SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

1° maggio, Festa del Lavoro e dei Lavoratori, dall’Ottocento ad oggi

In Italia fu celebrato per la prima volta già nel 1890

Music Network
Il 1° maggio in una vecchia raffigurazione

Lavoratori, ricordatevi il 1 maggio di far festa. In quel giorno gli operai di tutto il mondo, coscienti dei loro diritti, lasceranno il lavoro per provare ai padroni che, malgrado la distanza e la differenza di nazionalità, di razza e di linguaggio, i proletari sono tutti concordi nel voler migliorare la propria sorte e conquistare di fronte agli oziosi il posto che è dovuto a chi lavora. Viva la rivoluzione sociale! Viva l’Internazionale!“.


Questo si legge – in un linguaggio comprensibilmente oggi datato – in un volantino diffuso a Napoli il 20 aprile 1890: è una delle prime testimonianze in Italia della festa del 1° maggio, celebrata ancora oggi in molte parti del mondo come Festa del Lavoro e dei Lavoratori.

La celebrazione nasce sulla scia delle tante battaglie operaie per una maggiore tutela dei propri diritti, pressoché inesistenti, sviluppatesi nel secondo Ottocento.
Ma fu un episodio avvenuto il 1° maggio 1886 a far cadere la scelta sul primo giorno del mese di maggio: in quella data furono organizzati a Chicago uno sciopero e una manifestazione per la riduzione dell’orario di lavoro a 8 ore giornaliere, brutalmente repressi nel sangue.

Nel 1889 il congresso della Seconda Internazionale, riunito a Parigi, stabilì che “una grande manifestazione sarà organizzata per una data stabilita (1° maggio), in modo che simultaneamente in tutti i paesi e in tutte le città, nello stesso giorno, i lavoratori chiederanno alle pubbliche autorità di ridurre per legge la giornata lavorativa“.

In Italia la Festa dei Lavoratori fu festeggiata per la prima volta nel 1890, mentre con l’arrivo di Mussolini al potere fu sospesa dal 1925 al 1945, per poi riprendere fino ai giorni nostri.

Commenti
Ci sono 4 commenti
Terry 2013-04-30 15:52:47
La festa del 1° maggio dei lavoratori oggi esiste solo a chiacchiere. Basta vedere tutti i centri commerciali aperti in questo giorno, non c'è negozio o supermercato che abbia serrande abbassate. Allora che festa è?
Michele 2013-04-30 17:49:27
Sono solo buffonate per far spendere soldi alla gente, c'è poco da festeggiare, dopo 15 anni di studi ti trovi in un call center perchè i posti buoni li prendono solo gli amici degli amici e passi le giornate a sgobbare svolgendo un lavoro ridicolo tra gli abusi e le minacce di licenziamento, ma alla fine chi se ne frega c'è la festa dei lavoratori!!! Evviva!!!
pie 2013-05-01 13:46:15
Ma quelli che lavorano da 35 anni!!! E anche di piu? Forse avrebbero diritto di festeggiare!! Se ora non c'e lavoro non e' detto che non si debba festeggisre!!
pie 2013-05-01 22:30:12
Ma la colpa di chi e'??? Questo ce lo chiediamo qualche volta??!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Emergenza Coronavirus

Coronavirus: tutte le notizie
Scarica nuova autocertificazione




Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura