SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Ostra Vetere, raccolta differenziata: "incentivi o disincentivi?"

L'opposizione: "Sconti da misurare sul peso, non sul numero dei conferimenti"

2.383 Letture
commenti
Comune di Ostra Vetere

Inaugurazione del nuovo centro ambiente di Ostra VetereParallelamente al nuovo ciclo di gestione dei rifiuti cha ha visto l’inizio del nuovo servizio “porta a porta” integrale nell’area urbana di Ostra Vetere, l’Amministrazione Comunale ha istituito un sistema di incentivi economici per i residenti della cosiddetta “area vasta”, ossia quella esterna all’area urbana, certificabili con il conferimento delle frazioni differenziate (carta, plastica, vetro, ecc.) presso il nuovo Centro Ambiente situato a Pongelli: da 0 a 24 conferimenti nessuno sconto sulla Tarsu, da 25 a 39 conferimenti 15 euro di sconto e oltre i 40 conferimenti 25 euro di sconto sulla Tarsu.

Bene, non è difficile capire come questo meccanismo sia pericolosissimoai fini del raggiungimento degli obiettivi fissati dalla normativa europea e nazionale, in quanto a ben vedere pecca in due questioni sostanziali che potrebbero addirittura sortire l’effetto di disincentivare una buona raccolta differenziata da parte dei cittadini di Ostra Vetere.

La prima è che non premia il reale "merito" a fare la differenziata del cittadino: prendiamo due cittadini, uno sciatto che differenzia e conferisce i rifiuti al Centro Ambiente solo per la metà di quanti ne produce ed uno che invece li differenzia e conferisce correttamente tutti. Se si recassero al Centro Ambiente lo stesso numero di volte sarebbero considerati dall’Amministrazione alla stessa maniera e riceverebbero lo stesso incentivo. Appare lampante come questo non sia un sistema equo.
La soluzione? Basterebbe basare l’incentivo non sul numero di conferimenti ma sul peso dei rifiuti conferiti.

La seconda questione è che l’entità degli incentivi fa si che questi non siano per niente convenienti per gran parte dei cittadini residenti nell’area vasta, proprio coloro ai quali sarebbe rivolto il provvedimento. Non serve essere esperti di economia per capirlo, basta avere un po’ di dimestichezza nell’utilizzo di Internet.
Dal sito dell’ACI (Automobile Club d’Italia) emerge come il costo che si paga per percorrere un chilometro di strada con un’utilitaria media si aggiri tra 0,20 ed i 0,25 euro e che quindi, considerando l’ipotesi di usufruire 40 volte del Centro Ambiente, l’incentivo ricevuto di 25 euro farebbe realmente risparmiare qualcosa solo a coloro che si trovassero a risiedere a meno di 1,5 km dal Centro Ambiente stesso! In maniera altrettanto semplice basta utilizzare un qualsiasi stradario disponibile in rete per verificare che l’area vasta del Comune di Ostra Vetere si estende per distanze ben superiori e che, in pratica, sono pochi coloro che troverebbero beneficio nel praticare la differenziata con questo sistema.
Anche in questo caso, basare l’incentivo non sul numero di conferimenti ma sul peso dei rifiuti conferiti potrebbe essere la soluzione: chi non si trova ad abitare in prossimità del Centro Ambiente potrebbe usufruirne meno frequentemente ma con la garanzia di non vedersi ridotto l’incentivo, che comunque andrebbe adeguato perché, francamente, quello previsto dagli amministratori appare irrisorio.


I consiglieri della lista
Impegno e Trasparenza per Ostra Vetere

Impegno e Trasparenza per Ostra Vetere
Pubblicato Sabato 12 marzo, 2011 
alle ore 10:15
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
In disaccordo
Indifferente
Felice
D'accordo

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura