Bocchini: tanti, grazie anche agli interrogatori e ai contro-interrogatori effettuati, che hanno permesso ad esperti, avvocati e protagonisti di precisare meglio posizioni, ruoli e coinvolgimento nei fatti.
Nel processo sono chiamati in causa anche il Comune di Senigallia difeso dall’Avvocato Antonio Squillace, il Coordinamento di Volontari della Protezione Civile Zona 2 Senigallia onlus sostenuti dagli avv. Paola Riccio e Riccardo Pizzi, e il Nucleo Volontari Protezione Civile Falchi della Rovere onlus, rappresentata da Riccardo Pagani: il primo come proprietario dell’area, gli altri due come associazioni che avevano in uso la stessa.

Principalmente ci si è concentrati su tre aspetti. Primo: il problema della recinzione dell’area per il rimessaggio delle attrezzature dei due gruppi di protezione civile coinvolti e delle bombole dell’impianto sportivo. In particolare si sta cercando di far luce se la zona fosse concretamente interdetta al pubblico o se, a causa dei lavori che stavano avvenendo, vi fosse in pratica libero accesso.

Secondo punto, la situazione tra prevenzione, cura e manutenzione in versava l’area. La zona presenta molti pioppi che, con gli sfiuti prodotti, avrebbero contribuito all’aggravarsi delle condizioni cui erano sottoposte le bombole: in pratica una scintilla, un malfunzionamento oppure proprio un principio di incendio degli sfiuti avrebbe innescato – o contribuito a farlo – l’esplosione.

L’ultimo aspetto su cui ci si è soffermati è l’eventuale responsabilità dei ragazzi che stavano passando in bicicletta in un punto considerato pericoloso, ma che nessuno aveva pensato di interdire. Tra le questioni da chiarire rimane il comportamento dei due giovani che secondo le accuse non si sarebbero fatti da parte quando la situazione stava per aggravarsi.

Questi ed altri interrogativi rimarranno però ancora senza una risposta definitiva: già giovedì 25 ottobre saranno riconvocati alcuni dei 31 testimoni per una nuova udienza che avrà inizio alle ore 9 circa presso il tribunale di Senigallia.

Commenti
Ci sono 2 commenti
EdHuNTeR
Adam 2012-10-25 10:30:25
Non sapevo che la pista ciclabile delle saline sia interdetta...fatti da parte? Cioè durante l'esplosione nel momento della detonazione spostarsi un po più in là mentre tutto questo sta succedendo dietro ad un muro in una manciata di millisecondi...Arrampicatori di specchi livello 10!
Lucia 2012-10-27 14:16:30
Grazie Adam...la solidarietà fa bene quando ci si sente offesi e feriti da queste affermazioni incredibili
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno