SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Elda Boutique Senigallia (AN) - Inverno 2023/24

Pesaro Capitale italiana Cultura, Mangialardi: “Che occasione persa per Senigallia!”

"Il programma "itinerante" di Pesaro2024 coinvolgerà ben 50 Comuni. Tra questi ci sarebbe potuta essere anche Senigallia"

1.208 Letture
commenti
Maurizio Mangialardi

“Con negli occhi ancora le emozioni della meravigliosa cerimonia che alla presenza del Presidente Sergio Mattarella ha inaugurato il lungo e ricchissimo programma di manifestazioni di Pesaro Capitale italiana della Cultura, è difficile non provare rammarico per l’occasione persa da Senigallia a causa dell’atteggiamento campanilista e spocchioso dell’Amministrazione Olivetti.

Una mancanza di lungimiranza che sindaco e giunta comunale hanno voluto ulteriormente sottolineare disertando l’evento di sabato”.

A dirlo è il capogruppo regionale del Partito Democratico Maurizio Mangialardi.

“Tutti sapevano – afferma Mangialardi – quanto il progetto costruito dal sindaco Matteo Ricci nel corso degli ultimi anni fosse fondato su un’ampia visione, volta a mettere in rete le migliori eccellenze marchigiane. Tanto è vero che il programma “itinerante” di Pesaro2024 coinvolgerà ben 50 Comuni, a ciascuno dei quali sarà dedicata una settimana di iniziative di altissimo profilo. Avrebbe potuto esserci anche Senigallia, se si fosse proposta. Ne avrebbe avuto tutte le caratteristiche, potendo offrire una proposta culturale che certo non teme la concorrenza di altri territori. Si pensi alle iniziative promosse dalla legge regionale sulle Terre del Duca che da anni ci connette già a Pesaro e Urbino, al Musinf, alla Città della Fotografia e alle grandi mostre, a quegli eventi unici come il Summer Jamboree, il Festival Organistico Internazionale, il Festival del Giallo, il Festival Epicureo, alle rievocazioni storiche organizzate da L’Estetica dell’Effimero, alla maratona Bach, al Museo Urbano di Scultura dell’Adriatico.

Purtroppo l’Amministrazione Olivetti non ha voluto mettere sul piatto questo prezioso patrimonio che, si badi bene, non è di Mangialardi o del centrosinistra, che pure hanno contribuito a costruirlo, ma di tutta Senigallia, dei cittadini, delle associazioni, delle imprese locali. Si può essere così ciechi e provinciali da sacrificare un’opportunità del genere, che avrebbe certamente offerto alla città una vetrina promozionale di rango internazionale, solo per il capriccio di non voler dialogare con un Comune guidato dallo schieramento avversario? Evidentemente sì, come peraltro si era già visto quando Olivetti e i suoi cacciarono il CaterRaduno da Senigallia, definendolo “un evento stantio”, ma in realtà perché da loro giudicato “troppo di sinistra”. Lo stesso CaterRaduno che oggi, ironia della sorte, si è dimostrato così “stantio” da contribuire largamente con la sua attività di promozione radiofonica alla designazione di Pesaro Capitale italiana della Cultura.

“Tuttavia – conclude il capogruppo dem – un merito il centrodestra lo ha. L’occasione fatta perdere a Senigallia è un giudizio definitivo e senza appello sull’incapacità dell’Amministrazione Olivetti di governare i processi, di affrontare nuove sfide, di andare oltre un lento galleggiare che per una città come la nostra significa inesorabile declino. Chi lo ignora, per calcolo o miopia, rischia di essere complice di questo sfacelo”.

Maurizio Mangialardi
Capogruppo regionale del Partito Democratico – Assemblea legislativa delle Marche

Commenti
Ci sono 4 commenti
ozymandias
ozymandias 2024-01-22 16:30:10
Vabbè, leggere lui additare gli altri di "atteggiamenti spocchiosi", fa già ridere così.
Glauco G. 2024-01-22 16:54:46
Io trovo più che corretto non entrare dentro il discorso Capitale della Cultura...è di PESARO e non credo che Senigallia poteva godere di un ruuolo importante (visto che la sx non fa favori alla dx e viceversa).... Nulla di grave secondo me...che poi..ancora con la festa dell'unità 2.0 (cateraduno)??? ma avete visto che sucessone a Pesaro? nemmeno i Pesaresi si sono accorti del Cateraduno....aahahah ma dai...erano anni che doveva essere abbandonato. Speriamo non torni più (con queste modalità). Dai su..parliamo seriamente...servono "attrazioni" vere e non supercazzole......Pesaro sarà felice 1 anno (da 5 turisti a 1000)..ma, secondo me, non sarà la capitale della cultura che gli farà scalare la classifca del turismo marchigiano (post evento dico). Quindi..concentriamoci nel portare a Senigallia il vero turrismo e fidelizzarlo....non servono eventi tipo festa dell'unità 2.0. secondo me....NON E' IL NOSTRO TURISMO e mi fa strano che Mangialrdi non sia capace di capire che esite turismo e turismo. davvero...ìè stato sindaco..dovrebbe capire certe logiche...vabbè!
giulianagianni1 2024-01-22 19:09:44
Da sindaco, in passato, ce l ha messa tutta a mantenere lo storico incrocio della penna. Famoso crocevia realizzato ancor prima dell'avvento dell'impero romano.
Forse voleva far leva su questo aspetto per incrementare il turismo.
Se l'attuale giunta saprà mantenerlo com'è, ci saranno molte possibilità che Senigallia possa finalmente diventare in futuro capitale della cultura con particolare riferimento all'ingegneristica viaria pre romanica.
centr100
centr100 2024-01-23 11:54:51
Quelli che hanno cliccato su "sono d'accordo", mi sembra sì, che loro abbiano un serio problema culturale...

I comuni coinvolti sono tutti della Provincia di Pesaro.
Senigallia, è sotto la Provincia di Ancona.
E l'amministrazione di Senigallia era presente alla giornata di apertura.

Questa è l'ennesimo articolo-balla.
Non si riesce nemmeno a finire di leggerlo, per decenza....

E per fortuna, che l'argomento sarebbe la cultura....
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura