SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Un anconetano decisivo nel derby, ma per Senigallia: Simone Pozzetti

10 punti e 15 rimbalzi contro la squadra della sua città per il lungo che dice: "alla Goldengas grande gruppo. E io in B posso starci"

741 Letture
commenti
Pittura edile Goffi - Trattamenti e soluzioni involucro edilizio - S. Maria Nuova
Simone Pozzetti

Coach Foglietti alla vigilia lo aveva detto, pur con la consueta umiltà: “ci siamo allenati bene, teniamo al derby per il campanile e la classifica”.

Ma certamente nemmeno il più ottimista degli oltre 100 tifosi senigalliesi al PalaRossini avrebbe pensato di prevalere in maniera così netta nella 20ª sfida della storia tra Ancona e Senigallia (Spiaggia di Velluto ora avanti 11-9).

Il derby Luciana Mosconi-Goldengas, dopo 20’ di partita vera ma comunque condotta dai biancorossi, dal terzo periodo infatti non ha praticamente avuto più storia fino al +19 finale.

Mosconi di nuovo giù, Senigallia, al terzo successo di fila, rilanciata a centroclassifica.

Eppure un anconetano felice c’è: è Simone Pozzetti, che al primo derby in maglia Goldengas, dopo averne giocati con l’allora Stamura, si è ripresentato ai suoi concittadini con una prova da 10 punti e 15 rimbalzi.

“È stata una bella sensazione, ma quando si vince è sempre così – spiega – In un girone come questo vincere in trasferta è molto importante”.

“Abbiamo fatto una buona partita – entra poi nel dettaglio – anche se non eccezionale. La giornata negativa di Ancona ci ha favoriti, ma siamo stati comunque molto solidi”.

Pozzetti, 29 anni, lungo di 200 cm, è alla sesta squadra di B: Senigallia arriva infatti dopo Stamura, Recanati, Porto Sant’Elpidio, Falconara e Luiss Roma.

Negli ultimi due campionati era sceso però in serie C.

“Ho giocato in C piemontese e marchigiana, dove il livello è buono. La B, tuttavia, è decisamente superiore, non è paragonabile né tecnicamente né fisicamente – evidenzia – Avevo voglia davvero di rimettermi in gioco in questa categoria. A Senigallia mi trovo benissimo: spero di inserirmi sempre meglio nei meccanismi, giocare qua è molto semplice perché i compagni sono eccezionali, siamo un gruppo molto unito e questo ci ha permesso di fare qualche vittoria magari inattesa. La società poi è super.

“Il girone C è davvero superdifficile – conclude – Ci sono molte squadre che hanno speso tanto e son autentiche corazzate. L’obiettivo primario per noi è la salvezza, poi si vedrà. Dobbiamo fare punti in primo luogo con le squadre alla nostra portata. Da parte mia credo di poter stare in questo torneo, anche se qualcuno pensa di no”.

Le ottime cifre dei primi due mesi (9 punti, 8 rimbalzi, 65% al tiro in appena 25’), che nemmeno dicono tutto (quanto utile lavoro “sporco”…), lo stanno dimostrando.

Foto di Claudio Bartoli

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!