SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

“Giù le mani, sindaco, dai diritti degli alluvionati di Senigallia”

I meetup M5S uniti: "Odioso speculare su Borgo Bicchia con la scusa del risparmio di suolo"

Sci Club Senigallia
Senigallia alluvionata: la situazione a Borgo Bicchia il 3 maggio 2014

I meetup di Senigallia del Movimento 5 Stelle si muovono uniti contro il sindaco Maurizio Mangialardi. Sotto la lente d’ingrandimento dei pentastellati finiscono stavolta le dichiarazioni rilasciate dal primo cittadino a un organo di stampa locale il 4 novembre scorso in cui presentava due specifiche misure prioritarie per la popolazione alluvionata: l’aggiornamento del piano di emergenza e la pianificazione per la pratica del consumo zero di territorio.

Se l’aggiornamento del piano di emergenza è un passo che obbligato dopo i fatti del 3 maggio su cui ironizzano “toccando ferro“, è sulla seconda misura che si concentrano i meetup senigalliesi. “Abbiamo già salvato dal cemento 100 ettari proclama il Sindaco nell’intervista – riportano -: ora, nella nuova variante urbanistica, che andrà a ridurre la capacità edificatoria a Borgo Bicchia e Borgo Ferretti, è prevista, oltre a prescrizioni sulle nuove costruzioni, la riconversione di nuove aree da edificabili in agricole, con conseguente sgravio fiscale per chi accetterà questa modifica“.

I grilli senigalliesi vogliono però vederci chiaro su un’iniziativa che potrebbe ‘spogliare dei diritti edificatori gli abitanti del Borgo Bicchia che ne sono in possesso‘ con la giustificazione della buona pratica del risparmio di suolo: fatichiamo molto a non definirla un’odiosa speculazione – attaccano i pentastellati – perché già abbiamo esperienza di cos’è stata finora in realtà la “buona pratica del consumo zero“. Perché non ce li fa vedere, almeno sulla carta, gli ettari salvati? Così tutta la città può valutare se è vero o no quello che vanta il sindaco“.

Il sindaco Mangialardi in visita a Borgo BicchiaI componenti i vari meetup di Senigallia attaccano un comportamento che ha lo scopo dichiarato di “alleggerire il carico antropico in queste aree già colpite dall’alluvione” in cambio di uno sgravio fiscale: non solo – sostengono – potrebbe non giovare se non per pochi spiccioli risparmiati dai cittadini alluvionati, ma lascerebbe in capo al comune decisioni importanti sui loro dei diritti edificatorispontaneamente” restituiti. Poi cosa ne fanno? Li cancellano? Ma allora bruciano valori e provocano un danno all’erario. Li accorpano? In questo caso sarebbe una truffa ai danni di chi li ha riconsegnati, perché i diritti edificatori hanno un mercato“.

Il rischio, secondo i grillini, è che sotto una “politica subdola” mascherata in veste elettorale da “buona pratica del risparmio di suolo” si nasconda invece la volontà di sottrarre il diritto di edificare a molti cittadini senigalliesi. Ma la cosa peggiore è che si tenti questa strada, questa “odiosa speculazione” come l’hanno definita, approfittando di “chi si trova in uno stato di difficoltà, come sono gli alluvionati del 3 maggio, appunto“.

Commenti
Solo un commento
Alberto Diambra 2014-12-16 20:46:08
Sindaco Mangialardi e,tutte le problematiche della ZONA PEEP MISA dove le mettiamo? Anche se (...omissis...) sulla trasparenza i già residenti hanno DIRITTO di avere una tranquillità idrogeologica e non è giusto essere condannati a convivere con acqua e fango nelle abitazioni non appena il fiume Misa si alza di livello,le ricordiamo che siamo pure noi elettori e suoi concittadini!!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!




Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura