SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Assicurazioni Generali - Nuova sede a Senigallia - Polizza vita, lavora con noi

Dal 7 novembre cinema di qualità alla Piccola Fenice

Al via una rassegna promossa dall’associazione Confluenze in collaborazione con il Comune di Senigallia

Piccola Fenice

Prenderà il via il 7 novembre alle ore 21,15 la rassegna cinematografica nella Piccola Fenice organizzata dall’associazione Confluenze e dal Comune di Senigallia e sostenuta da Italia Nostra.

Il programma prevede un ciclo di proiezioni nei mesi di novembre e dicembre ispirate ad un  cinema di qualità capace di unire i classici alle produzioni più originali ed innovative. Presente nel programma anche un omaggio a Bernardo Bertolucci con Novecento parte prima e parte seconda nella versione restaurata dalla Cineteca di Bologna.

Il cinema rappresenta un linguaggio artistico molto apprezzato dalla nostra comunità – sottolinea il sindaco Maurizio Mangialardie per questo come Amministrazione Comunale abbiamo spesso promosso appuntamenti ed eventi in questo settore. Questa interessante iniziativa si inserisce in tale filone proponendo opere di grande qualità e spessore culturale”.

 

Forti dell’esperienza maturata con la rassegna Corto Circuito, abbiamo voluto sperimentare una proposta di qualità sui lungometraggi. Non lo abbiamo fatto da soli – precisano i rappresentanti dell’associazione Confluenze – ma affiancati da un gruppo di critici, registi, appassionati di cinema, in primis Giancarlo Zappoli, direttore di Mymovies. Il risultato è un programma molto ricco che oggi muove i primi passi e che potrà avere interessanti sviluppi in futuro”. 

 

Ecco il programma di proiezioni:

 

Giovedì 7 novembre ore 21.15

 

IL PRESIDENTE Santiago Mitre, Argentina, 2018

In un hotel isolato sulla cordigliera andina si tiene un vertice dei Capi di Stato latinoamericani destinato ad influenzare il futuro energetico di tutta l’area. Il presidente argentino Hernán Blanco raggiunge la riunione concentrato su una doppia problematica. Da un lato c’è il rischio che l’ex genero (la figlia è separata) faccia scoppiare uno scandalo su finanziamenti occulti alla sua parte politica. Dall’altro sono in atto grandi manovre a favore o contro l’ingresso degli Stati Uniti nell’accordo.

 

Omaggio a Bernardo Bertolucci a un anno dalla scomparsa

Giovedì  14 novembre ore 21.15

NOVECENTO (1° parte) Regia di Bernardo Bertolucci, 1976

Versione restaurata a cura della Cineteca di Bologna

In una fattoria dell’Emilia crescono insieme Olmo, figlio di contadini, e Alfredo, erede del padrone, nati nello stesso giorno del 1900. Dopo i primi scioperi nei campi e la guerra 1915-18, il fascismo agrario dà una mano ai padroni. I due giovani si sposano.

 

Giovedì  28 novembre ore 21.15

NOVECENTO (2° parte) Regia di Bernardo Bertolucci, 1976

Versione restaurata a cura della Cineteca di Bologna

Negli anni ’30 le strade di Olmo e Alfredo si separano. Il primo, vedovo, fa il norcino e continua la lotta; il secondo si rinchiude nel privato. Il 25 aprile 1945 si processano i padroni, e i due si ricongiungono. Fondato sulla dialettica dei contrari: è un film sulla lotta di classe in chiave antipadronale finanziato con dollari americani; cerca di fondere il cinema classico americano con il realismo socialista sovietico (più un risvolto finale da film-balletto cinese); è un melodramma politico in bilico tra Marx e Freud che attinge a Verdi, al romanzo dell’Ottocento, al mélo hollywoodiano degli anni ’50. Senza evitare i rischi della ridondanza, Bertolucci gioca le sue carte sui due versanti del racconto.

 

Giovedì 5 dicembre ore 21.15

UN VALZER TRA GLI SCAFFALI Thomas Stuber, Germania, 2018

Christian è il nuovo dipendente del supermercato alla scoperta di un mondo sconosciuto: le infinite corsie, il maniacale ordine del deposito, il meccanismo surreale del carrello elevatore. Il suo collega Bruno del dipartimento bevande lo prende subito sotto la sua ala, con protezione paterna nonostante i modi bruschi, insegnandogli tutti i trucchi del mestiere. Quando poi, un giorno, Christian incrocia tra gli scaffali lo sguardo di Marion, responsabile del reparto dolci, qualcosa scatta tra loro. A lei piace scherzare e provocare Christian, ma lui sembra davvero essersi innamorato di Marion, che in realtà è sposata. Subito si sparge la voce tra i colleghi del supermercato. Quando poi Marion prende un congedo di malattia, Christian cade in una depressione così profonda che il suo miserevole passato rischia di sopraffarlo di nuovo.

 

Giovedì  12 dicembre ore 21.15

BORDER – CREATURE DI CONFINE di Ali Abbasi  Svezia, 2018

Tina ha un fisico massiccio e un naso eccezionale per fiutare le emozioni degli altri. Impiegata alla dogana è infallibile con sostanze e sentimenti illeciti. Viaggiatore dopo viaggiatore, avverte la loro paura, la vergogna, la colpa. Tina sente tutto e non si sbaglia mai. Almeno fino al giorno in cui Vore non attraversa la frontiera e sposta i confini della sua conoscenza più in là. Vore sfugge al suo fiuto ed esercita su di lei un potere di attrazione che non riesce a comprendere. Sullo sfondo di un’inchiesta criminale, Tina lascia i freni e si abbandona a una relazione selvaggia che le rivela presto la sua vera natura. Uno choc esistenziale il suo che la costringerà a scegliere tra integrazione o esclusione.

 

Info: www.confluenze.org   http://www.facebook.com/assconfluenze

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!