SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

La Lista Patto per Ostra Vetere: “Violare la privacy è un reato gravissimo”

Il Sindaco Memè l'ha fatto mettendo in viva voce una conversazione tra lui e un consigliere di minoranza

2.877 Letture
commenti
Panorama di Ostra Vetere

Nell’ultima seduta del consiglio comunale di Ostra Vetere, è successo un fatto gravissimo che il sindaco e la sua maggioranza hanno volutamente e scientificamente perpetrato nei confronti di un consigliere comunale di minoranza, eletto nella Lista Patto per Ostra Vetere. Un fatto gravissimo che viola il sacrosanto diritto alla privacy.

Il nostro consigliere comunale, raggiunto da una telefonata del sindaco Memè, che in quel momento era in Comune, si è permesso, senza dir nulla al consigliere, di mettere in “viva voce” la conversazione alla presenza di alcuni assessori della giunta, violando un diritto che non appartiene al consigliere comunale o al sindaco, ma a qualunque cittadino.

Quella telefonata tra sindaco e consigliere doveva rimanere esclusivamente una conversazione privata. Invece, il sindaco Memè ha pensato bene di mettere in viva voce il consigliere rimasto ovviamente all’oscuro di tutto.

Ciò che è ancor più grave è che il sindaco abbia confermato quanto accaduto durante la seduta ufficiale del consiglio comunale con la conferma di quegli assessori che hanno assistito alla telefonata.

Ci chiediamo se questo “metodo sovietico” sia utilizzato sempre e comunque per controllare qualsiasi dissenso possa nascere all’interno del “feudo amministrato” oppure sia un’attività di controllo che questa Amministrazione utilizza per arginare, fermare, bloccare o impedire che altri possano pensare diversamente dal “grande fratello”.

Certo è che la nostra Lista “Patto per Ostra Vetere” non si fermerà qui, ma vorrà vederci chiaro su quanto successo, soprattutto perché è legittimo pensare e credere che se il sindaco Memè e qualche assessore abbiano utilizzato questo modus operandi nei confronti di un consigliere comunale, lo facciano pure nei confronti di quei cittadini, ovvero di tutti quei cittadini, che hanno idee ed opinioni diverse da quelle espresse dall’Amministrazione.

Rimane il fatto che quanto accaduto sia di una gravità assoluta e ciò fa emergere come il sindaco Memè e la sua maggioranza considerino la nostra comunità. Si ricordino che queste forme di controllo sovietico perpetrati da veri e proprio regimi e dittature cancellate dalla storia non esistano più, tanto meno a Ostra Vetere.

da “Patto per Ostra Vetere

Commenti
Ci sono 7 commenti
babbala 2013-09-25 10:53:13
mamma mia che rosiconi sti supporter di bello..ma avete qualcosa da fare durante la giornata????siete sempre a scrivere su senigallia notizie...andate in giro qui per i paesi confinanti a vedere se vi vogliono ancora...
Sfinito 2013-09-25 11:10:29
solo una cosa:
IL TROPPO STORPIA!!!
roberto 2013-09-25 16:04:38
non invochiamo la privacy a sproposito! la telefonata è una cosa privata solo se uno dei due chiede che lo sia, altrimenti è come conversare a bassa voce con uno che urla per farsi sentire!
Claudio 2013-09-26 14:09:03
Chi non ha niente da nascondere, non ha nulla da temere !! Chi invoca la privacy, vuol dire che qualcosa da nascondere ce l'ha !!!!
Stanchezza 2013-09-26 16:36:41
Avete stufato! Siete diventati ridicoli, ma non avete un limite alla decenza?? Mesi e mesi a parlare male e tirar fuori ogni giorno stupidaggini...
ahaha adesso mettere in viva voce una telefonata è da denuncia ahaha allora ci sarebbero miliardi e miliardi di denunce al giorno solo nelle Marche..
Luisa 2013-09-27 08:54:54
Peccato che siamo in un paese in cui la legge non si applica come si dovrebbe e ognuno è libero di approfittarne e raggirarla a proprio uso e comodo!!!
Stanchezza 2013-09-27 10:20:08
Ma non diciamo assurdità..sono mesi che si tirano fuori sciocchezze e stupidaggini..si usa ogni minino pretesto per poter attaccare l'amministrazione e se non c'è lo si va a cercare per trovare a tutti i costi una "virgola" che non va bene.....negli anni passati credi che sia stato fatto tutto bene e tutto a regola d'arte?? ahahah eeeee non riusciremmo nemmeno ad immaginare le cavolate e furbizie che ci saranno state, la dimostrazione è che è stata proprio la vecchia maggioranza a dimettersi e a non voler più lavorare in quel modo.... eppure nessuno attaccava sempre come in questo periodo
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura