SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Paradisi: “Tornino a ‘bordo’ i dirigenti superpagati”

Dipendenti in prima linea e tre dirigenti a casa da settimane: manca il decoro politico ed etico

1.083 Letture
commenti
Belenchia Servizi Immobiliari - Amministrazione condomini Senigallia - Nuova sede
Roberto Paradisi

La nave della pubblica amministrazione èsemi-deserta. I dipendenti comunali sono presenti con il sistema delle turnazioni quando non lavorano da casa. E questo, anche nella “fase 2”.

Così, senza preavvisare, questa mattina mi sono recato (con tanto di mascherina) ad esercitare il mio diritto politico e costituzionale di rappresentante delle istituzioni. Dall’ispezione consiliare è emerso che a Senigallia tre dirigenti su quattro non si vedono in Comune da settimane. Solo il segretario Morganti (solo oggi assente per un lutto in famiglia) ha continuato a presidiare palazzo municipale e a lavorare fianco a fianco con i dipendenti.

Gli altri dirigenti (Paolo Mirti, Gianni Roccato e Laura Filonzi) sono a casa. Presente il sindaco Mangialardi e presente anche, nella seconda fase della ispezione consiliare che ho esercitato a Monterado, sede dei servizi sociali dell’Unione dei Comuni, il dott. Maurizio Mandolini con la funzionaria Campolucci.

Dei tre dirigenti comunali invece, nessuna traccia e porte chiuse a chiave (troppe). Nulla di illecito, per carità. Ma mi domando: quando una nave è in difficoltà, quando il rischio contagio esiste ma occorre dimostrare ai cittadini che la pubblica amministrazione (con tutte le accortezze di prudenza) c’è e funziona, perché si mandano in prima linea i semplici dipendenti e basta, quelli da 1.200 euro al mese per intenderci? Da cittadino mi aspetto che i comandanti stiano davanti alle truppe, per dare il buon esempio, per rappresentare una guida. Non mi aspetto che si trincerino (leggi permettendo, si intende!) dietro la scrivania di casa lasciando i dipendenti semplici da soli a rischiare il contagio.

Chi percepisce 80, 100, 120 mila euro all’anno (dalle 3 alle 6 volte di più di un dipendente) ha un dovere in più di presenza, non cento in meno. Dò merito al sindaco e ai dirigenti Morganti e Mandolini di esserci (a Monterado poi ho trovato tutti i dipendenti operativi al loro posto distanziati e con mascherine, come dovrebbe ormai essere anche a Senigallia in una fase di ripresa), ma trovo eticamente ingiustificabile l’assenza pesantissima ed eticamente inaccettabile degli altri. “Tornino a bordo”, adesso. I capitani non lasciano la nave facendo rischiare gli altri. Solleverò questo imbarazzante caso in Consiglio Comunale.

Roberto Paradisi
Unione Civica

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Emergenza Coronavirus

Coronavirus: tutte le notizie

Ritiro dell'asporto su ordinazione

Ritiro del cibo d'asporto su prenotazione a Senigallia e dintorni

Generi alimentari, di necessità e piatti pronti: consegne a domicilio