SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Sci Club Senigallia

Vite spezzate – dal blog di Franco Giannini

Dopo la tragedia di Corinaldo: "... fiori recisi in una notte, prima che l'alba facesse dischiudere i loro petali..."

Giovani in una discoteca

Il fatto che sia qui a scrivere, mi fa pensare a quanto la fortuna mi abbia favorito.
Si perché, di fortuna se son qui, si è solo trattato.

Analizzandomi a freddo ed a distanza di tanto tempo, posso dire che non sono mai andato in discoteca, non ho mai assunto droghe, ne pesanti e neppure leggere, non ho mai fumato, non mi sono mai ubriacato, ma con questo non mi reputo di certo un santo, tutt’altro, anzi nell’eventualità di un analisi fatta oggi, posso dire che allora ero un emarginato del mondo giovanile, un rincoglionito Però che posso dire, ad esempio, che ho fatto “cazzate” con le auto, mi tuffavo dagli scogli del Passetto per fare il “bello” e se sono qui a raccontarlo non è perché ero un “bravo ragazzo”, ma solo perché la fortuna ha girato sempre a mio favore. Avevo timore dei miei genitori, come lo avevano un po’ tutti i miei coetanei, perché i tempi erano diversi e certi principi dovevano essere seguiti, perchè ancora non c’erano i psicologi o telefono azzurro a difenderci e le sberle arrivavano frequenti. Ma ripensando che a scuola andavo male eppur non avevo paura delle sberle che prendevo, mi fa dire che se non andavo in discoteca o che bevevo, non era dovuto al timore delle rappresaglie casarecce. Quindi era solo una mia scelta e non un merito esclusivo dei miei genitori.

Oggi dopo la disgrazia di Corinaldo, dove in discoteca hanno perduto la vita cinque giovani il cui più “vecchio” aveva 16 anni più una mamma di 39 che aveva accompagnato con il marito, la figlia undicenne ad un concerto (che concerto poi noi non era se non una comparsata di pochi minuti), le colpe vengono analizzate approfonditamente sulle pagine (almeno io ho veduto quelle degli “amici” locali) del solito Facebook, dove centinaia di persone salgono sulla balconata dei giudici minacciandola di farla crollare (anche questa) con il peso delle stupidaggini contenute in post di tre righe (quelli più acculturati).

Italianamente i tuttologi si schierano nelle solite due curve da tifoseria che come queste sono solitamente, poco obiettive o meglio spesso affatto obiettive. Non si analizza serenamente, con il cuore e la testa, bensì con il solo obiettivo che è quello del record del numero dei like.

Le maggiori cause della disgrazia credo di poter pensare siano ben evidenti, sono state due…

Continua a leggere e commenta su Lo Spigolatore
Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!