SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Fano: Venerdi’ 1 aprile Antonio Latelle incontra il pubblico

Sabato 2 aprile al Teatro della Fortuna "Bestia da Stile"

1.035 Letture
commenti


Marco FoschiTra gli eventi collaterali di TEATROLTRE, la rassegna di teatro contemporaneo, organizzata dall’Amat, dai Comuni di Fano, Pesaro e Urbino e dalla Provincia di Pesaro Urbino, che riunisce sei tra i nomi e i lavori più interessanti dell’attuale panorama teatrale italiano, venerdì 1 aprile alle 21.15 la Sala Verdi del Teatro della Fortuna ospita un incontro con Antonio Latella regista di Bestia da stile di Pier Paolo Pasolini, in scena al Teatro della Fortuna sabato 2 aprile.
L’appuntamento sarà una sorta di viaggio guidato nella trilogia che il trentaseienne regista, napoletano di nascita e berlinese per scelta, ha dedicato allo scrittore di Casarza di cui sono andati in scena tra il 2002 e il 2004 Pilade, Porcile e Bestia da stile. Aiutati dalla visione di alcuni stralci video dei tre spettacoli allestiti da Latella si compie un’esplorazione in una parte dello sconfinato mondo pasoliniano attraverso tre testi profondamente diversi tra loro e resi in chiavi interpretative altrettanto diverse. Tre opere fra le più intimamente autobiografiche del poeta: "tre testi potenti, vibranti, poiché – come scrive Latella nelle note di regia di Porcile – in ogni verso c’è Pier Paolo Pasolini, quasi come se fossero un’autobiografia, illuminante e allo stesso tempo accecante, per la cruda verità tramutata in poetica…valanghe di versi che tolgono il fiato."
Latella è artista poliedrico ed estremamente prolifico. "Il teatro è una domanda, non una soluzione": guidato dalla coscienza di questa "inevitabile sconfitta" ha alternato per lungo tempo l’attività di attore (con Gassman, Ronconi, Castri, De Capitani, Syxty) a quella di regista cui si è esclusivamente dedicato negli ultimi anni. Segnalatosi da subito per il suo teatro inquieto e potentemente emotivo, è capace di creare grandi affreschi visionari o scarne ed incisive messinscene, a seconda di ciò che scopre nell’abbraccio e la lotta con gli autori che sceglie. Autori che gli somigliano perché, come lui, mettono al centro della propria ricerca l’uomo.
Bestia da stile, che vedremo al Teatro della Fortuna sabato sera, "è un testo non testo – come scrive Latella nelle note di regia -. Un’opera teatrale che attraversando frantuma tutte le regole e le forme di scrittura teatrale. Una sorta di testamento, dove lo stesso Pier Paolo Pasolini, si schiera in prima linea, raccontando una storia e rivelandosi in questa non storia abitata da un universo di morti, che vide, nella primavera di Praga, la fine del Comunismo."
"Un nuovo amore da vivere, da raccontare, da nutrire. Una nuova strada da seguire, un pensiero, un’idea, un appunto… Per un Inno al teatro di parola. Sacro – Rito – Poetico. Necessario e difficile, il solo ad essere, come afferma lo stesso Pasolini, teatro democratico."

Pubblicato Giovedì 31 marzo, 2005 
alle ore 10:43
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
In disaccordo
Indifferente
Felice
D'accordo

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura