SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Campanile:”Stravolta la riqualificazione del lungomare di Senigallia alle ex-colonie Enel”

"Si scomputeranno circa metà degli oneri di urbanizzazione. Si stravolge tutto, tranne le torri cementizie. A beneficio di chi?"

3.495 Letture
commenti
Cantiere edile nell'area delle ex-Colonie Enel

Poche settimane fa (14/02/2023) la Giunta (Presieduta dal Vice-Sindaco Pizzi e non dal Sindaco Olivetti) ha approvato una variante urbanistica che stravolge di fatto, la riqualificazione del Lungomare Da Vinci, uno dei tre ambiti nevralgici di riqualificazione della città insieme alla curva della Penna e all’Hotel Bagni.

La pratica non è passata in Commissione né passerà in Consiglio e la cittadinanza se ne sarebbe accorta a lavori ultimati se non ci fosse l’obbligo di pubblicare le delibere di Giunta.

Per intenderci, stiamo parlando del complesso residenziale posto dopo il sottopasso (basso) che collega il lungomare alla statale, all’altezza del camping Summerland.

Sparirà la “nuova strada carrabile a ridosso della ferrovia e collegamento con il Lungomare” e sarà sostituita con la “sistemazione della strada di collegamento tra via Rieti e Via Grosseto”. Sparendo la nuova strada sparirà anche il marciapiede che verrà realizzato nella strada sistemata.

Sparisce il nuovo accesso al parcheggio esistente su via Podesti (sulla nazionale, poco prima del sottopasso provenendo da Ancona). Sparisce l’impianto di sollevamento.

Spariscono gli “attraversamenti sotterranei asse ferroviario per passaggio sottoservizi” perché sparisce la realizzazione proprio dei sottoservizi.

Non è finita! Sparisce la “ristrutturazione sottopasso ferroviario ad uso ciclopedonale e sistemazione delle aree attigue” e viene sostituita con una nuova area a parcheggio pubblico di 3.168 mq.

Due colonnine di ricarica per veicoli elettrici prenderanno il posto della “riqualificazione del Lungomare Leonardo da Vinci” e della “sistemazione area a verde compatto”.

Tradotto in pratica si scomputeranno circa metà degli oneri di urbanizzazione, si diventa proprietari di 3.000 mq a parcheggio, verrà aumentata la “concentrazione delle volumetrie edificatorie”. Uguale: si stravolge tutto, tranne le torri cementizie. A beneficio di chi? Non certo della cittadinanza. E allora si può iniziare ad immaginare perché le iniziative della Federazione Italiana Vela (Ex-colonie Enel, Palazzo del Turismo e Hotel Bagni) abbiano avuto una accoglienza pessima.

L’Assessore all’Urbanistica Cameruccio, presente alla seduta di Giunta, avrebbe potuto spiegare alla cittadinanza che cosa stava avallando, se ne è fiero. Anziché comparire sui social per annunciare l’estensione dell’orario di apertura degli uffici postali delle frazioni (ma non degli uffici comunali organizzati ancora come al tempo della pandemia), avrebbe potuto spiegare alla stampa o in Commissione perché ha avallato questo stravolgimento.

Commenti
Ci sono 4 commenti
giulio
giulio 2023-03-10 17:38:40
Quello che dice Campanile è molto grave. Perchè smontare una ad una le opere di urbanizzazione? Sarebbe da sentire cosa dice la Giunta.
Questa storia delle torri a seimila euro al metro, personalmente, non mi è mai piaciuta.
Dal progetto (un ecomostro troppo alto) alla lunare possibilità di prendersi la spiaggia demaniale (ricordate?), fino ad arrivare, adesso, allo sconto sugli oneri di urbanizzazione.
favi umberto 2023-03-11 09:17:36
Me è evidente!! chi si improvvisa amministratore pubblico o assessore senza avere alcuna capacità combina solo guai ed i risultati restano nel tempo. Attenzione alle prossime elezioni. Per ora speriamo nella possibilità di un recupero dei guai almeno parziale...... Possa il buon Dio illuminare le menti di costoro.....
giulianagianni1 2023-03-13 08:13:26
Buongiorno, visto il titolo che parla di riqualificazione vorrei ricordare cosa non viene fatto ancora per la rotatoria della penna.
Qualcuno sa dirmi qualcosa?

È vero, han trovato reperti storici durante gli scavi, ma vi sembra logico che li stiano facendo con i pennellini?
Siamo pieni di reperti in Italia e ormai sappiamo benissimo dove e come vivevano i ns. avi.
Perché vanno sempre a cercare cose ormai super conosciute trattandole come fossero delle incredibili novità necessarie al ns. sviluppo e nessuno si preoccupa che, intorno alle colonne delle auto ferme ai semafori della penna, la gente che ci abita respira smog h24?
Come dice De Gregori La storia siamo noi!
Cerchiamo di far bene in modo che le prox generazioni ci apprezzino non perché siamo bravi a pulire i reperti ma perché siamo efficaci nel migliorare l ambiente in cui viviamo.
Così non va bene.
lety07 2023-03-13 14:00:53
Fatto sta che quel complesso residenziale è davvero terribile. Non capisco come abbiano potuto permettere di rifare gli errori (anzi, gli orrori) del passato, costruendo edifici troppo alti che peggiorano la vista sia per chi sta al mare (dove peraltro arriverà l'ombra molto prima) sia per chi sta in collina.
Zero rispetto per l'ambiente, zero senso estetico, moltissimo disgusto.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura