Netservice - Realizzazione e promozione siti web
2.297 Letture Nessun commento

Terremoto in Emilia, salgono a 7 le vittime dello sciame sismico

Almeno 50 i feriti, 3000 gli sfollati. Ingenti i danni a case, chiese e monumenti

Terremoto del 20 maggio 2012 in Emilia Romagna: il municipio di Sant'Agostino Lunga e intensa la scossa di terremoto che alle 4.04 della notte tra sabato 19 e domenica 20 maggio ha sconvolto l’Emilia Romagna. Quasi venti secondi di sisma ad una profondità di soli 6.3 km – praticamente in superficie – che ha fatto crollare diversi monumenti, chiese e campanili tra Reggio Emilia, Modena e Ferrara. E’ salito a 7 il conto delle vittime, almeno 50 i feriti, circa 3000 gli sfollati.

I centri più colpiti sono Finale Emilia, Sant’Agostino e Bondeno dove i crolli di alcune aziende hanno ucciso quattro operai e un’anziana colpita dai calcinacci della sua abitazione. Le altre due vittime, due donne, un’ultracentenaria e una 37enne, sono decedute per il terrore provato in quegli attimi.

Attimi per cui il Presidente del Consiglio Mario Monti ha interrotto la sua visita negli Stati Uniti e per la quale si chiederà lo stato di calamità, mentre il papa Benedetto XVI ha detto di pregare per le vittime e per il sollievo dei feriti.

Terremoto del 20 maggio 2012 in Emilia Romagna: la torre di Finale EmiliaIn totale sono oltre 115 le scosse di terremoto verificatesi nell’area padano emiliana tra le 19:40 di venerdì 18 e le 5:24 di lunedì 21 maggio, in un’area a pericolosità medio-bassa. Una serie di scosse di assestamento che oscillano tra 1.5 e 3.7 gradi di magnitudo secondo la scala Richter, ma con alcune punte di 4.1, 4.5, 5.1 e 5.9, quella disastrosa che ha fatto crollare numerosi palazzi e reso inagibili tante case.

Ingenti i danni sia a livello umano-sociale che artistico-culturale: oltre alle vittime e ai feriti per i materiali caduti e per lo choc, sono gravemente danneggiate non solo le case, ma anche chiese, torri e castelli.

Subito mobilitata la Protezione Civile di tutta Italia: dalle Marche è partita una colonna con tende e attrezzature varie, oltre ad una cucina e ad un ambulatorio medico, per il supporto all’ospedale da campo allestito subito dopo il sisma delle 4.04.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato? Effettua l'accesso ... oppure Registrati!