SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

“Il busto di Papa Lambertini al San Rocco di Senigallia è di Pietro Bracci?”

Leonardo Badioli: "attribuzione appropriata al grande scultore, ma mancano studi certi: l'augurio è che vengano richiesti"

Fabbri Infissi Senigallia - Dierre - Bonus fiscale 50% infissi, porte e cancelli
Cardinale Lambertini

Papa Benedetto XIV Lambertini ebbe in vita una buona fortuna iconografica. Ci sono immagini di lui e busti in marmo in luoghi prestigiosi: il Museo del Castello di Milano, la Fondazione Cini a Venezia, il Bode Museum a Berlino, il Musée di Grenoble, il Museo della Città di Rimini, il Palazzo Comunale di Pergola e il Sacro Convento di San Francesco ad Assisi.

E quasi in ognuno di questi al titolo “Busto di Benedetto XIV” segue l’attribuzione, certa o presunta, allo scalpello di un grande scultore del Settecento: Pietro Bracci.
Era costui un artista celebrato ai suoi tempi, attivo in un ambiente di alto livello artistico come quello romano, ancora indugiante nel tardobarocco seguito al magistero di Bernini e temperato a quello di un Carlo Maratta, ma precedente la nuova arte di Canova; non certo un innovatore, il Bracci, ma capace di colmare il vuoto tra due stili e temperie ai capi e nell’arco di una lunga carriera.

L’attribuzione per analogia dell’opera a Pietro Bracci è appropriata, come lo è quella di associare ai luoghi il papa che volle ampliata la città “con un’idea corrispondente alla grandezza dell’animo suo” (Notificazione del 1758); ma non comprovata da specifici studi. Speriamo che l’Amministrazione Comunale voglia richiederli.

La fortuna iconografica del papa bolognese, del resto, non finisce con la sua morte, avvenuta nel 1758, ma riprende nel 1905 attraverso un’opera teatrale del commediografo suo concittadino Alfredo Testoni, “Il Cardinale Lambertini”; nel 1954 con lo stesso titolo in un film diretto da Giorgio Pàstina in cui l’attore Gino Cervi fuse la propria faccia con la sua; e in uno sceneggiato televisivo del 1963.

Per saperne di più.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!