SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Sarà inaugurata sabato 7 settembre, a Senigallia, la mostra su Roberto Zappacosta

L'esposizione rimarrà aperta presso lo SpazioArte di via Fratelli Bandiera fino al prossimo 31 ottobre

Fabbri Infissi Senigallia - Dierre - Bonus fiscale 50% infissi, porte e cancelli
Mostra di Roberto Zappacosta

Aime, in francese, è una forma del verbo “aimer” (amare). Essendo un singolo verbo privo di sostegni sintattici, e in assenza di pronome personale, esso può esprimere un desiderio senza oggetto, un apprezzamento privo di referente. Le possibili letture brancolano nel regno delle ipotesi aggrappandosi a ciò che si sa dei riferimenti.

Ma c’è ben poco di chiaro in queste immagini oblique, sgranate, analogiche, oniriche. Sembrano smaterializzarsi sotto i nostri occhi come rapidi flash della mente, impressioni e racconto dell’inquietudine, dello stato confusionale o del trapasso. I cimiteri sono un soggetto costante per Zappacosta, anzi potremmo dire che la sua produzione fotografica è dedicata interamente al culto dei morti. Illustri, in questo caso.

Siamo a Parigi, al Père-Lachaise. C’è una donna raccolta sulla tomba di Marcel Proust.

Un cielo e dei rami che si fondono in un sepolcro (quello di Jim Morrison, ma che potrebbe essere di chiunque). Ma siamo anche al Centre Pompidou e al Musée d’Orsay, con il celebre dipinto L’Origine du Monde di Gustave Courbet.

I morti si celebrano in vita, così come i loro lasciti: le opere.

Non esorcizza la “signora con la falce” assegnandole un corpo, piuttosto sembra cadere in trance fino a invischiarsi con essa. È uno stato dell’essere, come l’ispirazione. In questo senso Zappacosta è puro istinto. Non sta lì a fare la foto “bella”, lui si dissocia psichicamente. Non ha intenzioni ritrattistiche o di denuncia, lui perde la coscienza. Zappacosta – che evoca nei suoi scatti la presenza di questi grandi artisti – pare invitarci a chiudere gli occhi per vedere al di là del tempo, della coscienza e della continuità.”

Enrico Carli

 

La mostra, curata da Paolo Monina, verrà inaugurata sabato 7 settembre alle ore 19.00 e resterà aperta, anche su appuntamento, fino al 31 ottobre.

 

Orari:
Settembre
Giovedì 17-19.30
Venerdì e Sabato 10-13, 17-19.30

Ottobre 
Venerdì e Sabato 10-13, 17-19.30

Per informazioni:
SpazioArte della Fondazione A.R.C.A. – Onlus
V. F.lli Bandiera, 29
Senigallia
tel. 071 0975279
amministrazione@fondazionearca.org

Fondazione A.R.C.A.
Pubblicato Mercoledì 4 settembre, 2019 
alle ore 5:00
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
Triste
Indifferente
Felice
Molto felice
Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!