SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Fiera Campionaria: appuntamento al 2021 con un “nuovo evento”

CNA: "Penalizza il clima di incertezza. Ora serve una 'nuova' Campionaria"

Fiera di Sant'Agostino: via Portici Ercolani

Appuntamento al 2021. La Fiera Campionaria di Senigallia non verrà svolta nell’estate 2020 ma rilanciata nel 2021 con la creazione di un nuovo evento. Una decisione presa da CNA Territoriale di Ancona, titolare dell’iniziativa e da Marche Expo, organizzatrice della manifestazione, in accordo con il Comune di Senigallia. Una scelta ponderata fino all’ultimo e frutto di un serrato confronto con le imprese del territorio, vere ed uniche protagoniste della Campionaria. Ad influire sulla decisione due fattori: il perdurare del clima di profonda incertezza in tutta Italia e la volontà di rivoluzionare la Campionaria.

Per organizzare un evento come la Fiera Campionaria e per permettere alle imprese di sfruttarne al meglio le potenzialità, è fondamentale un contesto di lavoro e di organizzazione certo e sereno. Queste condizioni ad oggi non ci sono – spiega il Direttore di CNA territoriale di Ancona, Massimiliano Santini -. Le anticipazioni sul nuovo Dpcm in fase di approvazione, che prevedrebbe fra l’altro il prolungamento dello stop alle manifestazioni fieristiche, unite all’ormai certa proroga dello Stato di Emergenza fino al 31 ottobre 2020 (se non di più), non creano le condizioni per poter organizzare quest’anno la Campionaria. Si tratta di una scelta non semplice ma presa con coscienza dopo una profonda valutazione fatta imprimis con le imprese e con il Comune. Non è uno stop ma è l’occasione per un rilancio profondo della manifestazione.”

L’appuntamento con la Campionaria del 2021 infatti avrà qualcosa di unico: un evento completamente rivisto. “Da questo inverno stiamo portando avanti un lavoro di rilettura della Campionaria – continua Giacomo Mugianesi, segretario CNA Senigallia –. Siamo andati all’origine dell’evento, analizzando le sue radici identitarie, i suoi obiettivi profondo. La crisi sanitaria, economica e sociale derivante alla Pandemia da Covid-19 non ha fatto altro che accelerare questo processo e spingerci a pensare ad una “nuova” fiera Campionaria. Un evento che parta dalla sua primaria ragion d’essere, creare opportunità per le imprese del territorio, ma che faccia i conti con la “nuova normalità” fatta di mercato glocali, di artigiani digitali, di persone e non consumatori. Ecco perché da questa situazione nascerà un nuovo evento per Senigallia e per le Marche.

La nuova Campionaria, già in cantiere, porterà ad un lavoro di rebranding profondo ed una ridefinizione di tutti gli elementi classici dell’evento. Date, location, modalità di esposizione. Un cambiamento che porterà novità su tutti i fronti.

“Festeggeremo nel 2021 la 30° edizione della Campionaria, un tassello importante nella cinquecentenaria storia fieristica di Senigallia – continua il direttore Santini -. E lo festeggeremo con un evento rinnovato nello stile, nell’approccio e nella funzionalità. Ma coerente con la sua missione primaria. Già in autunno presenteremmo la nuova fiera. Siamo certi che la nuova Campionaria non sarà la fine della stagione estiva, ma rappresenterà l’inizio di una nuova stagione turistica per Senigallia. Una stagione autunnale ancora poco valorizzata ma carica di opportunità per le imprese e per la città. Un’opportunità che la nuova Campionaria sarà pronta ad inaugurare, mettendo nelle mani dell’Amministrazione Comunale una grande chance di sviluppo economico e sociale.”

Commenti
Solo un commento
Glauco G. 2020-07-15 09:27:46
un "expo Masrche" mi attira molto...non ho idea di come vorranno sviluppare questa "manifestazione" ma sarebbe bello uno spazio dove saranno presenti tante aziende della regione....non esposte come la solita fiera ma con stand caratteristici ..un impatto estetico che parte dallo stand per arrivare al prodotto...non pretendo padiglioni stile expo milano ma una cosa bella da vedere su tutti i fronti...non una esposizione come un semplice mercato del mercoledì (come la fiera classica per intenderci)...il brutto di questi eventi (parlo dei nostri) è che sembra di vivere il mercato del mercoledì con solo più bancarelle..nulla di nuovo da vedere se non i ricambi del folletto e qualche trita verdure... i contenuti non sono in discussione perchè la merce in vendita è qella e non possiamo farci nulla..ma il metodo espositivo, secondo me, va cambiato drasticamente ...l'impatto è tutto..prova a mettere i gazebi normali (bancarelle) nelle piazze del nord quando fanno i mercatini di Natale..vedrai che flop.. non hanno nulla di speciale i gazebi in legno che usano ma sono caratteristici e creano la giusta atmosfera..il prodotto invece è sempre quello e nulla di speciale..idem da noi...è da rivedere il contenitore più che i contenuti...io la vedo così.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!