SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

“A Senigallia servono interventi urgenti per marciapiedi e pensiline”

Campanile: "Condizioni di abbandono, incuria, cattiva progettazione per passate riqualificazioni e abusi veri e propri"

Pensilina danneggiata

Raccogliendo l’invito del Sindaco Olivetti a collaborare, segnaliamo all’Amministrazione la necessità di predisporre uno stanziamento adeguato per mettere a nuovo le pensiline di fermata del bus ed anche alcuni tratti di marciapiede.

Nel primo caso, le pensiline versano in una condizione di totale abbandono che non solo danno una pessima impressione della pulizia della città ma sono anche un potente segnale diseducativo per i giovani. L’immagine pubblicata si riferisce alla pensilina davanti al parcheggio del palazzetto dello sport. Che cosa può pensare un giovane del bene pubblico quando segni tangibili di degrado urbano sono così evidenti proprio nei pressi delle scuole?

Per quanto riguarda i marciapiedi il discorso è diverso. Qui si mescolano incuria, cattiva progettazione di passati interventi di riqualificazione, abusi veri e propri. La funzione del marciapiede è di sicurezza dei pedoni ma non sempre si raggiunge lo scopo. Purtroppo i marciapiedi risentono della viabilità del momento della costruzione, rimangono statici difronte ad una città che si modifica e non si ha più il coraggio di metterci le mani.

Si parla tanto di “città amica”, “città a dimensione di uomo”, di abbattimento delle barriere architettoniche ma un intervento radicale non è mai stato realizzato (a parte piccoli scivoli) per mancanza di fondi. Ora sembra che i soldi non siano più un problema data la facilità di ottenere contributi a fondo perduto e finanziamenti grazie alle capacità degli amministratori di centrodestra (a detta di FdI). Se così non fosse Amo Senigallia è disponibile, nelle sedi opportune, a dare qualche suggerimento per reperire i fondi.

Marciapiede dissestatoNon tutti i marciapiedi della città sono messi male e rappresentano un pericolo. Quello che non va bene sono un paio di cose. Per primo la presenza di alberi, alberelli o arbusti che impediscono il passaggio anche delle carrozzine sia perché il marciapiedi è troppo piccolo sia perché le radici fanno scoppiare la superficie.

In secondo luogo spesso le proprietà private sono delimitate da siepi ed alberi che invadono lo spazio del marciapiede costringendo le persone ad incolonnarsi in fila indiana, andare sul manto stradale, contorcersi per schivare gli ostacoli. Il buon senso (civico) non sembra predominante e quindi la Polizia Municipale dovrebbe intervenire per ricondurre le siepi private/alberi dentro la proprietà e non fuori.

Poi ci sono gli interventi di riqualificazione che a volte rappresentano degli esperimenti non sempre virtuosi come dimostrato nell’immagine. Si può osservare come il manto stradale sia infatti asciutto mentre pozzanghere d’acqua continuino a ristagnare nei camminamenti, ricettacolo anche di fogliame dato che il cordolo blocca tutto.

Il Comune potrebbe individuare gli interventi, scegliere quali effettuare e poi inserirli in un piano di lavoro: i cittadini saprebbero se nella propria zona sono stati previsti o meno ed armarsi, eventualmente, di un po’ di pazienza oppure di costituire un comitato.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura