SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Senigallia, assistenza ai disabili: Sardella replica a Battisti sulla commissione

"Massima attenzione, l'argomento verrà approfondito alla prima seduta utile, quella di settembre"

2.326 Letture
commenti
Simone Sardella

Il presidente della IV Commissione Consiliare Simeone Sardella replica al consigliere del gruppo Partecipazione Paolo Battisti sul tema dell’assistenza ai disabili. Lo fa con una lettera dopo la richiesta di un’immediata convocazione della IV Commissione per trattare il tema dell’assistenza educativa personale, scolastica e a domicilio, dei disabili, negata dal Presidente del Consiglio comunale, Enzo Monachesi.

Di seguito pubblichiamo il testo della lettera con cui si dà massima attenzione su un tema tanto importante e delicato, ma, al contempo, si informa che verrà trattato alla prima seduta utile, quella del 4 settembre, a decisioni già prese sull’anno scolastico ormai alle porte.

“Preg.Mo

Cons. Paolo Battisti

prendo atto della Sua richiesta di convocazione della IV Commissione consiliare e della risposta fornitaLe dal Signor Presidente del Consiglio, il cui contenuto, che non mi sembra negare in alcun passaggio la convocazione della IV° Commissione, sostanzialmente condivido.

Mi preme ricordare come su un tema tanto delicato, che il gruppo “Partecipazione” ha avuto il merito di sottoporre all’ordine dei lavori della IV Commissione Consiliare, di mia esclusiva iniziativa ho ritenuto necessario non concludere i lavori della Commissione alla scorsa seduta del diciassette luglio, ma di aggiornare il percorso di approfondimento alla prima seduta utile di settembre, ossia quella del giorno quattro, al fine di meglio conoscere e valutare le iniziative intraprese dalla Giunta (quali ad esempio la predisposizione di una variazione di bilancio), così come illustrate dall’assessore Volpini, presente ai lavori.

A tal fine, stante l’urgenza e la delicatezza dell’argomento, è stato finanche posticipato su mia richiesta, con il consenso del presentatore Consigliere Perini, l’esame della proposta di ordine del giorno relativa alla costituzione del “Fondo per la Famiglia”.

Nel garantirLe la mia massima sollecitudine ed attenzione su un tema così delicato quale quello dell’assistenza ai disabili, che sono certo stare tanto a cuore a Lei, così come al sottoscritto ed all’Amministrazione tutta,  posso allo stato comunicarLe che è mia intenzione attenermi scupolosamente al Regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale e delle Commissioni Consiliari.

In proposito preciso che, ai sensi dell’articolo 25 comma 6° del regolamento citato, le proposte di argomenti da trattare in Commissione sono iscritte all’ordine del giorno della prima seduta utile, che nel caso di specie è quella del quattro settembre prossimo venturo; la Sua pregiata proposta verrà pertanto iscritta al terzo punto all’ordine del giorno.

Tengo altresì a precisare che, in virtù del comma 7° del medesimo articolo 25 citato, solo le proposte presentate da almeno un quinto dei Commissari sono iscritte all’ordine del giorno della Commissione con una riunione da tenersi entro quindici giorni da quello successivo alla presentazione della richiesta al protocollo generale del Comune.

Certo della presente, a disposizione per ogni ulteriore chiarimento, Le porgo i miei più cordiali saluti.”

Commenti
Ci sono 2 commenti
Franco Giannini
Franco Giannini 2012-08-03 15:17:08
Ho come la sensazione che in questa Italia dei mille problemi un fuoco si stia minacciosamente avvicinando ad una polveriera ed i Vigili del Fuoco, chiamati tempestivamente per spegnere l'incendio, rispondono al richiedente aiuto, arriviamo a settembre, a ferie fatte! Che cosa si è costretti a dire a denti stretti e con l'amaro in bocca (come sono certo lei stia facendo ora, caro Presidente, conoscendo un pochino la sua disponibilità), per non essere tacciati di "strumentalizzazione", quando il cuore ti dice una cosa ma il "partito" ti obbliga a farne un'altra.
O. Manni
Paul Manoni 2012-08-04 11:06:40
A me sembra evidente che in merito alla sospensione del servizio di assistenza ai disabili, sia stato fatto, da parte di chi amministra questa città, tutto quanto era possibile fare per PRENDERE TEMPO, e per arrivare a Settembre ed alla riapertura delle scuole, nel modo (per loro, ovvio!) più indolore possibile. Dal non aver comunicato la sospensione del servizio alle famiglie, al rinvio di discussioni in commissioni, passando per le riunioni a porte chiuse con mezze risposte decisamente insufficenti rispetto al ripristino del servizio. Se non fosse stato per queste famiglie che hanno protestato in modo energico e giustamente, tutto sarebbe scivolato liscio come l'olio, oltre qualsiasi giudizio da parte dell'opinione pubblica. Mi verrebbe voglia di dire a qualcuno di infilarseli nel (omixxix), gli ombrelloni chiusi della Bolkestein, i fumogeni delle Freccie Tricolore, le collanine di fiori del Summer Jamboree, i candelotti dei fuochi di artificio, e perfino qualche intero giocatore di calcio pseudo-vip "spiaggiato" in quel di Senigallia con il suo SUV, ma è meglio e per il bene di tutti, rimanere lucidi sulla questione, e supportare le famiglie di quei ragazzi con argomentazioni pacate e responsabili. Il problema sono i reati, dimostratisi poi in calo. Il problema sono i 32 alcolazziati della Notte bianca su 100.000 mila persone partecipanti. Il problema sono i cartelli stradali messi alla rovescia. Il problema sono le biciclette per il Corso II Giungo. Il problema sono i cessi chimici durante i concerti. Il problema sono i gatti che continuano a sparire mangiati dai cinesi dicono. Il problema sono le prese di posizione della Scuola di Pace contro la PAN istituita da Mussolini nel 1930, chiamata a dare spettacolo durante la festa della Liberazione di Senigallia. Tutto in questa città sembra essere "un problema", TRANNE ciò che un problema lo è per davvero!! Il silenzio dell'Amministrazione, non è poi tanto diverso dai silenzi di tutte le altre parti politiche sedute in Consiglio. Le stesse parti politiche che tutti i giorni, in modo COMPULSIVO ed ISTERICO, si stracciano le vesti e si strappano i capelli per sciocchezze di ogni tipo, e solo per puntare il dito contro i loro avversari politici. A DA FINI' STA STORIA. Il problemi sorgono, e come tali bisogna risolverli. Spetta a chi di dovere farlo, nel modo più tempestivo ed opportuno possibile.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno