SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Senigallia Concerti 2023/24 - The best of Stevie Wonder and Ray Charles - 18/02/2024

Presidio per la pace a Senigallia

Siamo a quota 65

65° PRESIDIO CONTRO LA GUERRA

SABATO 10 FEBBRAIO

ORE 18.30 / 19.30 – PIAZZA SAFFI

PERCHÉ SONO LE ARMI CHE FANNO LE GUERRE

Tra i produttori di armi, l’Italia è al sesto posto nel mondo con una quota di mercato pari al 3,8%.

I primi tre nostri clienti sono il Qatar (24% delle vendite), l’Egitto (23%) e la Turchia (12%). Secondo l’Istituto Internazionale di Ricerche sulla Pace di Stoccolma (Sipri), le vendite italiane continuano a crescere: a fine 2022 Roma aveva ordini in sospeso per 115 aerei ed elicotteri da combattimento, nove navi da guerra e 1.703 veicoli corazzati.

Dal 1990 la vendita di armamenti è regolata dalla legge n.185 (Nuove norme sul controllo dell’esportazione, importazione e transito dei materiali di armamento), promulgata allora dopo una lunga mobilitazione di associazioni laiche e cattoliche iniziata negli anni ’70.

Prima, per quasi 50 anni, era sostanzialmente rimasto in vigore il Regio Decreto n. 1161 del 1941 (firmato da Mussolini, Ciano, Teruzzi e Grandi) che, sottoponendo l’intera materia al “segreto di Stato”, l’ha pressoché mantenuta fuori dal controllo del Parlamento anche in epoca repubblicana.

Attualmente, su proposta del governo e della maggioranza, è in discussione in Parlamento una modifica della legge 185/1990. In particolare, il rilascio delle autorizzazioni all’export verrebbe affidato al solo governo, sottraendo di nuovo informazioni e controllo al Parlamento e, quindi, alla società civile e all’opinione pubblica. Inoltre, sarebbe eliminata pure la vigilanza sugli Istituti di credito operativi nell’import/export di armamenti e, pertanto, se approvata, non si conosceranno più le banche che traggono profitti dal commercio di armi, anche condotto con paesi autoritari o coinvolti in conflitti armati.

Si torna all’antico, potremmo dire. E qualora ci fossero dubbi sulle differenze tra politiche coerenti con la Costituzione e orientate all’antifascismo, da un lato, e politiche cosiddette “post fasciste”, dall’altro, si prenda il caso sopra richiamato come valido esempio.

PAROLE E MUSICA CONTRO LA GUERRA

PER LA PACE SUBITO

1. PER L’IMMEDIATO CESSATE IL FUOCO IN UCRAINA E IN PALESTINA/ISRAELE

2. CONTRO L’INVIO DI ARMI E CONTRO L’AUMENTO DELLE SPESE MILITARI

3. PER UN’AZIONE DIPLOMATICA CONCRETA DEL GOVERNO ITALIANO AL FINE DI PROMUOVERE NEGOZIATI DI PACE

4.PER L’ACCOGLIENZA E L’ASSISTENZA A TUTTI I PROFUGHI

La cittadinanza è invitata

Redazione Senigallia Notizie
Pubblicato Giovedì 8 febbraio, 2024 
alle ore 10:03
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
In disaccordo
Indifferente
Felice
D'accordo

Commenti
Ci sono 2 commenti
Glauco G. 2024-02-08 14:43:27
A che numero dovete arrivare prima di capire che non serve assolutamente a nulla quello che fate?
miguel2 2024-02-08 18:56:55
Qui sono d'accordo con @Glauco G. ma che notizia è? posso capire che questa gente non ha nulla da fare è si è inventata un'iniziativa inutile ma che comunque non fa male a nessuno ma mettere ogni volta presidio X... Siete schiavi della Nato caro Sig.ri andate a leggervi le condizioni di resa della seconda guerra mondiale, liberati si, siamo diventati una colonia, lo sanno tutti ma non si può dire.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura