SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Senigallia: “giusta la piazza ad Almirante, Battisti rilegga la storia repubblicana”

Massimo Bello difende la mozione di Fratelli d'Italia a ricordo del leader del Movimento Sociale

1.032 Letture
commenti
Farmacia Avitabile Senigallia - Farmacia Oncologica - Centro estetico BB Wellness
Massimo Bello

Abbiamo letto l’intervento dell’amico Paolo Battisti, esponente dell’Altra Senigallia con la Sinistra, una formazione politica, che probabilmente raggruppa quei pochi nostalgici di un partito che non c’è più e che la storia ha condannato, seppur lentamente e con difficoltà ideologica, per le atrocità perpetrate contro l’umanità e i popoli di gran parte del mondo conosciuto negli ultimi settant’anni, e che ancora in Cina, ad esempio, ne è l’esempio più lungimirante.

Da ultimo, giusto per completare questa breve riflessione iniziale, anche il Parlamento europeo, recentemente, con una risoluzione, votata lo scorso settembre, quasi all’unanimità, ha parificato lo stalinismo e il comunismo al nazismo, definendoli regimi totalitari, che hanno avversato libertà e diritti.

Detto questo, però, ci ha davvero sorpreso l’intervento del comunista Battisti.

Non soltanto perché fuori luogo e del tutto lontano dalla ricostruzione storica corretta e al di sopra delle parti, ma anche perché del tutto inopportuno, considerando inoltre come Giorgio Almirante ed Enrico Berlinguer siano stati due statisti – ognuno con le proprie specificità e storie personali – che hanno davvero scritto le pagine più importanti della nostra storia repubblicana. E con ciò, suggerirei a Paolo Battisti la lettura dell’ultimo libro di Antonio Padellaro, che ha ispirato Fratelli d’Italia a presentare, tra le altre motivazioni, questa mozione.

Ovviamente, intitolare una via o una piazza ad Almirante e Berlinguer non è un’azione ordinaria della ‘cosa pubblica’; non significa certo governare il lavoro, la sanità e i trasporti pubblici; non è un atto, che interessi da così vicino la quotidianità del cittadino e della nostra comunità. Ma, senz’altro, crediamo possa essere il riconoscimento, seppur piccolo, di una pacificazione nazionale. Pacificazione, che ha tutto il diritto di risiedere in un momento della storia nazionale, che può definirsi maturo, culturalmente e politicamente. Almeno, per noi, lo è, nonostante tutto!

La mozione di Fratelli d’Italia, presentata dal nostro Capogruppo al Consiglio Comunale di Senigallia, Davide Da Ros, rappresenta la sintesi di un percorso, che oggi può permettere, anche alla nostra città, di avere un luogo pubblico, in cui ricordare due figure istituzionali e politiche eccezionali e di spessore, che hanno interpretato i sogni, le speranze e le idee di milioni di Italiani, in un periodo tanto difficile quanto delicato.

Suggeriamo all’amico Battisti, invitandolo a riflettere serenamente, assieme ai suoi irriducibili ‘compagni’, di leggere con più attenzione la storia repubblicana senza alcun pregiudizio, ma più serenamente di quanto non l’abbia fatto finora. Perché comprenderà che intitolare una via o una piazza a Giorgio Almirante e ad Enrico Berlinguer non significhi affatto riscrivere la storia di ciascuno di loro, tanto meno quella della comunità nazionale o locale, ma riconoscere in Almirante e in Berlinguer l’essenza di una Politica, che oggi probabilmente non c’è più, fatta allora di rispetto dell’avversario, nonostante la diversa provenienza ed appartenenza.

Governare bene Senigallia non dipende dalla mozione presentata da Fratelli d’Italia. E Paolo Battisti dovrebbe saperlo bene, visto che è stato anche Consigliere comunale di questa città. Governare bene dipende da altro.

Approvare questa mozione significa anche dimostrare maturità politica ed istituzionale. Cosa che l’intervento di Paolo Battisti e di certa sinistra stentano a dimostrare perché ancora accecati da un odio viscerale ed ancorati ad una partigianeria incomprensibili. Soprattutto, e concludo, a distanza di oltre settant’anni dalla caduta del Fascismo e da oltre trent’anni dalla scomparsa di due grandi e vivaci leaders della Destra e della Sinistra italiane.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!