SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Centro Commerciale Il Maestrale - Senigallia - Tempo di saldi dal 4 gennaio 2020

“Ciclabile Sì! Ma manteniamo il doppio senso sul Lungomare”

Santarelli (Gruppo Misto): “Che ben venga un grande progetto di mobilità sostenibile, ma rispettiamo anche le necessità di tutti”

Luca Santarelli

Si discute ancora a Senigallia sulla pista ciclabile del Lungomare sud Leonardo da Vinci. Nel Consiglio Comunale della città rivierasca che si è tenuto il 14 gennaio è intervenuto sul tema il capogruppo del Gruppo Misto Luca Santarelli che si è fatto portavoce di un’importante rappresentanza di residenti e imprenditori che risiedono o lavorano nel tratto interessato dall’opera.

Ritengo la Ciclovia Adriatica che correrà ininterrotta da Trieste a Santa Maria di Leuca per 1.300 km un progetto interessantissimo di mobilità sostenibile – ha dichiarato Santarelli – i lavori sono iniziati e l’opera è sicuramente da fare. Tuttavia, per il tratto che riguarda i circa due chilometri e trecento metri del Lungomare sud Leonardo da Vinci nutro alcune perplessità confermatemi dalle opinioni negative di moltissimi residenti e imprenditori della zona. Nello specifico mi riferisco alla necessità di mantenere il doppio senso di marcia nella via. Le ragioni che mi spingono a tale riflessione sono molteplici: la sicurezza dei mezzi di pubblica utilità che dovranno percorre più strada per raggiungere quei luoghi in caso di grave emergenza; gli inevitabili disagi logistici per i residenti; una palese riduzione dell’accessibilità da parte dei turisti e non alle numerose attività ricettive, balneari e di ristorazione che in questa importante zona sono locate. L’opera, come ho già detto, è da fare e si contestualizza su un progetto multi regionale che, giustamente, incentiva l’uso della mobilità sostenibile e il ciclo turismo, ma la viabilità esistente deve essere ragionata con un equilibrio e giudizio: il doppio senso deve essere mantenuto!”.

Commenti
Solo un commento
leofax 2020-01-15 20:28:41
Vorrei fare una piccola riflessione a livello generale: Sappiamo tutti che la statale 16 in estate, a prescindere dalla complanare esistente è molto trafficata in direzione sud-nord. Detto questo: E' ipotizzabile, spostare la ciclabile che corre verso sud, sull'altro lato della strada lato monte?
Questo, da piazzale della Libertà fino alla nuova costruenda in via Da Vinci. Va da se, che perdiamo molti posti auto ma è altrettanto vero che con detto sistema, avremmo il doppio senso di circolazione nel tratto tra Marzocca e la Rotonda. Nelle serate estive di isola pedonale si potrebbe arrivare in via Dalmazia (Ponte Rosso) ed immettersi sulla statale. Questa rivoluzione fa pensare: E con l'auto come ci arrivo al mare? Innanzi tutto il fatto che ci sia una ciclabile molta gente usa la bici. Gli stalli per i motorini si possono trovare nelle vie adiacenti. Bisogna incentivare l'uso dei bus navetta dai parcheggi periferici noti; Area Sacelit-Italcementi, Villa Torlonia, Casello A14, via Podesti, aree al momento non sfruttate tipo Enel, Gioventù Italiana vicina alle ex colonie Enel ed eventualmente pensare a parcheggi multipiano nelle aree libere in via Podesti e al Ciarnin lato Statale 16. Mi auguro che cambiando l'Amministrazione con le elezioni comunali, ci siano teste diverse, che ascoltino maggiormente le proposte dei cittadini. Sperem !!!
Leonardo Maria Conti
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!