SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Car Multiservice - I chirurghi della tua auto - Centro servizi per auto a Senigallia

Presentato il progetto “Mare circolare”

"Molto importante anche per Senigallia"

748 Letture
commenti
Mare circolare

Presentato ieri in mattinata in Regione, a Palazzo Raffaello, il piano di azione del progetto pilota “Mare Circolare”, realizzato nell’ambito del progetto europeo Blue Crowdfunding di cui la Regione Marche è partner e Svem soggetto attuatore.

Il presidente della Giunta regionale, Francesco Acquaroli, ha evidenziato come la capacità di unire progettualità su tematiche ambientali rappresenti un valore aggiunto.

“Le tematiche ambientali – ha sottolineato Acquaroli – vanno più che mai sostenute, specialmente in questo particolare momento storico. Per la Regione Marche, la capacità di utilizzare i fondi europei e di indirizzarli su tematiche così socialmente rilevanti è di grande importanza”.

Per Senigallia, erano presenti il Sindaco Massimo Olivetti e l’Assessore Elena Campagnolo, che vedranno l’esecuzione del progetto il 19 e 20 marzo, presso la spiaggia di Velluto; il Sindaco ha ribadito come questo progetto oltre ad essere importante per Senigallia, sia anche importantissimo per la nuova conferma della Bandiera Blu.

La dimostrazione verrà effettuata con il battello ecologico Pelikan. Un vero e proprio “Sistema” che permette la pulizia degli specchi acquei dai rifiuti solidi galleggianti, in particolare plastica.

Saranno poi fatti anche dei clean up che vedranno la partecipazione del mondo dell’associazionismo civico, ambientale, quello della scuola e dell’educazione ambientale, coadiuvati dalle amministrazioni comunali e dalle aziende di igiene urbana del territorio: Aset, Rieco, Cosmari e AnconAmbiente. La pulizia dei fondali marini sarà invece gestita dall’associazione Komaros Sub anche essa impegnata da molti anni in progetti volti alla tutela dell’ecosistema marino.

Il progetto vede la partecipazione di partner scientifici come il CNR – IRBIM di Ancona e del Dipartimento di Scienze della Vita e dell’Ambiente dell’Università Politecnica delle Marche. Nei 4 siti i ricercatori, con l’ausilio di unità navali proprie, effettueranno campionamenti per approfondire il tema dell’inquinamento da calze in plastica, attraverso draghe e box-corer per quantificare il problema e campionare sia il macro-litter che il micro-litter ed il loro eventuale accumulo nel biota.

A fianco di ciò ma lungo le spiagge, saranno fatti dei clean up che vedranno la partecipazione del mondo dell’associazionismo civico, ambientale, quello della scuola e dell’educazione ambientale, coadiuvati dalle amministrazioni comunali e dalle aziende di igiene urbana del territorio: Aset, Rieco, Cosmari e AnconAmbiente. La pulizia dei fondali marini sarà invece gestita dall’associazione Komaros Sub anche essa impegnata da molti anni in progetti volti alla tutela dell’ecosistema marino.

Un nuovo progetto, per un impegno rinnovato che vede l’amministrazione in prima fila per il rispetto dell’ambiente, con progettualità e innovazione, visto che per la prima volta avremo il Pellikan a Senigallia.

Sarà inoltre un ulteriore elemento per centrare i parametri necessari all’ottenimento delle Bandiera Blu anche quest’anno e soprattutto la conferma dell’attenzione che questa amministrazione ha per la natura.

Ringrazio l’assessore Elena Campagnolo e tutto il personale del Settore Ambiente e Porto del Comune di Senigallia” ha concluso il Sindaco Olivetti “per la abnegazione e la professionalità che quotidianamente mettono in campo, che ci hanno permesso di centrare obiettivi così importanti come quello raggiunto oggi”.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno







Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura