SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Tragico incidente con incendio in complanare: vittima di Arcevia, grave ferito di Senigallia

A perdere la vita è stato il 48enne Claudio Brocanelli, rimasto intrappolato nella sua auto andata a fuoco

9.219 Letture
12 commenti
Incidente in complanare a Senigallia - Foto da Facebook

E’ Claudio Brocanelli, 48enne di Montale di Arcevia, la persona che ha perso tragicamente la vita nel tardo pomeriggio di sabato 10 agosto sulla complanare di Senigallia, dove si è scatenato l’inferno dopo un incidente che ha coinvolto cinque vetture.

Brocanelli è morto intrappolato nella sua auto, una Opel Corsa, che è stata urtata frontalmente dalla Porsche condotta da un 56enne di Senigallia, A.S. le sue iniziali, che ha riportato gravi traumi alle gambe ed è stato trasferito in eliambulanza a Torrette di Ancona.

I Vigili del Fuoco sono entrati i azione attorno alle ore 18:45: a loro il compito di estinguere le fiamme che hanno avvolto la Opel Corsa dopo l’impatto con la Porsche e successivamente di mettere in sicurezza lo scenario del drammatico incidente.

Incidente in complanare a SenigalliaLa dinamica, che la Polizia Stradale sta cercando di ricostruire con esattezza, parla di una manovra azzardata effettuata in complanare, poco distante dall’uscita di via Berardinelli, da parte della Porsche, che viaggiava a velocità sostenuta verso sud e che l’avrebbe portata prima a tamponare una Fiat Punto, i cui quattro occupanti hanno riportato lievi ferite, poi ad un urto laterale contro una Fiat Panda, il cui conducente è praticamente illeso, la quale procedeva in direzione nord.

Questo scontro ha mandato fuori controllo l’auto sportiva condotta dal 56enne senigalliese, che è così finita violentemente contro la Opel Corsa, che percorreva l’arteria poco dietro la Panda e che si è trovata colpita frontalmente dalla Porsche e, al termine di una drammatica carambola, schiacciata tra quest’ultima e il new jersey che delimita la carreggiata dal lato opposto.

Dal tremendo impatto si è generato un terribile incendio, che non ha lasciato scampo a Claudio Brocanelli, rimasto intrappolato nella sua auto in fiamme. L’intervento dei Vigili del Fuoco, pur tempestivo, non ha potuto salvare il 48enne arceviese.

Altre due auto che sopraggiungevano in quegli istanti sono rimaste danneggiate dai detriti lasciati in strada dall’incidente.

Sul posto, oltre a Polizia Stradale, eliambulanza e Vigili del Fuoco, anche Polizia Municipale e mezzi del 118.

La complanare di Senigallia, nel tratto tra le uscite dell’ospedale e di via Berardinelli è rimasta chiusa fino al completamento delle operazioni di soccorso, messa in sicurezza e rilievi di rito.

Commenti
Ci sono 12 commenti
Mario2 2019-08-11 10:53:51
Sappiamo tutti che la complanare è zona franca e le auto viaggiano più veloce che in autostrada, ci sono state lamentele anche poco tempo fa sui mancati controlli, tutte promesse che cadono nel vuoto.
marcof 2019-08-11 12:29:15
Mettono gli autovelox nelle dirette dove c'è 50 quando non c'è nessun pericolo se uno va un po' più forte (solo x fare cassa) mentre dove la gente corre e la strada è pericolosa niente..... bravi
Mario Rossi 2019-08-11 13:11:16
Voglio nome e cognome di chi guidava la porsche, così l'informazione è corretta e trasparente !!!!!!!
Caprone 2019-08-11 13:58:24
@Mariorossi il supereroe di turno..!?! hanno cancellato il nome su viveresenigallia lasciando le iniziali a.s. (...omissis...) ( via la patente a vita! zero compassione per la sua supremazia sulla strada ci ha lasciato una persona)
Ma il nome che tutti devono associare all'incidente (poiche di supereroi sulla complanare ne abbiamo incontrati tutti) sono quello di Mangiarlardi ( L'Ipocrita notizia sempre su VS di domani parla di !sicurezza! nelle scuole) e Brunaccioni. I vigili sulla complanare li ho visti solo quando c'era la gara degli xmaster.Perche in questo comune evidentemente conta piu un evento che la vita delle persone!!!
Luca Ceccacci
Luca Ceccacci 2019-08-11 14:49:45
Evidenziamo che la scelta di oscurare il nome che l'utente "Caprone" aveva scritto per esteso è dovuta al fatto che non spetta a noi (inteso sia come giornale che come lettori) perseguire pubblicamente il responsabile (che, ricordiamolo, al momento è solo ipotizzato, dato che la dinamica è al vaglio). Questo compito spetta alle forze dell'ordine che sono già al lavoro.
romolo
romolo 2019-08-11 15:08:17
Per i signori con la porsche : perche' non si fanno una strada solo per loro dove si sorpassano , violando tutte le norme.
Ma con soldi loro !
Franco Giannini
Franco Giannini 2019-08-11 15:10:25
Che richiesta educata !!!! I bambini, almeno una volta si educavano con il far loro capire che l'erba "voglio" non cresce neppure sul giardino del re.
ilDuca 2019-08-11 18:09:03
Il nome? : su Corriere Adriatico online
Antani 2019-08-11 19:25:08
@Caprone, naturalmente è colpa di Mangialardi perché è lui che fa le multe di persona.
È colpa di Mangialardi su una strada che non fa neanche parte del territorio comunale.

È un po’ come dire è colpa del sindaco se c’è un incidente sull’autostrada che passa nella città.

La colpa va da a chi non rispetta le regole e che spesso mette a rischio propria vita e la vita degli altri. Sparando che la giustizia faccia il suo corso e che ci siano le dovute pene anche se non riporteranno una persona in vita.
Caprone 2019-08-11 19:27:35
@Luca sapendo che i commenti devono essere approvati , ho lasciato cmq il nome, poi premuto invia il commento mi son detto questo nn lo pubblicano per il citato motivo. invece Sig Ceccacci ha lavorato anche con questi caldi.. complimenti...penso la maggior parte avrebbero cestinato il tutto.(n.b. nn mi sarei scandalizzato)
Quello che è accaduto ad A.S. è una tragedia dall'altra parte della medaglia non vi è dubbio. ma in questa società dove è sempre tutto grigio, reputo ogni tanto bisogni prendere posizione è dire chiaramente che il gesto compiuto è insano sopratutto se compiuto da uno con la testa nn uno sballato di 18 anni.
Se il comune nn ha fatto nulla o quasi (che io sappia) per arginare la pista di decollo che è diventata la complanare ( e questo è palese sotto gli occhi di tutti) se indico quei nomi un senso ce l'ha e nn ho dato loro pene/sanzioni solo un ricordo di colpa morale.
Poi i giudici stanno in tribunale, ma eviderenziare il proprio pensiero è libertà costituzionale. Non ero presente ma una macchina che sbatte 1 volta poi ne prende altre 3 piano nn andava. Esprimere un giudizio morale su tale gesto mi sembra doveroso nei confronti della vittima. Se per il mondo giornalistico e non ciò è ormai al pari di un eresia ne sono ben consapevole. Essere Bastian Contrari nn paga in termini di pubblicità (per me da dietro un nickname è facile e Don Chiscotte è un'ispirazione).

Il vil denaro che comanda e noi piccoli burattini che cerchiamo di arraffare la nostra ...briciola...
Caprone 2019-08-12 09:17:40
@antani
Non ho mai scritto che il sindaco fa le multe, ma una cosa molto interessante l'hai scritta nn è territorio comunale, quel cartello che 'si esce da Senigallia' quando si imbocca la complanare nn ne ho mai capito il perchè , ma nel momento in cui i vigili sono presenti su quella strada un qualche potere lo hanno su quella strada poi credo sia il comune che paga i giardinieri e ha emesso l'ordinanza per la chiusura della strada in occasione del xmaster. Oltremodo nn ho mai letto comunicati stampa del comune in cui dice che loro nn hanno compentenza tantomeno indicando chi ha la compentenza su quel tratto di strada. Se Antani ne sei a conoscenza su chi ricade la competenza scrivilo sarà una notizia mai sentita da parte mia e credo molti.
Non mi piace la politica Senigalliese di cui Mangiarlardi ne è il piu autorevole rappresentante nonchè attuale sindaco. Si è fatto bello con la complanare e ne fa un fiore all'occhiello della sua carriera politica, ma poi avendo 'prove' di come gli automobilisti la percorrano spesso a velocità di molto superiori hai limiti non si è adoperato con le stesse energie nel disincentivare tali comportamenti .
Un esempio: per me il presidente e congresso americano hanno una colpa morale sulle varie stragi commesse da ragazzi con armi, nn hanno venduto ne impugnato la pistola ciò nn toglie che per me le mani pulite nn le hanno.
Parliamo poi del ponte chiuso per mancati lavori di manutenzione, come palestre a cui sono caduti controffitti. parliamo di percorri misa e complanre legato all'alluvione per cui è anche indagato o hai sanpietrini rotti o mancanti in cui tanti cadono. Piccole e grandi questioni di sicurezza, tralasciate negli anni.
Per me sono aspetti primari di un buon ammistratore il conservare e mettere in sicurezza cio che si ha, prima di pensare al cartellone degli eventi (importanti ma vengono dopo).
Punti di vista per me la sicurezza delle perone viene molto prima del turismo o il mercato immobiliare al top!
Mario Rossi 2019-08-12 15:29:03
Luca Ceccacci, io non voglio perseguire o processare nessuno, vorrei solo sapere chi è, perché se mai un giorno me lo trovassi davanti, saprei come comportarmi !!! siccome ho avuto esperienze di trovarmi di fronte a persone, che a sentirle a parlare sembravano dei santi, poi invece scoprire che hanno una fedina penale tutt'altro che immacolata !!!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura