SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Piattaforme di trading: scopriamo quali sono le migliori del momento per principianti

La scelta di una piattaforma di trading per principianti. Broker MM o ECN: qual è il servizio giusto per un trader alle prime armi

Borsa, mercato, speculazione finanziaria

Nell’ultimo anno sono aumentati gli investitori privati, un fenomeno sostenuto dalla crescita del mercato azionario, dal rally delle criptovalute e dalla pandemia di Covid-19. La maggior parte dei broker ha registrato un deciso incremento nel numero di clienti, con sempre più utenti che usano le piattaforme finanziarie per investire online.

Secondo gli esperti di Webeconomia.it, tra le migliori piattaforme di trading si inserisce eToro, uno degli operatori più apprezzati soprattutto dai trader alle prime armi. L’intermediario è gettonato per il social trading, il programma zero commissioni sulla compravendita di azioni e la funzione copy trading, con la quale si possono replicare le strategie operative degli altri investitori.

In forte crescita anche ForexTB, una piattaforma moderna per il trading online, presso la quale trovare funzionalità avanzate per l’analisi finanziari e un servizio di qualità per i segnali di trading. In aumento anche gli utenti iscritti su Plus500, broker online specializzato nel trading CFD, con il quale investire in azioni, indici, criptovalute, materie prime e Forex con spread bassi, anche dai dispositivi mobili tramite app per il trading mobile.

Cosa valutare nella scelta di una piattaforma di trading per principianti

Per cominciare a fare trading online è necessario valutare con attenzione quali siano le migliori piattaforme di trading per principianti, analizzando in modo accurato il software per gli investimenti online e i servizi proposti dal broker. Innanzitutto è essenziale affidarsi a un operatore autorizzato, verificando la licenza dell’intermediario sul sito web della Consob, oppure all’interno del portale dell’Autorità di riferimento, come la CySEC di Cipro o la FCA inglese.

Inoltre, non bisogna sottovalutare la reputazione del broker online, accertandosi che l’azienda goda della stima dei trader registrati e di una certa autorevolezza nell’ambiente. Questi controlli si possono eseguire su siti web di settore, nei forum dedicati al trading e alla finanza, oppure nei gruppi social dei trader. Dopodiché, la piattaforma deve garantire condizioni adeguate per gli investimenti finanziari, ad esempio offrendo spread contenuti al posto dei costi fissi, un’opzione importante soprattutto per chi non ha un capitale elevato per iniziare.

Ovviamente, non devono mancare gli strumenti per l’analisi finanziaria, con un’ampia gamma di grafici, indicatori e oscillatori per lo studio tecnico dei prezzi, oltre a soluzioni professionali per l’analisi fondamentale, al fine di poter realizzare valutazioni approfondite dei mercati e degli asset prima di investire. In aggiunta alla piattaforma desktop è utile avere a disposizione anche un’app per il trading mobile, per usufruire di una maggiore accessibilità e scegliere l’applicazione preferita per ogni tipo di esigenza.

Per testare i servizi del broker e le funzionalità della piattaforma è indispensabile la presenza di un conto demo, possibilmente gratuito e illimitato, attraverso il quale fare pratica senza rischi. In questo modo è possibile migliorare le proprie competenze, imparare come costruire una strategia operativa efficace e valutare la soluzione di trading proposta dall’intermediario, per decidere in modo consapevole se si tratta effettivamente dell’opzione migliore in base alle proprie necessità.

Broker MM o ECN: qual è il servizio giusto per un trader alle prime armi

Nel settore si possono trovare due tipologie principali di servizi di trading, i broker market maker e gli operatori ECN. I primi sono più indicati in genere per i trader principianti, in quanto consentono di investire in un mercato controllato, in cui non vengono applicate commissioni fisse ma appena un piccolo spread sulle posizioni eseguite. Questi intermediari mettono a disposizione servizi di trading facili da utilizzare, richiedono un deposito minimo e offrono maggiori tutele nella chiusura automatica degli investimenti.

I broker ECN, invece, assicurano un accesso diretto ai mercati, tuttavia possono prevedere anche dei costi fissi, è necessario di solito un deposito iniziale più alto e si possono usare leve finanziarie più basse. Al contrario, queste società garantiscono una velocità di esecuzione considerevole, sebbene non venga garantito il posizionamento degli ordini, per questo motivo gli operatori market maker sono di norma più adatti per i trader alle prime armi, specialmente per chi vuole iniziare con il trading CFD.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura