SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Finisce a Senigallia la latitanza di un rumeno di 52 anni: arrestato

L'uomo aveva fatto perdere le sue tracce dopo una condanna definitiva per possesso di stupefacenti

1.444 Letture
commenti
MC Coperture - Bonifica amianto, impermeabilizzazioni - Senigallia, Montecchio
Controlli Carabinieri

Finisce a Senigallia, dopo cinque anni, la latitanza di un rumeno di 52 anni, ricercato in quanto colpito da un provvedimento di cattura a seguito di una condanna a 2 anni e 8 mesi di reclusione per il reato di detenzione illegale di sostanze stupefacenti.


I Carabinieri della Compagnia di Senigallia lo hanno catturato ieri pomeriggio, 10 settembre, sulla Statale Adriatica 16 subito dopo Marina di Montemarciano.

L’uomo, che si trovava alla guida di una Kia Carneval con targa rumena, è incappato in un posto di blocco dei Carabinieri ed è stato costretto a fermarsi.

Con lui in macchina c’erano la figlia, il genero ed i due consuoceri: erano diretti a Rimini dove stavano trascorrendo tutti insieme un periodo di vacanza a casa della figlia residente in Italia.

L’automobilista ha mostrato subito segni di immotivato nervosismo, chiedendo ai militari di lasciarlo andare perché aveva fretta in quanto avrebbe dovuto accompagnare la figlia a Rimini, mentre al contrario gli altri occupanti dell’auto erano apparsi tranquilli.

Gli immediati accertamenti in banca dati, hanno evidenziato che il 52enne, nato in Moldavia, era ricercato dalla Squadra Mobile di Rimini dal mese di giugno del 2015, in quanto colpito da un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica per espiare la pena residua di 2 anni e 8 mesi di reclusione, in quanto condannato con sentenza definitiva per il reato di detenzione illecita di sostanza stupefacente.

I fatti da cui è scaturita la condanna risalgono al 5 novembre del 2008.

L’uomo, all’epoca 41enne, venne arrestato perché controllato in auto insieme ad un ucraino: stavano trasportando 600 grammi di cocaina.

Dopo la condanna definitiva aveva fatto perdere le sue tracce.

Il ricercato, condotto nella Caserma di via Marchetti, è stato sottoposto alle operazioni di identificazione mediante le impronte digitali che hanno confermato l’effettiva identità.

Quindi dopo la notifica del provvedimento di carcerazione, l’uomo è stato trasferito nel carcere di Ancona Montacuto per scontare la condanna.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura