SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Elezioni Senigallia 2020: Fratelli d’Italia pronti ad aprire dialogo con Lega e Forza Italia

Bello: "No a pacchetti preconfezionati e riunioni 'carbonare' senza FdI. Per il candidato sindaco, primarie da non scartare"

Massimo Bello

Fratelli d’Italia si sta organizzando da tempo per affrontare seriamente l’appuntamento elettorale delle elezioni comunali del 2020.

Mancano poco più di sette mesi e la Destra senigalliese sta già lavorando per presentare donne, uomini e proposte programmatiche per dare una svolta concreta e seria ad una città, che ha un ruolo politico e strategico fondamentale in tutta la provincia di Ancona e nella regione Marche. Ma i ‘patti incondizionati e già scritti’, ovvero riunioni ‘carbonare’ senza Fratelli d’Italia e ‘intese premature’ siglate in qualche bar cittadino, a cui si chiede di aderire, non aiutano e non servono a realizzare nulla se non continuare a creare divisioni inutili e personalismi inefficaci. Chi ha pensato e chi ha creduto, di marginalizzare il partito di Giorgia Meloni, ha pensato e creduto male, soprattutto alla luce del risultato dell’ultima grande manifestazione tenutasi sabato scorso (19 ottobre ndr) in Piazza San Giovanni a Roma”.

A parlare è Massimo Bello, Responsabile del Dipartimento provinciale ‘Enti Locali’ e del Dipartimento regionale ‘Politiche comunitarie e Affari europei’ del partito di Giorgia Meloni, a proposito del percorso che il gruppo di Fratelli d’Italia cittadino sta affrontando per presentarsi – assieme agli alleati del centrodestra e a quei movimenti civici alternativi al PD e alla sinistra – all’appuntamento elettorale più importante, che cambierà le sorti di Senigallia.

“Dopo dieci anni di malgoverno della sinistra e del PD, guidati dal Sindaco Mangialardi, i cittadini hanno il diritto e il dovere – dice Massimo Bello – di avere una città, che sappia esprimere le forze e le energie migliori, che sappia e voglia guardare al futuro, che ricostruisca ciò che il PD e la sinistra hanno distrutto e piegato. L’alternativa a questo sistema di potere locale, chiuso ed autoreferenziale, ha i mesi contati perché Senigallia, nel 2020, avrà la sua liberazione!”.

Il partito di Giorgia Meloni, a Senigallia, è quindi da tempo al lavoro – continua l’esponente della Destra regionale e provinciale – perché si possa davvero ottenere e ritrovare una sintesi leale, di qualità e paritaria con gli alleati naturali del centrodestra, non escludendo affatto l’inclusione anche di liste o movimenti civici, quali valori aggiunti alla coalizione alternativa alla sinistra e al PD. Fratelli d’Italia è, senza alcun dubbio, un attore politico importante e indispensabile per il progetto innovativo e di rinascita di Senigallia. Un partito in continua crescita e con una classe dirigente preparata, con esperienza e di qualità. Il partito è pronto, ad un dialogo costruttivo con la Lega di Salvini, come del resto già si sta facendo a livello nazionale, ma anche con Forza Italia e con coloro che con onestà intellettuale e lealmente si sentono davvero alternativi alla sinistra e al PD.”

Non accettiamo, però, diktat, esclusioni capricciose, veti personali e, in particolare, pacchetti preconfezionati in altre stanze o su altri tavoli. Fratelli d’Italia – continua Massimo Bello – non è la ruota di scorta di nessuno e la nostra presenza non è un ripiego tanto meno il risultato di una concessione da parte di chi, fino a pochi giorni fa, ha fatto il ‘furbetto’, non chiamando i nostri dirigenti di partito ad alcune riunioni locali, che si sono tenute a nostra insaputa! Tutti sono utili, nessuno è indispensabile, per carità, ma noi non staremo e non stiamo in silenzio!”.

Siamo pronti ad individuare una sintesi politica sia sul programma di governo che sul candidato a sindaco, che riteniamo possa e debba essere scelto – dice ancora Bello – attraverso anche lo strumento delle primarie. Ciò per coinvolgere non solo coloro che siedono attorno ai ‘tavoli’ delle riunioni e delle trattative, ma soprattutto per permettere ai cittadini di partecipare attivamente alla scelta del candidato a sindaco dell’alternativa, che non può essere individuato con le solite logiche, che, di fatto, negli ultimi cinquant’anni hanno premiato il PD e la sinistra. Ricordo, giusto per fare un esempio, le tante sconfitte elettorali degli ultimi anni, che hanno consegnato la città nelle mani di una politica oggi sottoposta, ad esempio, a ben due procedimenti penali con accuse e ipotesi di reato particolarmente pesanti. Questo non deve più accadere”.

“Per Senigallia l’unica alternativa possibile – conclude l’esponente provinciale e regionale di FdI Massimo Bello – sono Fratelli d’Italia e i suoi alleati di centrodestra, unitamente a quelle liste civiche, che hanno per davvero maturato, avversato e combattuto lo strapotere e l’arroganza delle ultime Amministrazioni del PD. Fratelli d’Italia è pronta al dialogo con chi ha davvero a cuore le sorti della città, ma soprattutto è pronta a confrontarsi alla luce del sole, nelle sedi opportune, prima di tutto, con i suoi alleati naturali, a cominciare dalla Lega e da Forza Italia, con cui siglare un patto di lealtà e di correttezza reciproca; e, poi, con liste e movimenti civici davvero distinti e distanti dalla sinistra e dal PD.”

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!