SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Trading online: ecco le previsioni degli analisti sui principali mercati per il 2023

Le Banche Centrali determineranno il sentiment sui mercati anche nel 2023. Una strategia per contrastare la volatilità

1.757 Letture
commenti
Investire in borsa

È bastata una sola ottava, per smorzare l’entusiasmo che nell’ultimo mese si era diffuso sulle borse internazionali: a metà dicembre, infatti, si sono intrecciati una serie di eventi che hanno innescato un ritracciamento abbastanza intenso dei corsi delle principali asset class.

Probabilmente il rally rialzista, innescatosi sui mercati finanziari dall’inizio del quarto trimestre, ha trascinato le quotazioni di alcuni comparti su livelli che non riflettevano il reale quadro macroeconomico e geopolitico, tuttavia persino gli analisti più prudenti non si aspettavano un colpo di coda di questa portata, non tanto per l’estensione del movimento quanto per le sue tempistiche. E invece le scadenze tecniche del Q4 -le più importanti dell’anno- in concomitanza del meeting FED e del meeting BCE hanno scatenato un piccolo terremoto intermarket, capace di cancellare in qualche seduta di contrattazione una parte del recente upward trend.

Naturalmente le soglie tecniche di pericolo, oltre le quali sarebbe lecito aspettarsi ulteriori approfondimenti ribassisti, rimangono ben distanti, ma la recrudescenza della volatilità per gli addetti ai lavori dovrebbe rappresentare un chiaro invito alla prudenza. In ogni caso, prima di iniziare ad investire è bene essere aggiornati sull’andamento dei numerosi asset disponibili, così da scegliere quelli che al momento hanno delle migliori aspettative di crescita. Per informazioni in merito si consiglia di visitare il sito tradingonline.com: sul portale di maggior riferimento sul trading online è possibile trovare guide, recensioni, contenuti e approfondimenti relativi al mondo degli investimenti digitali.

Le Banche Centrali determineranno il sentiment sui mercati anche nel 2023

Jerome Powell ha annunciato nel nuovo anno la prosecuzione della stretta sul costo del denaro, non a caso i Dot Plot danno per altamente probabile un rialzo dei tassi ufficiali di riferimento di almeno 75 punti base. Ma a stupire gli analisti è stata in particolare Christine Lagarde, che ha avuto durante la conferenza stampa di Dicembre un atteggiamento ben più aggressivo del collega statunitense, soprattutto se si considera che nel recente passato la BCE è sempre stata un passo indietro rispetto alla FED. Secondo alcuni esperti questa insolita rudezza sarebbe da attribuire alla necessità di non fare svalutare ulteriormente l’euro nei confronti del dollaro Usa, in quanto si è già avuta dimostrazione che una dinamica di questo tipo rappresenta un booster per l’inflazione importata.

Secondo lo staff di tradingonline.com la persistenza di politiche monetarie restrittive potrebbe innescare nuove fasi di risk off prolungate non solo sul mercato obbligazionario globale, ma anche sul comparto equity; e se al progressivo drenaggio di liquidità dal sistema finanziario si aggiunge una possibile recessione ecco che lo scenario, che va delineandosi per i mesi a venire, appare tutt’altro che roseo. Ancora nei dati macro non vi sono segni evidenti dell’immanenza di uno slow down economico, ma non è da escludere che la diminuzione dei prezzi di molte materie prime rappresenti un segnale anticipatore della contrazione della domanda di beni; inoltre i piani di licenziamento di importanti aziende quotate costituirebbero un altro indizio in tal senso.

Una strategia per contrastare la volatilità

Per affrontare il 2023 con un portafoglio a prova di volatilità, è opportuno quindi affiancare alla strategia di ribilanciamento dell’asset allocation statica un’operatività tattica che consenta di sfruttare un’eventuale erraticità dei prezzi delle classi di investimento. Sul portale tradingonline.com è possibile consultare diversi tutorial che spiegano come costruire una diversificazione multi-strategy di questo tipo e che illustrano le caratteristiche delle piattaforme di negoziazione da utilizzare, per disporre l’operatività.

I tool in questione, infatti, devono essere equipaggiati con un’interfaccia grafica, utile ad analizzare le quotazioni dei sottostanti trattati, e con funzionalità, quali lo short selling e il leverage, per estrarre valore da tutte le condizioni di mercato.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno