SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

La grande Arte al cinema Gabbiano di Senigallia con “Gauguin a Tahiti”

Tre appuntamenti con il film di Claudio Poli, con Adriano Giannini, dedicato alla vita del pittore impressionista

Gauguin a Tahiti

Il nuovo appuntamento con la Grande Arte al Cinema è in programma la prossima settimana – come sempre soltanto per tre giorni, dal 25 al 27 marzo – quando sarà possibile ammirare il viaggio di Paul Gauguin alla ricerca delle origini, per scoprire il mito del selvaggio e assaporare il fascino dell’esotico.

Gauguin a Tahiti – Il Paradiso Perduto è stato diretto da Claudio Poli per raccontare l’artista che abbandonò tutto per seguire la sua ispirazione primitiva e reinventare completamente la pittura occidentale. Era il 1° aprile 1891 quando Paul Gauguin (1848-1903) si imbarcò sulla nave Océanien, lasciando Marsiglia per Tahiti, in Polinesia. Fu un viaggio agli antipodi della civiltà, alla ricerca dell’alba del Tempo e dell’Uomo. Ai Tropici Gauguin sarebbe poi rimasto – tranne pochi intervalli – fino alla morte, vivendo anni alla febbrile ricerca di una autenticità, immergendosi nella natura per provare sensazioni e visioni sempre più pure. L’approdo in questo Eden, non privo di crudeltà, lo renderà celebre, anche per il suo stile pittorico unico, immediatamente riconoscibile per i colori brillanti, accesi, forse irreali eppure carichi di vita, e per le donne polinesiane ritratte con forme rilassanti, spesso sensuali, sempre affascinanti.

Gauguin in realtà aveva il viaggio nel sangue: da Parigi si trasferì con i genitori quando era ancora un infante in Perù, dove avvenne l’iniziazione tropicale che lo portò a dichiararsi sempre fiero del suo sangue sudamericano, fino a sostenere con fermezza una sua parentela con gli Aztechi. In seguito tornò in Francia, ma tutta la sua vita (pensando ai viaggi come allievo pilota sul mercantile Luzitano e nella Marina Francese) lo ha naturalmente incoraggiato a coltivare un senso di fuga verso luoghi lontani dalla frenesia della società contemporanea. “Io sono un selvaggio, un lupo nel bosco senza collare” è una delle frasi con cui amava definire se stesso.

Già dopo il ritorno dal Perù, la crescente passione per la pittura e l’Impressionismo, Gauguin avvertì l’esigenza di cercare se stesso altrove. Lasciò così Parigi e una società che considerava conformista per scegliere l’aspra e selvaggia bellezza della costa bretone, dove visse su un cuneo di roccia proteso sul vuoto dell’Oceano. In questi luoghi primitivi e malinconici Gauguin cerca purificazione dalla città e dalle mode artistiche parigine, mettendosi alla ricerca di una nuova forma di pittura dallo stile ancestrale. Quella che infine lo portò dall’altra parte del mondo.

Gauguin a Tahiti – Il Paradiso Perduto riesce a raccontare in immagini quella straordinaria avventura che fu la vita di Gauguin. Al tempo stesso, però, descrive il tormento interiore di un uomo che non riuscì a sfuggire del tutto alle proprie origini, alle ambizioni e ai privilegi dell’uomo moderno. Egli infatti sentì sempre il paradosso di rappresentare una potenza coloniale, dipingendo tra le palme ma con la mente rivolta al pubblico dell’Occidente. Una contraddizione esaltata dalla consapevolezza che i suoi capolavori, caratterizzati da colori brillanti e una luce fuori dal tempo, non sono conservati nelle sperdute isole che amava ma nei grandi musei della metropoli, dove milioni di spettatori ammirano il suo angolo di paradiso e provano stupore per la bellezza della natura.

Il film, prodotto da Nexo Digital, si avvale della partecipazione straordinaria di Adriano Giannini e la colonna sonora originale firmata dal compositore e pianista Remo Anzovino per guidare gli spettatori tra i luoghi che Gauguin scelse come sua patria d’elezione e attraverso i grandi musei americani dove sono custoditi i suoi più grandi capolavori. Il commento tecnico alle opere sarà come sempre affidato a qualificati esperti internazionali. Il racconto è inoltre accompagnato dalle parole dello stesso Gauguin, con brani tratti da testi autobiografici, dalle lettere a familiari e amici e alla moglie Mette.

Gli spettacoli di Gauguin a Tahiti sono in programma alle ore 21.15 di lunedì 25 e martedì 26 marzo, nonché alle ore 18.30 di mercoledì 27. Come sempre, ricordiamo a chi voglia evitare file che il biglietto è acquistabile in qualsiasi momento anche online attraverso il sito www.cinemagabbiano.it.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura