SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

ADSL, le spese nascoste gonfiano le bollette: in due anni aumentate del 30%

Quali sono le spese nascoste da valutare attentamente? Come scegliere l’ADSL più conveniente?

1.974 Letture
commenti
Amici di Casa BBL onlus - Dona il cinque per mille
Conti, spese, tariffe

Le spese per una buona connessione a internet stanno diventando sempre più elevate. Anche se spesso la colpa veniva attribuita alla fatturazione a 28 giorni in vigore fino a poco tempo fa, in realtà i pericoli maggiori si annidano al buio: sono le famigerate spese nascoste, capaci di innalzare il costo dell’ADSL fino al +30% in 24 mesi. L’inghippo, fra le altre cose, viene spesso coperto e reso “invisibile” agli occhi dei consumatori poco attenti: anzi, viene addirittura addolcito da un apparente sconto che riguarda – però – solo i primi 12 mesi.

ADSL: in due anni aumento delle bollette fino al 30%

Negli ultimi due anni, fra fatturazione a 28 giorni e spese occulte, il costo degli abbonamenti ADSL è salito fino al +30%. Stando alle ultime rilevazioni, i consumatori italiani in media spendono circa 10 euro in più rispetto al 2015: si è infatti passati da una bolletta di 27 euro ad una di circa 36 euro. Il che sembra davvero strano, considerando che durante il primo anno il costo dell’abbonamento è addirittura sceso: dai 26 euro del 2015 ai 24 euro del 2017. Com’è possibile? Questo calo del -6,4% viene ampiamente giustificato dal “trucco” del primo anno: i primi 12 mesi sono scontati, poi a seguire la bolletta ingrassa e non poco. Regali e offerte, dunque, finiscono per diventare un boomerang che torna violento dopo un anno di ADSL.

Quali sono le spese nascoste da valutare attentamente?

Esistono alcune voci di costo nascoste che meritano di essere valutate con maggiore attenzione: fra queste troviamo, ad esempio, i servizi di segreteria telefonica e i vari servizi di “Chiama Ora”. Al vasto elenco delle spese nascoste potenzialmente letali, si aggiungono opzioni come le telefonate verso altri operatori e i servizi sulla sicurezza della rete Internet. Chiaramente l’elenco potrebbe continuare, includendo anche il tethering a pagamento e i già citati “balzelli” che scattano dopo i primi 12 mesi di contratto. Infine, bisogna sempre studiare attentamente i piani all inclusive.

Come scegliere l’ADSL più conveniente?

Internet risulta essere molto utile per informarsi sui siti web degli operatori, scoprendo così tutti i dettagli delle offerte. La rete, però, è ancor più utile quando viene usata per mettere a confronto queste offerte e questi piani tariffari: ciò può avvenire grazie ai comparatori online. Oggi è infatti possibile trovare la migliore tariffa ADSL su comparatori di prezzo come Facile.it, o su altre piattaforme che svolgono questo tipo di operazioni. Come funzionano le suddette? Si può avviare una ricerca personalizzando i filtri, così da poter visionare un elenco di tutte le opzioni migliori per la nostra situazione. Poi, mettendo a confronto i prezzi, si può facilmente scegliere l’offerta più conveniente per noi.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!