SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Senigallia Lavoro

Solidarietà ai lavoratori Fiat: odg per il Consiglio comunale di Senigallia

Atto per porre al centro del dibattito il lavoro in vista dello sciopero nazionale del 28 gennaio

2.005 Letture
commenti

Proteste per l’accordo di MirafioriSette consiglieri hanno sottoscritto un ordine del giorno per il prossimo Consiglio Comunale in cui si esprime solidarietà alla FIOM e ai lavoratori della FIAT in vista dello sciopero nazionale del 28/1/2011. Forte è l’esigenza di riportare il tema del lavoro al centro dell’agenda politica dei partiti e dei governi locali e nazionali perché da qui passa la rigenerazione della “politica” che vuole concretamente occuparsi delle condizioni di vita dei cittadini.

A Torino è in gioco il fondamentale diritto di tutti i lavoratori a scegliere liberamente la propria rappresentanza sindacale. Mai prima d’ora si era tentato di eliminare un sindacato non in linea con la strategia FIAT dalla rappresentanza dei lavoratori. L’accordo di “Mirafiori”, imposto senza possibilità di contrattazione e il referendum farsa,condotto sotto il ricatto della chiusura dello stabilimento, riducono la libertà e gli spazi di democrazia sindacale per quei lavoratori e, a cascata, per tutti i lavoratori italiani, a prescindere dal merito delle condizioni contenute nel contratto .
 
E questo è ancora più grave perchè FIAT tra la fine degli anni ’80 e i primi anni 2000 ha usufruito di circa 500 mln di euro all’anno di contributi statali a fronte di una riduzione costante di occupati fino agli attuali 22.000 in Italia e con salari tra i più bassi d’Europa.

Sede FIAT MirafioriOggi, dei 20 mld di euro di investimenti promessi 6 mesi fa, si sono concretizzati solo 700 mln per Pomigliano e 1 mld per Mirafiori, a fronte dei 9 mld (certi) da restituire al governo americano per l’acquisizione della Chrysler. E’ legittimo dubitare di una vera  ripresa produttiva visto che per febbraio è già stata fatta la richiesta di cassa integrazione per il 50% degli occupati di Mirafiori a prescindere dall’accordo e visto che nonostante la mancanza di nuovi modelli dal 2008 abbia fatto crollare le vendite del 6,5%, la FIAT ha distribuito dividendi agli azionisti per 237 mln di euro grazie all’attività finanziaria. E Marchionne guadagna 450 volte più di un operaio metalmeccanico.
 
In Europa (vedi l’industria dell’auto tedesca), dove davvero si è puntato sulla ripresa produttiva, ci sono stati forti investimenti in ricerca,innovazione e sviluppo. In accordo con i sindacati, si è ridotto l’orario di lavoro nel momento di crisi, senza allontanare nessuno dalla produzione, pronti a ripartire appena il mercato lo ha consentito. Mentre in Italia la FIAT delocalizza tutti i nuovi  modelli e i suv a marchio Chrysler verranno solo assemblati a Mirafiori. La presunta bassa produttività dell’operaio italiano maschera la volontà di abbandonare la produzione in Italia dove la FIAT ha già preso tutto quello che poteva prendere
 
I sette consiglieri firmatari cercheranno il contributo di tutte le forze disponibili affinchè il Consiglio Comunale di Senigallia
 
– esprima la piena solidarietà a tutti i lavoratori FIAT e in particolare alla FIOM per il loro impegno a difesa della libertà e la democrazia in fabbrica
– sostienga lo sciopero nazionale indetto dalla FIOM per il 28/1/2011 contro i   contratti capestro e il ricatto della disoccupazione, per la riconquista del contratto nazionale
– si impegni a rappresentare questa posizione alle sedi provinciali e nazionali della FIOM
 
I consiglieri comunali:
Carlo Girolametti,
Enrico Pergolesi,
Massimiliano Giacchella,
Margherita Angeletti,
Mauro Gregorini,
Vania Bucci,
Enzo Monachesi

Carlo Girolametti
Pubblicato Mercoledì 12 gennaio, 2011 
alle ore 14:58
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
In disaccordo
Indifferente
Felice
D'accordo

Commenti
Ci sono 2 commenti
antonio da torino 2011-01-12 19:24:24
Ridotti ai minimi termini
se dobbiamo accettare tutto quello che ci viene imposto (o quasi) da un quasi dittatore imprenditore che si definisce più americano che italiano allora ragazzi miei siamo alla frutta
Mario Mechelli 2011-01-12 19:35:56
pistola puntata
Mi sembra ri rivere l'8 settembre 1943, chi scappa a destra chi a sinistra e Vittorio Emanuele III che scappa abbandonando tutto e tutti. In questo Paese Italia quando le cose vanno male la colpa è degli operai e impiegati. Quando le cose vanno bene il merito è dei PADRONI. Ma come si fa a dire che questi contratti Pomigliano e Mirafiori sono buoni contratti, e perchè vengono chiamati contratti se Marchionne dice prendere o mene vado, i lavoratori sono costretti a dire si. E' come dire a una persona che sta morendo di fame o mangi questa spazzatura o ti sparo. Togliere il primo giorno di malattia o i due giorni se non cala l'assenteismo per malattia mi sembra di essere fuori dal mondo, se è vero che una piccola minoranza di lavoratori fanno i furbi, perchè devono subire le conseguenze quelli onesti? Mettiamo in galera i medici che assecondano questi delinquenti. Ancora: qualcuno dice che nel settore dei trasporti si sono fatti accordi per la regolamentazione degli scioperi bene, ma sono stati fatti accordi no imposizioni prendere o lasciare. Marchionne non deve dare la colpa agli operai se la FIAT va male la colpa è solo sua, faccia attenzione Marchionne perchè se continua così mezza Italia non so se acquisterà più auto FIAT.
LA DIGNITA' NON E' IN VENDITA.
VIVA LA FIOM, VIVA LA CGIL, E A CASA I DIRIGENTI SINDACALI CISL E UIL CHE HANNO VENDUTO I LAVORATORI. Piangendo e con la pistola puntata alla tempia voterò SI.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura