SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

L’altra faccia: il brutto della Notte della Rotonda di Senigallia

Ambulanze a go-go e scene di delirio che degradano una festa che non è più evento. Diteci la vostra

8.255 Letture
40 commenti
Notte della Rotonda 2012: lungomare invaso dalla gente

La Notte della Rotonda 2012 ha attirato, come fa ormai dal 2006, decine di migliaia di persone a Senigallia. E’ una notte di festa, di quelle che vanno tanto di moda in questi anni sotto il nome di notte bianca, rosa, e di tanti altri colori o temi. Ma c’è una sostanza che non cambia: tanta gente significa tante situazioni da gestire… e molto non sono affatto belle.

Possiamo iniziare parlando dell’arrivo della gente. La questione parcheggi a Senigallia è annosa e da risolvere: nella serata e notte del 14 luglio si è riproposta ancora una volta. Definirlo parcheggio selvaggio è a volte riduttivo, con i passi carrabili e soprattutto gli scivoli per i disabili che molto raramente vengono rispettati e le auto a fare da spartitraffico in luoghi tipo piazza Toti.

Ma anche quando il traffico veicolare viene “alleggerito” da tanti ragazzini che scelgono il treno per raggiungere Senigallia, ecco che affiora il secondo punto più che spinoso: l’eccesso di alcol da parte dei giovanissimi. Sapere di vagoni popolati da passeggeri tutti con il loro “boccione” di vino o di altri cocktails dà il polso della piega che la nottata avrebbe preso per questi ragazzi. Non vogliamo nè fare i moralizzatori, nè dire che le consumazioni non si portano da casa: dopotutto c’è un’intera nazione che ci somiglia, la Spagna, dove spopola il botellón (ovvero il portarsi al seguito le bevande), ma le scene di ragazzi sotto i 18 già in preda ai fumi dell’alcol alle 20-21 sono forse il punto che più degrada la Notte della Rotonda. Bere indiscriminatamente qualsiasi cosa ti passa per le mani sicuramente “fa figo” quando hai intorno ai 18-20 anni, solo che dopo un’ora sei a terra: e non è un modo di dire.

Il fatto che passi l’idea della sbornia collettiva invece che della festa non fa bene a Senigallia: la città non ha bisogno di un lungomare traboccante ma in cui ogni venti/trenta minuti (a partire dalle 22!) passa un’ambulanza per andare letteralmente a raccogliere un ragazzo in coma etilico.

Come non ha bisogno di vedere moto e auto dei Carabinieri che passano e posti di controllo congiunti di Polizia Municipale e Stradale, insieme al Reparto Mobile: badate bene, non stiamo dicendo che nella nottata del 14 luglio non ci dovessero essere, ma proprio che una festa, in quanto tale, non dovrebbe in primis necessitare dell’intervento delle forze dell’ordine!

La Notte della Rotonda sta perdendo il proprio essere evento, in favore dell’essere bisboccia fine a sè stessa: nei primi anni del compleanno della Rotonda, la città era tutta brulicante di eventi collaterali, spettacoli anche in centro, marching band, concerti organizzati dai locali. Si può obiettare che i fondi di questi tempi scarseggiano, ma d’altra parte si possono percorrere altre vie, che non siano per forza la soppressione dell’appuntamento, ma l’accorpamento con altre iniziative o la ricerca di protagonisti che animino la notte richiedendo un esborso minore di fondi.

Col trascorrere delle edizioni, la Notte della Rotonda si sta via via appiattendo su un normale sabato sera, purtroppo con le solite “rissette” per nulla, in cui però si fa musica e si sta aperti un’ora in più e si organizzano feste in spiaggia tutte contemporanee.

La spiaggia è l’altra “vittima” della nottata: a parte gli stabilimenti in cui erano previste feste, che erano quindi consci della successiva opera di ripulitura, ci giungono le segnalazioni della sporcizia in cui versavano anche tante altre zone del litorale e del geniale gioco del “tiro all’ombrellone con i bicchieri”, di cui si stava rendendo protagonista un 20enne.

Sempre sul fronte sporcizia, c’è da segnalare la grande quantità di bidoni supplementari giustamente disposti per il lungomare… peccato che a fine nottata il 90% di questi era stato ribaltato.

Un ultimo appunto “tecnologico” che vogliamo fare, prima di lasciare spazio ad eventuali segnalazioni o discussioni tra i lettori che vorranno intervenire, è per i gestori telefonici: se è prevista una concentrazione di persone sopra le capacità delle celle telefoniche, normalmente la rete andrebbe temporaneamente potenziata… nella notte di sabato, invece, in tanti sono stati impossibilitati a prendere la linea con il loro cellulare.

Commenti
Ci sono 40 commenti
kkk 2012-07-15 19:57:55
il temporaneo aumento di celle telefoniche non può essere temporaneo......o si aumentano le antenne o niente, solo così si può telefonare in questi momenti di folla.....era già accaduta una cosa del genere al caterraduno....è normale! Le antenne della zona supportano fino ad un certo numero di utenti, durante l'estate senigallia si popola e questi non bastano!
Gianfranco 2012-07-15 20:23:48
I giovani e non piú giovani devono imparare che per divertirsi non c'é il bisogno di riempirsi di alcol la pancia e fare atti vandalici per sentirsi piú belli e piú forti. E se lo fanno vuol dire che non hanno capito che cosí facendo fanno danno alla comunitá e a loro stessi.
Un povero tra i poveri (di politica) 2012-07-15 20:24:36
"IL BELLO E IL BRUTTO DELLA FESTA"
Perchè dividere in due l'articolo sulla (Notte Bianca)sono le due facce dela stessa testa. Ho assistito da vicino all'evento dalle 20,00 alle 06,00, si sino all'alba, ma quello che ho visto mi ha fatto paura. La parte bella (il compleanno della Rotonda) il resto fa parte dell'altra faccia quella brutta. Prima di mezzanotte, quindi prima della fine dei fuochi, ambulanze in piena attività, su un lungomare pieno di gente da non camminare, e le ambulanze con le sirene spiegate che non riuscivano a passare perchè la gente non si spostava. Ragazzi e ragazze, raccolti in spiaggia e sul lungomare, in preda ai fumi dell'alcool, ridotti come stracci da far paura e rabbrividire. Locali, ogniuno, con la propria musica sparata a palla. I ragazzi che ballavano tutti e saltavano uno attaccato all'altro, ma se ti fermavi a guardarli bene molti si muovevano senza capire cosa stessero facendo, perchè ubriachi. Vedere ragazzi con bottiglie di birra in mano, con il divieto, fa impressione, ma vedere ragazze o ragazzine, sotto i 18 anni con bottiglie di vino e alcolici in mano, essendo gia completamente ubriache fa paura. Ne ho viste certe, inibite dall'alcool, atteggiarsi a donne navigate della peggio specie in mezzo a tutti gli altri ragazzi, non capivano più cosa stessero facendo e con chi o con quanti. Alle 04,00 la musica dei locali e delle feste in spiaggia andava ancora a palla e i ragazzi con lei. Dalle 04,30 alle 05,00 si sono spente le casse degli autoparlanti, con l'arrivo dei primi bagliori, i ragazzi hanno iniziato a sfollare dal lungomare con molti che si sono riversati in spiaggia per dormire o fare il bagno con un gridare che aveva preso il posto degli altoparlanti, prima la musica copriva le loro grida. Con la luce del giorno la spiaggia era piena di ragazzi, che giocavano a pallone, che dormivano, che facevano il bagno anche ubriachi. Sul lungomare, coperto da bicchieri di plastica ed altro, sembrava un campo di battaglia, un puzzo di alcool da far rimettere. I locli chiusi, dove si era festeggiato, neanche puliti, con tavolini a terra, con tutti i bicchieri, alcool ed il resto, che i ragazzi non erano riusciti a trattenere. Squadre di ragazzi che si muovevano sul lungomare in gruppi di 10,20,30 ragazzi, e non erano molto sereni, al punto che qualche rissa c'è stata. Ragazzi, che passavano vicino a macchine o motorini, sferravano calci solo per il gusto di sfasciare. Nella nottata ho contato una ventina di interventi con ambulanze una macchina delle forze dell'ordine in spiaggia, macchine della polizia Municipale, Carabinieri e Polizia passare sul lungomare. Quello che ho visto non miè sembrata una festa e non mi è piaciuto ma era una guerra dove le vittime sono proprio i ragazzi (che devono spendere per divertirsi senza nessuna sicurezza purchè spendano). Il Bello (poco davvero)e il Brutto (tanto) della festa fanno parte della stessa testa che partorisce e continua a partorire questa festa che non è una festa al solo beneficio del dio Denaro. Non mi si venga a dire che tutta quella gente presente in spiaggia e sul lungomare era in sicurezza, con ambulanze che non si muovevano, forze dell'ordine che non passavano, ragazzi ubriachi nelle ore notturne che facevano il bagno in mare. Ragazzi ribellatevi a tutto questo, mascherato in feste di che non si sa bene se non per il denaro, la festa la stanno facendo a voi ma in tutti i sensi, vivete la vita e consapevoli di quello che state facendo godendola in pace e serenità e ricordare con piacere con chi siete stati quella notte.
Raffo 2012-07-15 21:24:41
Io la dico in due parole : ma a che serve la notte bianca ?Risultato : macchine danneggiate dagli ubriachi,stabilimenti balneari devastati, giardini ridotti a depositi di immondizia. Preferisco e lo dico al Signor Sindaco di distribuire di più gli eventi estivi ( concerti , spettacoli ecc.. )senza lasciar buchi vuoti nelle serate, centellinando così le risorse visto che la quota Comunale la paghiamo tutti e già che ci siamo dove le strade sono ridotte a colabrodo ,ecc.. ecc..
Andrea 2012-07-15 21:34:46
Sottoscrivo il povero che mi ha prestato gli occhi, io vivo vicino al mare e quindi le orecchie hanno potuto ascoltare quello che vedevano gli occhi.
Senza la cultura che accompagnava l'idea della notte bianca dalla sua genesi, rimane solo il profitto, quello che è capace di generare la vendita di alcol, bastava farsi un giro nel pomeriggio per vedere quello che si preparava, tra chi lucidava i bicchieri e svuotava le casse e chi era già con gli occhi spenti e il fiato che bruciava l'aria. Ma non c'è moralismo e ipocrisia che tenga, politici e soloni, bravi padri e madri si batteranno il petto unendosi a quelli che propongono la tolleranza zero. Bisogna invece ridare un senso alla vita, fatta di passioni, di amori, di diversità, del gusto della cultura per un bicchiere di vino o di birra di cui si conosce la provenienza e se ne riconoscono gli odori e i sapori. Ma c'è qualcuno che sappia restituire a questi giovani uno sguardo verso futuro che gli è stato rubato da un mondo adulto disgraziatamente ripiegato su se stesso?
marianna 2012-07-15 21:55:26
ma chi sono quei disgraziati che vendono alcolici ai ragazzini? tutto questo non è una festa ma una vergogna!!
Edoardo 2012-07-15 22:47:08
e magari chi si diverte a sfasciare sono proprio quei ragazzi che quando vedono le immagini delle manifestazioni di piazza dicono che gli sbirri dovrebbero ammazzare chi danneggia auto o altri beni, la repressione aiuta... ad auto reprimersi volente o nolente siamo quasi tutti complici del gioco.
Personalmente la mia notte bianca l'ho passata in un posto sperduto nelle campagne senigalliesi in un clima alcolico ma al contempo sano dove tra 100 o forse più persone presenti aleggiava un clima di gioiosa festa una bomba proprio, e il lungo marciapiede non mi è mancato nemmeno un po
Ma poi cosa vi lamentate se siete i primi a dare profumati euro ai vostri figli che già sapete che in serate come queste le'investiranno in "degradanti" bevute?
e poi se il problema è la sporcizia che è vero non è bello che ci sia sappiate pure che esistono gli operato comunali o ecologici che lo fanno di mestiere tanto devono girare e se una mattina lavorano di più non è un dramma per la collettività
Giovanni Gregoretti
Giovanni Gregoretti 2012-07-15 23:14:17
ma chi sono quei disgraziati che organizzano casini di questo genere? Io non ero presente, ma ho visto cosa accade in occasione della stramaledetta festa havayana che si organizza sul lungomare Mameli nel periodo del summer jamboree. E mi è bastato. Questo incitare i giovani verso lo "sballo" che qualche intelligentone ha il coraggio (per me è un demente) di chiamare "positivo" è l'errore più grande che si possa fare ai fini educativi della gioventù. Questo continuo curare solo la "pancia" dei giovani e anche dei non più giovani costituisce un ottimo mezzo per far si che vi sia sempre meno gente che sappia pensare. Una volta si parlava di "cervelli all'ammasso". Auguri.
Federico 2012-07-15 23:34:40
Abito a senigallia ma non sono mai andato alla notte della rotonda e mai andrò; l'ho sempre schifata. Già il fatto che il tema della serata è il compleanno d'una struttura, mescolato con pseudo spettacoli artistici/pirotecnici mi fa sbellicare dalle risate. Un'ammasso di carne da macello con cui non ho la minima intenzione di amalgamarmi. Saluti e buone pulizie.
pacchiò 2012-07-16 00:16:28
E' tutto molto semplice: se la notte bianca la fa un bar privato è un delinquente in tutte le sfaccettature (musica, alcolici, assembramento di persone, schiamazzi, rigurgiti,); se invece ad organizzarla è una istituzione dello Stato come il Comune di Senigallia è tutto regolare! E come al solito non interessano a nessuno le cifre, il costo dell'evento che ovviamente è spesato con soldi pubblici. Poi però quando c'è una tassa nuova tutti a lagnarsi senza capirne il perchè.
angelo 2012-07-16 07:35:40
c'è anche qualche commento favorevole a questo tipo di feste? che venga fuori! ci faccia capire perchè si debbono fare ancora questo tipo di manifestazioni, altrimenti basta con questo schifo di feste che legalizzano lo sballo e sono del tutto diseducative!
Roberto F. 2012-07-16 07:55:16
E' una festa da interrompere,da cancellare, serve solo a mettere in difficoltà le persone e i ragazzi che vorrebbero divertirsi davvero, senza il rischio di imbattersi in orde di giovani assatanati con la bottiglia in mano pronti a fare botte o a distruggere ciò che incontrano. E' una vergogna per una città come Senigallia che si è sempre distinta da altre proprio per una certa linea; il rispetto verso chi ama una città tranquilla e responsabile. Sono rimasto disgustato nel notare che giovanissimi avevano come bagaglio sulla schiena zainetti pieni di bottiglie, come fossero usciti da casa per una battaglia e non per divertirsi. Le famiglie con bimbi piccoli impauriti dagli atteggiamenti di questi minori imbufaliti dall'alcol! è ora di cambiare!!! una festa che non è festa.
Fiorenzo Arduini 2012-07-16 09:16:09
L'altra "feccia della festa", forse era più calzante...............
BlackCat
Dionisio 2012-07-16 09:20:39
Una gran bella festa, un gran pienone, bella musica in molti posti del lungomare come raramente accade, sembrava di stare ad Ibiza! I bar si sono comportati correttamente, alle 3 non davano più da bere (e mi è dispiaciuto assai!). Qualche effetto collaterale che è normale che avvenga quando si sposta tutta quella gente... si parla di centomila persone! Quando vado ai festival internazionali di musica in giro per l'europa accade di peggio con un terzo delle persone presenti sabato sera a senigallia. Un gran successo, peccato che si possa fare solo una volta all'anno.
gianni 2012-07-16 10:00:38
purtroppo questo è il ritratto delle condizioni in cui si trova non solo senigallia ma tutta l italia una crisi etica sociale politica maleducata........i tempi sono cambiati ma in peggio. è un gran peccato
BlackCat
Dionisio 2012-07-16 10:01:20
PS. mai avuto paura un secondo, mai visto in pericolo la mia incolumità un secondo, ho dato un paio di spallate forti a qualche ragazzo (involontariamente) che mi ha guardato brutto... ma un sorriso e un sorso di birra a rimesso sempre tutto nella giusta strada, festeggiare con gioia. I timorosi, i paurosi, quelli che vedono con occhio nero tutto questo mi sembrano i "cristiani del primo testamento". Abbiate timore, abbiate paura, l'ira di Dio si abbatterà su voi peccatori...
Ñáñolo 2012-07-16 10:30:28
Ma se uno dice che della notte bianca e locali annessi non gliene frega una beneamata cippa e vorrebbe poterne stare alla larga dieci miglia, passa per bigotto-oscurantista-complessato?
BlackCat
Dionisio 2012-07-16 10:40:29
@ Nanolo > certo che no! L'importante è non voler vietare agl'altri quello che tu non ti vuoi concedere. Vedrai che gli altri non avranno nulla da dire se tu preferisci fare altro.
ELLEPI 2012-07-16 11:26:32
La Notte Bianca di Senigallia non ha nulla a che vedere che quello che in giro per il mondo sono le notti bianche.
Se la linea ed i futuri programmi per queste serate non verranno modificate dagli organizzatori e dall'amministrazone....che almeno cambino il nome dell'evento trovandone uno più appropriato.
Tolto lo spettacolo e concerto in onore alla bella rotonda il resto è una notte di devastazione della città con gli unici a fare cassa i gestori dei locali che vendono fiumi di alcol
Galuco Galucoma 2012-07-16 11:38:52
Sono stato fino alle 5.00 di mattina e mi sono divertito molto...pure io non ho mai avuto 1 solo problema con nessuno..mai visto pericoli di risse ecc ecc (molti ubriachi e stupidini quello si ma mai innervosito da nessuno però....) tantissima gente e tantissime persone ballare e divertirsi...se parliamo di 5 risse in un totale di 50- 60 mila persone..beh non vedo perchè chiudere un evento dove ci sono 50 mila persone che si divertono e 50 che fanno casino e rissa...IO LA VEDO COSì...poi tutto da migliorare ovvio..cestini...servizi pubblici...personale che vigila con piu discrezione (la polizia per come er amessa sembrava pronta al G8 ...ok ok esagero..ma secondo me potevono essere un pelino piu "discreti"...sempre presetni ma discreti...) ovvio che tanta gente porta tanto disagio per la città..secondo me ..chiudere un evento così sarebbe un peccato...bisognerebbe solo migliorarlo in tutti gli aspetti ma non distruggerlo (tornare a fare eventi in città ...residenti permettendo visto che poi rischiamo gavettoni tutti la notte... non sarebbe male). PS per Angelo...tu qui hai letto 18 commenti negativi...ripeto 18 e ribadisco 18..pensi che siano tanti?? in genere scrive solo chi critica..chi si diverte se ne frega di commentare...io ho scritto solo per farti vedere che su 20 commenti 2 persone erano favorevoli ..ma ti assicuro che dsu 60 mila persone che erano presenti alla festa..piu della 1/2 (e secondo me molto ma molto di piu che 30 mila) sono favorevolissimi...se ho torto..il prossimo anno sarà un fiasco e non vedrai nessuno..scommetti che invece è piauto a tanti e ik prossimo anno rivedrai 60mila persone?? (tranne voi 18 che criticate ovvio) scusate per come ho scritto ma sono int reno su un tab che non funzionaaaa
BlackCat
Dionisio 2012-07-16 11:43:06
@ ELLEPI > ...e che riverseranno fiumi di IVA e TASSE nelle casse del comune e dello Stato. PS. infatti durante la Notte Bianca di Firenze o quella Rosa di Rimini/Riccione sono tutti sobri... ehehehehe ;-)
Giò 2012-07-16 12:03:24
Io dico boh!
Fortunatamente " i cristiani del primo testamento" (poi ce spiegherai, perché del primo e non del terzo...) non bevevano 10 mojito per essere felici, e soprattutto per divertirsi, non lanciavano cubetti di ghiaccio sulle teste dei propri fratelli pellegrini!  
Certo che offrire una birra e regalare un sorriso, a chi "involontariamente" ti ha spaccato il sopracciglio con un ghiacciolo, questo si, che  è proprio un esempio di cristiana fratellanza, del tipo "porgi l'altra guancia" ... Te volevo proprio vedè se ti limitavi solo a guardarlo "brutto".
Per quanto riguarda l'ira del tuo Dio, ti informo che purtroppo non esiste, altrimenti avrebbe sicuramente folgorato, chi mostrava la sua forza prendendo a spallate i lampioni del lungomare per fulminare le lampadine .... "che gioia ehh!" ... dico io, se fai cadere un bicchiere per terra, grazie al caxxo che si rompe, ma non vuol dire che sei forte...e nemmeno figo, visto che non sei tu che poi raccogli i cocci...Anzi, giusto per ribadire il concetto che non è figo, ricordo che la tassa sull'immondizia che tutti gli anni versi  o che versano tua mamma e tuo papà, a discapito della tua paghetta, e che comunque versano i tuoi "cristiani" concittadini, serve per pagare queste manifestazioni di giubilo...
Comunque hai ragione tu! Tutto questo "NON E' PERICOLOSO" , anzi come hai correttamento osservato, visto che in giro per l'Europa accade di peggio, la prossima notte bianca suggerisco un maggiore impegno, visto che pure tra i peggio non siamo riusciti ad arrivare primi.... Io dico boh!
BlackCat
Dionisio 2012-07-16 12:17:54
E ci mancherebbe pure che pago la tassa sull'immondizia e poi il Comune non pulisce in queste circostanze di gran afflusso di persone! Si, in Europa accade di peggio. Nella "civilissima Inghilterra", dove tutto è super controllato, telecamere ovunque e polizia ovunque, dove imperà l'ordine, le persone hai pub si prendono certe mine e si comportano in certi modi (le risse sono all'ordine del giorno) che tu forse nemmeno immagini. Per quanto noi italiani siamo casinari non siamo così violenti, forse perchè siamo meno repressi degli Inglesi. Per quanto riguarda Dio, non avevo dubbi che non esistesse ;-) Il primo testamento perchè è quello dove il Dio è descritto in modo vendicativo, autoritario.. solo per quello. Non è che il resto del Cristianesimo (cattolico) abbia fatto tanto bene, anche con il secondo o terzo testamento (le radici sono sempre quelle). Ti ricordo che prima dell'avvenuta del Cristianesimo come religione di Stato i baccanali e le orgie esistevano. Ricordi i murales di Pompei?!?! Vogliamo andare all'antica grecia e vedere se le persone non facevano festa quando era ora? Suvvia! Lo dici a Dionisio (sai chi era si?!?!) ?
Indignata 2012-07-16 12:25:54
Dionisio ho letto i tuoi commenti e scusami se te lo dico ma tra questo e quelli dell' altro articolo mi vien da pensare a tre ipotesi:
1) o lo fai sarcasticamente ( e spero sia cosi)
2) o sei veramente convinto di quello che scrivi ( e li diventa preoccupante)
3) o sei uno di quei tanti ragazzini che hanno contribuito al degrado totale di massa (e ancora se ne porta dietro i postumi di quella sbornia).
Nel primo caso sei un fenomeno, lo dici con talmente tanta convinzione da sembrare quasi vero!
Nel secondo....qua ci dobbiamo preoccupare seriamente e sperare che di persone che la pensano come te ce ne siano veramente meno di quante ce ne possiamo aspettare ( anche se un complimenti per il coraggio che hai a dire simili pacchianate devo ammetterlo, ne hai da vendere).
In ultimo caso direi che forse ti ci vorrebbero un paio di sani ceffoni fatti ben bene dai tuoi genitori ( anche se ormai ho paura sia troppo tardi per raddrizzare una persona); magari qualcosina di quello che hai detto, te lo saresti rimangiato volentieri!
Qui non si tratta di benpensanti caro amico, qui si tratta che per colpa di chi, come te, non vede il problema e si sente forte e giustificato dal fatto che tutto alla notte bianca è concesso, ci possano rimettere quelle persone che a differenza tua e di tanti altri come te, vorrebbe viversela tranquillamente e divertendosi davvero, senza per forza dover vedere scempi di ogni tipo ad ogni angolo delle strade, senza dover provvedere e rimetterci ai danni da voi causati,senza dover ballare il saltarello per evitare i vari " rigurgiti" lasciati ovunque.
Ora,per carità, giustissimo il detto non si puo' "fare di tutta l'erba un fascio", ma in casi come questo " punirne uno per educarne 100" mi sembrerebbe utile specie se,per colpa di qui pochi 1...devono rimetterci gli altri 99!
Detto ciò...spero davvero che questa notte bianca, se deve continuare ad essere questo, venga abolita il prima possibile; chi vuole continuare a sballarsi,lo farà di certo in altri luoghi e occasioni ma almeno,non siamo costretti a subirne gli atteggiamenti e le conseguenze.
Al contrario, continuerò (almeno io) a fare quello che ho sempre fatto: evitare "l'apertura delle gabbie dello zoo" e starmene a casa.
BlackCat
Dionisio 2012-07-16 12:44:34
Ormai è tardi per raddrizzarmi, cara Indignata. Sono grande e so comportami, mi so divertire senza rompere nulla, so stare in mezzo alla gente e alla bolgia e mi trovo a mio agio. Mi scusi ma forse la raddrizzata dipende dal punto di osservazione, per lei è raddrizzare, per me sono già dritto. Forse dal mio punto di vista è lei ha qualcosa di storto... Chissà... Il mio è un modo sarcastico, ma anche convinto, di dire quel che penso. Di estrazione libertaria e coscienziosa. La voce che magari non vorreste sentire e disturba i vostri sogni tranquilli.
INDIGNATO 2012-07-16 13:06:49
Ma Dionisio dio dei baccanali e delle orgie estatiche cosa stai dicendo? hai persino detto che c'erano ragazzi che fino all'alba hanno fatto l'amore in acqua o sugli scogli. Ti ricordo che nel tratto di mare tra la rotonda e il ponte rosso non ci sono scogli. Ma quale bevanda alcolica di sei bevuto. Deve essere una bomba.
BlackCat
Dionisio 2012-07-16 13:24:48
....perchè tu verso le prima ore dell'alba non sei andato a fare una passeggiata al molo per smaltire la sbornia... io si ;-)
INDIGNATO 2012-07-16 13:30:03
CHISSA' CHE COSA AVRANNO PESCATO I PESCATORI.
pacchiò 2012-07-16 13:52:24
Una bella scopata in spiaggia o sugli scogli all'alba è l'unica cosa che condivido. Solo che manco a pensarlo a Senigallia. C'è caso di vedersi arrivare Carabinieri, Vigili, Polizia Stradale, Finanzieri, Pompieri, guardie giurate, per poi finire tutto in prima pagina sul bugiardò l'indomani e rischiare di dover digerire pure un saggio di Mario Fiore sui giornali on-line il giorno dopo.
BlackCat
Dionisio 2012-07-16 14:11:20
Pacchiò, è fattela una scopata in spiaggia o sugli scogli, non te dice niente nessuno! Segui l'esempio, non aver paura! Sempre che non ci siano leghisti o fascisti muniti di cellulare che te fotografano e te buttano in prima pagina (vedi l'esempio di qualche settimana fa a Firenze) dicendo "guardate come è ridotta la nostra città!"
Senigallia città aperta!
Walter 2012-07-16 14:28:54
Sui soldi entrati nelle casse dei vari locali: dubito che quest'anno l'incasso sia stato esorbitante, e ne sono lieto, in quanto servire un cuba libre con 2 cl di rum (sicuramente annacquato, seguendo la tradizione del mamamia) e il resto coca cola, è un furto, contando anche che fanno pagare un cocktail 7€. Ho visto infatti per tutta la serata diverse persone con lo zaino in spalla che si erano portati da bere da casa, e pochi ai banconi dei locali, se non per prendere dell'acqua o qualcosa da mangiare per smaltire.
Ñáñolo 2012-07-16 14:31:44
Una bella scopata in spiaggia all'alba è quello che ci vuole. Ma ricordatevi di togliere la sabbia dal glande.
palin 2012-07-16 14:41:19
Business is business. Chi è a favore non commenta perchè è nelle cose: locali aperti fino a tardi surplus di clienti, atmosfera da festa e da libertinaggio, anche coi soldi... Dello sballo e dei danni gliene frega come ai coccodrilli delle lacrime ad alcuni, ad altri di più ma se partecipassero alla greppia si accontenterebbero.
copio l'opinione di Andrea: meno quattrini, meno brutta musica, meno folla, più cultura, più eventi piccoli e pensati, ma per una scelta simile ci vorrebbe non solo una giunta all'altezza di scelte umane e socialmente utili ma anche una cittadinanza non governata dal business estivo. Non so ma sono scettico eppure ci spero e ci lavorerei e saprei chi indicare e quali mezzi, spettacoli, eventi promuovere invece che altri.
Associazioni, no siae, musica di autore, eventi cinema danza lettura incontri, più scelta e meno massa indistinta. Non è follia ma è sotto gli occhi di tutti cosa è ora e cosa potrebbe essere.
O. Manni
Paul Manoni 2012-07-16 15:41:20
La determinazione di alcuni nel descrivere il mondo come tutto "brutto e cattivo", ha finito per renderlo tale...Troppi commenti che descrivono la "notte bianca" brutta e cattiva, la stanno rendendo tale. Cosa che nella realtà dei fatti e dei numeri non è. Vi state lamentando per una trentina di idioti su oltre centomila persone che sono venute a Senigallia e si sono divertite in modo sano. La matematica non è un'opinione e se calcolate a quanto ammonta la percentuale di 30 persone (quelle ricoverate che hanno creato il vero disagio) su 100.000, vi renderete conto da soli che state parlando del nulla. Chi si lamenta non ha il senso delle proporzioni, oppure ha la testa che gli funziona male, visto che è impossibile portare a Senigallia 100.000 persone, senza i disagi fisiologici che tutto questo comporta.
lisbeth 2012-07-16 15:47:21
andrea garbin ha detto le cose più giuste, secondo me. ma mi risulta che sia assessore alle politiche giovanili... nessuno lo ha ascoltato?
Francesco 2012-07-16 17:14:15
Nel condividere le opinioni di Andrea, penso che sia necessario aggiungere, che questo tipo di evento sia richiesto a gran forza dalle strutture turistiche bar, ristoranti e stabilimenti balneari che con un evento "notte bianca" risolvono il quadagno di una stagione estiva incerta per la crisi. Attenzione non è per scagliarmi contro i commercianti, hanno avuto i loro bei rischi, danneggiamenti, liti ma con poche scontrini fiscali rilasciati e la grande quantità di giovani è valsa la pena rischiare. Dove i giovani sono beffati due volte: 1)perchè così gli diciamo che il divertimento è quello ed è istituzionale perchè voluto come si diceva dall'Amministrazione Comunale; 2)perchè quel tipo di divertimento è possibile grazie tanti altri giovani che in quella notte hanno lavorato in nero per quattro euro all'ora, per le loro necessità e della loro famiglia. ED anche questo le Istituzioni lo sanno. Non può durare così! ne dal punto di vista educativo culturale, ne dal punto di vista di sviluppo economico.
Andrea 2012-07-16 23:53:17
Grazie Lisbeth, non sono assessore alle politiche giovanili, sono responsabile amministrativo alle politiche giovanili, in questo caso sono un cittadino che esprime la sua opinione. Lo faccio perchè sono abituato a dire le cose che penso, con la consapevolezza che non sia neppure facile per una amministrazione gestire una notte bianca, quando sei tirato per la giacchetta da tutte le parti. Sono convinto che per una amministrazione sia una buona cosa ascoltare quello che dicono i cittadini. Fare una valutazione accurata di quello che è successo, il problema alcol per gli adolescenti non è qualcosa legato solo alla notte bianca e lo sanno in tanti, forse qualche genitore non se ne è accorto, ma forse fa finta. Il problema dell'alcol è una questione di cultura e di attenzione, offrire opportunità diverse e ascoltare i ragazzi.Ho cercato di informarmi e formarmi a lungo su questo, ho avuto a disposizione le storie di tanti ragazzi, pieni di vita, capaci di fare cose interessanti, di fare proposte interessanti. Vogliono anche divertirsi e a molti piace bere, piace l'idea dello sballo, pensano di poter gestire il rischio e questo non è sempre vero, ma il limite si sa è molto labile. Bisogna fare molta più informazione, creare consapevolezza, sospendere i giudizi, troppo facili e inutili, togliere l'ipocrisia della tolleranza zero, non funziona. Qualcuno ha notato che l'anno scorso c'era un progetto che si chiamava "sballo positivo" e ha fatto facili ironie. In realtà era qualcosa di volutamente provocatorio, abbiamo provato a mettere in mano a un gruppo di ragazzi una telecamera per andare ad ascoltare quello che pensavano i ragazzi dell'alcol e di cosa fosse per loro il divertimento. A tutti quelli che vogliono informarsi, c'è molto materiale sul blog http://sballopositivo.wordpress.com
Ci sono le opinioni di molti giovani che l'anno scorso erano in giro per le feste di piazza, abbiamo anche dato la possibilità agli stessi ragazzi di progettare e organizzare una manifestazione.
La realtà è complessa, ridurla ad una sola notte, anche se di eccessi, è davvero poca cosa, il fatto è che ogni fine settimana per molti ragazzi è come se fosse il 31 dicembre, quando ti dici: questa è una notte eccezionale, poi ti svegli il giorno dopo e tutto è come prima, è solo passato un altro giorno. E' che i giorni passano e che per i nostri ragazzi non è che ci sia tutto questo futuro, forse anche questo non aiuta. Chi vuole può leggersi un pò di cose che ho scritto qui:
http://andreagarbin.com e prima ancora http://pollicino.blogosfere.it - Cito spesso questo pensiero di Giulia Sissa: "Mettiamoci a sedurre uomini, conquistare donne, guadagnare denaro, scrivere un libro". Un modo per dire: non ripudiamo il nostro desiderio, ma, per evitare che, dall'abisso della negatività che lo costituisce si faccia insaziabile e cerchi nella droga o nel farmaco quel piacere negativo che consiste nel riempire la "giara bucata", facciamolo passare attraverso le persone e le cose. Dopo tutto - ed è appunto il dopo che conta - si gode di più.Il piacere va quindi assecondato, non negato. Si tratta solo di indicargli la via come l'auriga di cui parla Platone la indica al cavallo indomito. Questo per dire che le campagne pubblicitarie che con le loro minacce e con le loro raccomandazioni tautologiche - just say no "dì di no e basta" - mancano di efficacia perché, trascurando la natura del desiderio e la qualità del piacere, dicono cose in cui sono del tutto trascurati gli incanti della vita. E ognuno sa che senza incanti la vita non ha più voglia di vivere.
marco 2012-07-17 01:44:27
io credo che molti parlino per il solo gusto di parlare, non sanno non guardano e soprattutto non ascoltano. io sono uno di quelli che è tornato a casa alle 10 per pulire la mia parte di monnezza(visto che ho guadagnato è giusto che pulisca).Se il mio locale ha lavorato sono contento; non mi nascondo dietro ad un dito, niente è perfetto e tutto è migliorabile, ma bisogna parlare ed ascoltare. Se qualcosa crea problemi va migliorata e non soppressa perchè altrimenti, con questo modo di agire in Italia bisognerebbe sopprimere tutto. e poi per favore non parliamo di valori lasciamo perdere non rempiamoci la bocca di coglionerie....parliamo e soprattutto ascoltiamoci ne ricaveremo qualcosa di buono!
Tony 2012-07-18 14:51:17
Sono schifato da tutto e da tutti. Parlate bla bla tanto per dire la "vostra". Se mi dai il controllo della situazione...faccio un "proibizionismo della madonna" che neanche immaginate. Niente alcol, niente feste, niente sesso all'aperto, ma che schifo è? questa è emancipazione?tutti a lavorare. Siamo in una crisi nera e questi pensano alle "feste", invece di creare posti di lavoro, dare dignità alle persone, integrarle seriamente, no con la disoccupazione "minima". E' normale che i ragazzi si "ubriacano". Non hanno ideali a parte la TV E INTERNET, la famiglia se è per bene, trovano sempre i problemi per peggiorare la situazione, se naviga in cattive acque economiche o altro, è già "fuori controllo". Secondo voi, in poche parole, non si può riassumere tutto qua?
Cristina 2012-07-25 19:38:35
Uno schifo enorme!!! La motivazione della notte bianca all'inizio era per tenere i negozi aperti tutta la notte, ora l'unica motivazione è la scusa per i giovani a partire dai 14 anni ad ubriacarsi e stare tutta la notte fuori perché fa moda! Solo ed esclusivamente perché fa moda ad ubriacarsi la notte bianca! Non cerchiamo altre scuse dicendo che è per problemi sociali... Tutte balle!!! I giovani si ubriacano solo per moda!!! Ela notte bianca è diventata la giustificazione di una sera!!! Perché in realtà nei negozi non c'era nessuno!!! Questo è per colpa della crisi e non l'alcol !!! Per me la notte bianca a Senigallia andrebbe sopressa!!! Come hanno fatto a Fano!!!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura