SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Paradisi: “sulla pubblicità nello sport uno scivolone imprevisto”

Il consigliere di Unione Civica: "le società vivono grazie alla pubblicità, attaccata come mai prima"

Fabbri Infissi Senigallia - Dierre - Bonus fiscale 50% infissi, porte e cancelli
Roberto Paradisi

Uno scivolone imprevisto in Consiglio comunale con tanto di criminalizzazione delle società sportive senigalliesi e degli esercizi economici locali che utilizzano l’opportunità (perfettamente legale) della pubblicità sportiva per sostenere lo sport giovanile.

Il sottoscritto ha letto in aula, in relazione al dibattito sugli obiettivi contenuti nel Dup (Documento unico di programmazione) per le politiche sportive, una riflessione indirizzata al sindaco di Domenico Ubaldi, presidente del centro tennistavolo e della Consulta dello sport, in cui, spiegando che al Centro non veniva esposta pubblicità, chiosava: “è espressione di consumismo non sostenibile e diseducativa per i giovani”.

Posizione sposata appieno dall’assessore Campanile che ha rilanciato tale posizione insostenibile difendendo le parole di Ubaldi.

È di tutta evidenza che si tratta di un attacco senza precedenti non solo alle associazioni sportive che vivono anche grazie alla pubblicità sportiva ma anche agli esercizi economici e a quelle aziende che investono virtuosamente sullo sport garantendo la pratica sportiva ai nostri ragazzi.

Attività che meriterebbero solenni encomi pubblici e non insulti senza senso da parte del presidente della Consulta dello sport e di un assessore che si vorrebbe candidare a sindaco.

Certo, è facile disprezzare i legittimi contributi di piccoli esercizi commerciali e aziende virtuose quando, come è il caso del Centro olimpionico tennistavolo (caso unico tra le società sportive), si percepiscono 5 mila euro all’anno dall’Amministrazione comunale mentre gli altri sodalizi pagano per usufruire e gestire gli impianti sportivi.

Roberto Paradisi

Commenti
Solo un commento
Glauco G. 2019-10-30 13:32:21
Detto da uno che è presidente di uno sport dove servono 60 euro per praticarlo e che il comune (per quanto sopra scritto) gli eroga 5.000 euro l'anno..beh complimenti...davvero complimenti....il suo commento si parla da solo... Impensabile pensare che un uomo così capisca di sport ..impensabile che viva di spost....impensabile che un uomo così sia davvero dentro il mondo dello sport...lo sport non sono i tabelloni apeesi a bordo campo, nei palazzetti, ecc oppure nelle magliette di giuoco....lo sport è ben altro..ma trovo inutile spiegare lo sport ad uno che, con un commento, ha fatto davvero capire che non sa nulla di come si fa sport e cosa sia lo sport... peccato sia presidente di un centro considerato ad alto livello in Italia...davvero peccato.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!