SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Sicilia in Bocca da Tania - Prodotti tipici siciliani a Senigallia (AN)

Nuove prospettive di ricerca archeologica a Senigallia

ItaliaNostra e Archeoclub chiedono un impegno convinto dell’Amministrazione e dei privati

Scavi via San Martino

Sono stati avviati di recente a Senigallia i lavori di demolizione e ricostruzione del grosso complesso abitativo denominato ex Mulino Tarsi, posto all’incrocio fra via Mercantini e via Leopardi in Senigallia, dove sono previsti anche lavori di scavo in profondità per la costruzione di garage seminterrati.

Il luogo è di particolare interesse archeologico, perché si trova all’interno dell’antico giro di mura di età romana e altomedievale, e soprattutto non è distante dall’area di via Baroccio, dove nel 2014 nel corso di analoghi lavori sono stati rinvenuti resti archeologici molto interessanti, fra cui quelli di un luogo di culto risalente alla fondazione della città.

Come è noto, esiste a Senigallia una convenzione fra Comune, Università di Bologna, Soprintendenza regionale e Comune allo scopo di praticare l’archeologia preventiva, cioè di indagare sulla eventuale presenza di testimonianze archeologiche in aree di cantieri edili in ambito urbano e prevenire la distruzione dei reperti. Grazie alla disponibilità delle imprese e alla volontà collaborativa del Comune dopo il 2010 le indagini eseguite dagli archeologi bolognesi in via Cavallotti, via Baroccio, via Gherardi, piazza Garibaldi e piazza Lamarmora hanno dato risultati tutti interessanti e in qualche caso di grande rilievo, permettendo di ampliare la conoscenza della Senigallia sotterranea prerinascimentale e preroveresca, scomparsa nel corso delle varie fasi di ricostruzione dalla metà del ‘400 al ‘700.

Recentemente sono venuti alla luce anche in via S. Martino resti di pavimentazione stradale e di edifici attribuibili ad piccolo borgo quattrocentesco fuori delle mura malatestiane e demolito dopo la metà del ‘500 in occasione dell’ampliamento roveresco, della costruzione della chiesa e della strada antistante. Auspichiamo che sia in questo caso, come in quello ben più importante dell’ex mulino Tarsi si voglia sfruttare al meglio le occasioni offerte dai lavori e chiediamo all’Amministrazione Comunale di affiancare la disponibilità dell’impresa e magari sollecitare, cosa mai fatta finora, anche il contributo di qualche imprenditore privato. Da parte loro Italia Nostra e Archeoclub offriranno come sempre la loro collaborazione nelle forme richieste.

da
Prof. Virginio Villani
Dott. Paolo Negri

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura