SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Impianto rifiuti Cesano di Senigallia, per il Comune “non ci sono le condizioni”

Il sindaco Mangialardi in Consiglio comunale: "chiederemo a Eco Demolizioni il ritiro della pratica"

2.431 Letture
commenti
Progetto impianto gestione rifiuti a Cesano di Senigallia - aree emissione odori e polveri

“No all’impianto per la gestione dei rifiuti progettato e presentato dalla Eco Demolizioni”: è questo l’orientamento espresso dall’amministrazione comunale per bocca del sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi nel corso del Consiglio comunale di mercoledì 4 settembre.


“Chiederemo alla Eco Demolizioni il ritiro della pratica perché al momento non ci sono le condizioni per la realizzazione di un impianto come quello previsto a Cesano di Senigallia, per il quale, in ogni caso, l’ultima parola sarebbe spettata al Consiglio comunale”.

“Il tema di avere un doppio polo cittadino per il conferimento dei rifiuti derivati dalla pulizia dell’arenile di Senigallia rimane – ha aggiunto Mangialardi – ma sul progetto proposto, sulla base anche della volontà dei cittadini, il parere è negativo“.

Il sindaco e la Giunta incontreranno comunque i cittadini di Cesano giovedì 5 settembre nel locale Centro Civico per illustrare il progetto presentato dalla ditta Eco Demolizioni Srl e il punto di vista dell’amministrazione comunale.

Commenti
Ci sono 3 commenti
octagon 2019-09-04 19:40:50
Bravo Sindaco! Ero speranzoso che l'eco mostro venisse al momento accantonato, trovate altra sistemazione lontano dalle abitazioni, grazie! :-)))
mik76
mik76 2019-09-04 19:56:06
Ho seguito il consiglio comunale in streaming, il sindaco che dice al vice che è inutile Dilungarsi nelle spiegazioni perché tanto non vale la pena visto che il percepito è diverso e superiore dalla realtà, mi ha inorridito. Ma pensa che siamo tutti beoti? Questa è l’opinione che il sindaco ha dei suoi cittadini? E qual è l’altissima competenza tecnica di Memè in materia di impianti di gestione rifiuti? Il sindaco è venuto a sapere del progetto solamente a fine agosto quando era in vacanza, ma, come si evince dalla determina della provincia, il primo progetto è stato inoltrato al comune a fine dicembre 2018. Forse il sindaco era in vacanza anche in quella occasione? A fronte delle innumerevoli prescrizioni formulate da arpam e provincia sul progetto, perché niente è stato detto dal comune? Non ci sono competenze tecniche? Non è stato invitato in conferenza dei servizi o, anche in questo caso, erano tutti in vacanza? Signor sindaco non è lei a non dover spiegare a noi, dovremmo essere noi a spiegare tante cose a lei. Visto che verba volant sed scripta manent spero vivamente di ricevere conferme scritte dell’impegno che si è preso e, se il proponente portasse comunque avanti il progetto, di mantenere la sua parola, dando il diniego del comune alla soluzione prospettata, nel frattempo si goda il governo giallorosso
miss28aprile 2019-09-04 22:34:41
Caro Sindaco, chi la capisce è bravo. Oggi pomeriggio ha fornito un chiaro esempio del perché poi l’italiano con “testa pensante” si disaffezioni alla politica. Invece di fornire spiegazioni ai suoi concittadini preoccupati, dopo la lettura del compito in classe del suo vice che si è anche barcamenato dignitosamente tra tecnicismi che palesemente nn gli appartengono ( avrei voluto vedere lei sciorinare acronimi tecnici), quando è stato il suo turno, se l’è cavata frettolosamente con un “ritiriamo tutto” e amici come prima (aggiungo io). Troppo facile, la politica è una cosa seria, così come l’amministrazione del bene comune. L’aspettiamo speranzosi domani sera, augurandoci che oltre ai gesti plateali, ci siano anche risposte e atti concreti.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura