SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Più incidenti sulle strade senigalliesi: i dati della Polizia Stradale

Grandi difficoltà tra tagli, alluvione e restrizioni di personale: ma "operativi al 100%"

1.595 Letture
commenti
Marcheinfesta.it
Paolo Molinelli

Tagli alle risorse per le forze di polizia, restrizioni organiche, problematiche connesse all’alluvione, comportamenti alla guida non consentiti che crescono diventando un vero e proprio fenomeno sociale: questo il contesto in cui ha operato il personale della Polizia Stradale senigalliese, il cui comandante, Paolo Molinelli, ha reso noti i dati delle attività poste in essere durante i mesi estivi del 2014.

Nonostante il caldo e il sole in questa estate 2014 siano un po’ mancati, con ripercussioni per villeggianti e operatori turistici, il lavoro per il personale della PolStrada senigalliese e provinciale non è certo mancato e i numeri parlano chiaro: 108 incidenti rilevati (+35% rispetto all’estate 2013), di cui 2 mortali e 67 casi con lesioni che hanno richiesto il soccorso per 92 persone (+64%). E a seguito degli incidenti rilevati, sono stati controllati tutti i conducenti dei mezzi coinvolti, accertando che ben il 30% era alla guida sotto l’influenza di alcol o droghe.

E questi sono solo alcuni dei numeri resi noti dal distaccamento senigalliese di via Rosmini che, nonostante un lieve calo nelle pattuglie effettuate per via delle restrizioni all’organico e ai mezzi, ha accertato ben 559 infrazioni. Se, per colpa dell’alluvione, non fossero stati danneggiati autovelox e telelaser (oltre all’allagamento della sede il cui ripristino è ancora in atto e in via di conclusione), il conteggio sarebbe stato purtroppo superiore agli anni precedenti, quando il conteggio si fermò tra le 1.000 e le 1.300 infrazioni.

Un aumento delle infrazioni accertate nonostante un lieve calo delle pattuglie e le oggettive difficoltà per via dell’alluvione possono dire solamente che i comportamenti non corretti alla guida sono in crescita – ha affermato il comandante del distaccamento senigalliese Paolo Molinelli – e perciò serve un notevole sforzo e impegno da parte di tutti, istituzioni in primis, perché si faccia prevenzione e si contrastino queste condotte pericolose. I nostri giovani, ormai, hanno preso l’abitudine a guardare il cellulare mentre sono alla guida, non solo per mandare messaggi, ma anche per aggiornare facebook o addirittura giocare: una moda che si sta diffondendo pericolosamente e che stiamo tentanto di rallentare con incontri nelle scuole e servizi informativi mirati“.

Ma l’impegno della stradale, oltre che informare e prevenire, è anche volto alla repressione dei reati alla guida e su questo ambito c’è ancora molto da fare come testimoniano altri numeri: 32 reati vari (con un arresto e 24 denunce), 15 patenti ritirate, 15 carte di circolazione ritirate, 10 sequestri amministrativi, 6 sequestri penali.

Numeri insomma che devono far riflettere sui rischi che si corrono quando vengono messi in atto comportamenti vietati e per i quali si dovranno aumentare i vari servizi previsti nelle strategie operative della Polizia Stradale a partire dai livelli statali e regionali fino ai singoli distaccamenti.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura