SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Valce - Kit cortesia hotel - Monouso finger food - Bicchieri per eventi e party

Tutto pronto a Senigallia per la presentazione del libro “170 anni sul velluto”

Il volume dedicato alla storia balneare senigalliese sarà protagonista di un evento in programma giovedì 8 agosto

Presentazione del libro "170 anni sul velluto"

Giovedì 8 agosto prossimo, alle 7 di sera, sulla terrazza della Rotonda a Mare sarà presentato al pubblico il libro dal titolo “170 anni sul velluto” e sottotitolo “Il libro d’oro della spiaggia di Senigallia”.

Si tratta di un volume di quasi quattrocento pagine molto illustrate, lungo le quali si distribuisce, per episodi attraversati da numerosi intermezzi, il racconto della storia balneare senigalliese, dal primo Stabilimento Bagni fino al turismo dei nostri giorni: vicende grandi e piccole, in genere seducenti ed emozionanti, dove ritornano luoghi e personaggi quali testimoni di fasti (e anche qualche nefasto) di questa nostra spiaggia.

Un libro d’oro, dunque, come quelli che una tempo si assemblavano per illustrare la storia e le imprese delle famiglie nobili: riccamente illustrato e ampiamente godibile, volto alla piacevolezza più che allo studio pedante, ma per questo tanto più veritiero: forse il modo migliore per ricostruire alla Spiaggia di Velluto le puntate di una saga che è destinata a rinnovarsi, natura e fortuna permettendo, ancora per molti anni.

Un libro d’oro non ha bisogno di una mano che lo scriva” – precisa il curatore Leonardo Badioli nell’ultima pagina – : “è già scritto nelle cose e nelle persone. Prima ancora che sulla carta, era impresso sui muri, nell’allineamento del lungomare, degli alberghi, dei bar, dei capanni e della stessa linea di costa; e, di retro a quello, nelle memorie orali e scritte e nel patrimonio fotografico di libri e archivi.

Non abbiamo chiesto altro a questo libro d’oro della spiaggia di Senigallia, se non che raccontasse lungo l’asse del divenire di un inizio volonteroso e partecipativo, di un seguito geloso e separato, di un aprirsi poi a grappolo verso i ceti emergenti e del suo espandersi nel tempo fino a coinvolgere l’intera città”; tutto questo perché essa stessa – non meno di chi da forestiero l’ama – si renda consapevole del posto che le spetta, del suo essere-nel-mondo come luogo speciale dell’accoglienza e delle arti.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura