SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Senigallia: l’Idv celebra la giornata contro l’omofobia

Il partito ricorda la data simbolo del 17 maggio

1.251 Letture
commenti
Stefano Canti

Giovedì 17 maggio l’Italia dei Valori celebra la Giornata Internazionale contro l’omofobia in rispetto dei principi sanciti dalla nostra Carta costituzionale e dall’Unione Europea.

Da sempre ci battiamo, dentro e fuori le aule istituzionali, contro ogni forma di discriminazione e d’intolleranza e per il rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali.

Per questo, ricordiamo che l’IdV ha già presentato alla Camera un progetto di legge per il riconoscimento e la regolamentazione dei rapporti personali e patrimoniali nelle coppie di fatto, anche tra persone dello stesso sesso, attraverso la sottoscrizione di un Patto civile di solidarietà; e ricordiamo anche che l’Idv Senigallia sostiene l’Istituzione del “Registro Comunale delle Unioni Civili”, con odg presentato a firma del Presidente del Consiglio Enzo Monachesi e del Sindaco Maurizio Mangialardi.

Siamo, inoltre, il primo partito a essere favorevole all’estensione del matrimonio civile anche alle coppie omosessuali.

Di fronte alle molteplici aggressioni di cui sono state fatte oggetto le persone omosessuali questo impegno deve essere prioritario per le Istituzioni, le organizzazioni della rappresentanza sociale, le maggiori agenzie educative del paese: in questo senso apprezziamo la circolare inviata dal Ministero dell’Istruzione ai Dirigenti scolastici affinché il tema entri oggi nelle scuole con la dignità che merita, ma riteniamo non più rinviabile un’assunzione di responsabilità da parte delle forze politiche presenti negli Enti Locali e nel Parlamento.

Ci auguriamo che la Giornata Internazionale contro l’omofobia sia ricordata nel Consiglio Comunale del 17 maggio.

L’inerzia della politica italiana sui diritti civili ci allontana dall’Europa di Hollande, dagli Stati Uniti di Obama, ma soprattutto fotografa il declino di una classe politica conformista ed incapace di interpretare le nuove domande di futuro che vi sono in Italia e nel resto d’Europa.

Occorre voltare pagina e rifondare un’etica della responsabilità pubblica coerente con i principi di laicità, libertà  egiustizia sociale della nostra Costituzione.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura