SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Come nasce, cresce, muore e risorge una notizia in rete

Che cos'è una notizia? Andrea Coccia e Lorenzo Ceccarelli lo insegnano in un workshop sulle tecniche del giornalismo digitale

Farmacia Avitabile Senigallia - Farmacia Oncologica - Centro estetico BB Wellness
Giornalismo, stampa on line, press, giornalismo digitale, giornali on line, quotidiani informatici, news digitali

“Capire come nascono le news che ci bombardano ogni giorno, che ci piovono addosso da ogni parte, lasciandoci stremati.” è con queste parole che Andrea Coccia, giornalista esperto (ha lavorato nelle redazioni de Il Post, Linkiesta e Slow News), descrive gli obiettivi del workshop Il ciclo di vita digitale delle notizie.

L’evento, che fa parte della programmazione dell’edizione #0 di Breach Festival, si terrà sabato 15 febbraio, a partire dalle ore 16, allo Spazio Autogestito Arvultùra.

“Capire il ciclo di vita delle News” prosegue Coccia “equivale a capire che obiettivo hanno, chi paga per fare sì che vengano prodotte e che ci arrivino. E, in fondo, capire anche che delle due, una: o sono “Notizie” che formano la nostra conoscenza del mondo e servono a noi, o sono “News”, che ci stordiscono e ci drogano e che in fondo servono a qualcun altro.”.

“Quando lo abbiamo progettato” prosegue Coccia Lorenzo Ceccarelli (l’altro autore del workshop ndc.) e io ci siamo chiesti che cos’è una notizia? Una domanda che potrebbe sembrare banale, autoevidente. Ma non lo è. Perché le parole, con la loro etimologia, rivelano il mondo a cui danno vita. Se seguiamo i percorsi che si lasciano dietro la parola “News“ e la parola ”Notizia”, che crediamo sorelle, una la traduzione dell’altra, arriviamo in due posti radicalmente diversi.

News, in inglese, è sostanzialmente figlia della parola New, che indica qualcosa che è nuovo, che non si è mai visto. In questo senso la News è eccezionale, anormale: lo scoppio di una guerra, un terremoto, un omicidio. Se fossimo davanti a un grafico, quello che chiamiamo News sarebbe un punto di picco, uno di quelli che, alto o basso che sia, per calcolare la media all’università, non contiamo. La News in sé è una cosa nuova e ogni cosa nuova, con il suo stesso e solo esistere prende il posto di una cosa che era nuova prima di lei e che dopo di lei diventa vecchia, archiviabile, superabile, inutile. La news è obsoleta dal suo nascere.

La parola Notizia invece ha un’altra storia: figlia del latino notus, participio passato del verbo nòscere, padre del più familiare cognoscere, la parola Notizia ha a che fare con l’apprendere, il capire, l’imparare, lo studiare, l’esaminare, addirittura con l’investigare. La Notizia, dunque, non è più l’unità minima dell’informazione, lo è della conoscenza, e la conoscenza funziona per accumulazione di cose “note“, le notizie, appunto, che inserite in un contesto, in una rete, sono mattoncini che si appoggiano gli uni sugli altri a formare qualcosa che resta”.

Sono queste le basi del workshop che si terrà il prossimo sabato. All’evento si accede pagando una quota di partecipazione di 20€ e iscrivendosi via e-mail all’indirizzo libriarvultura@gmail.com

Breach Festival #0 - locandina fronteBreach Festival #0 - locandina retro

Per maggiori informazioni:
barricatedicarta.noblogs.org/
www.facebook.com/events/191897231954516
libriarvultura@gmail.com
pintarelli.flavio@gmail.com

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!