SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Albergo Ristorante Bice Senigallia - Piatti tipici da asporto in rosticceria, cucina marchigiana

T-Red Senigallia:”non vanno attivati senza i contasecondi e la giusta segnaletica”

Campanile: "pensiamo anche alla sicurezza dei ciclisti"

semaforo, t-red, incrocio
Nei giorni scorsi è stata presentata una mozione, da parte della minoranza della coalizione Volpini, che impegna l’Amministrazione all’installazione di contasecondi semaforici.
 

In Consiglio Comunale Amo Senigallia appoggerà l’iniziativa anche se nutre parecchie perplessità sul fatto che venga recepita dall’Amministrazione Olivetti.
 
Infatti, appena è stato evidente che l’installazione dei due T-RED avrebbe comportato una mitragliata nei sanzioni, i timer sono stati subito proposti pubblicamente ottenendo la solita risposta senza parole e senza fatti.
 
Nei due incroci sorvegliati dal T-RED l’indicazione dei secondi rimanenti con il semaforo “verde” servirebbe anche a dimostrare che la loro installazione è legata esclusivamente a motivi di sicurezza e non a prosciugare le tasche degli automobilisti. Si dirà che il T-RED rileva il passaggio con il rosso e quindi va punito. Verissimo, ma se il tempo del “giallo” è quello di un sospiro (3 secondi) forse la sicurezza è un alibi.
 
L’installazione del contasecondi darebbe agli automobilisti la possibilità di frenare con anticipo evitando alcuni degli attuali comportamenti, anche pericolosi, proprio nei pressi del T-RED, come le brusche frenate.
 
E dato che si sta parlando di semafori, sarebbe opportuno introdurre le “Case Avanzate”, più conosciute come “Advance Space Line”, uno spazio riservato alle biciclette, posto davanti alla linea di arresto delle auto, che permette ai ciclisti di aspettare il verde in una posizione di maggiore visibilità e sicurezza. Le ASP furono introdotte quaranta anni fa in Inghilterra e si sono poi diffuse anche in altri paesi dove si adottano più facilmente misure di sicurezza preventiva. In estate a Senigallia il numero di biciclette in circolazione è impressionante ed i semafori pochi per cui non c’è neppure la scusante del costo. Sempre che la sicurezza dei cittadini non sia pensata unicamente a mezzo delle 200 telecamere che ci seguiranno passo passo e che saranno installate a breve.
Gennaro Campanile
Pubblicato Venerdì 20 gennaio, 2023 
alle ore 10:22
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
In disaccordo
Indifferente
Felice
D'accordo

Commenti
Ci sono 2 commenti
alesseus 2023-01-21 00:11:31
Basta sapere come funzionano e seguire delle regole. Non basta posare la ruota sulla linea di arresto per far scattare la fotografia. L’invasione dev’essere netta e precisa. I photored sono posizionati sulle intersezioni semaforiche caratterizzate da alta incidentalità e l’uso della tecnologia determina una flessione netta delle infrazioni. Gli apparecchi non sono tarati in maniera fiscale ma secondo le norme del Codice della strada: le linee di arresto non vanno superate perché si invade l’area dell’attraversamento pedonale. Chi supera la linea d’arresto può giungere con una velocità non commisurata e con una modalità di guida non consona. Basta rispettare il codice della strada,
giulio
giulio 2023-01-21 08:08:12
@alesseus.
Se parliamo di assoluta legalità (e poi mica tanto visto che in letteratura giuridica ci sono numerosi casi di autovelox tarati male oppure controllati dagli stessi e non da soggetti terzi), allora i soldi delle multe dovrebbero andare sulla manutenzione delle strade. E così non è.
A mio avviso, sono trappole legalizzate per far cassa. Un abuso, con tutte le buone intenzioni (ma siamo in Italia).
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura