SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Proposte più disparate ma un’urgenza sentita: riqualificare piazzale Morandi di Senigallia

Molte proposte, più o meno fantasiose e realizzabili sulla destinazione dell'ex Iat, di proprietà della Regione

895 Letture
commenti
Marco Frattini - fisioterapia e chiropratica - Senigallia, Castelvecchio di Monteporzio, Fano
Palazzo del Turismo

Tante proposte, più o meno fantasiose, credibili e realizzabili ma soprattutto la consapevolezza diffusa che l’area di piazzale Morandi, che ospita l’ex Palazzo del Turismo, l’ex Hotel Marche, un parcheggio e i giardini pubblici, sia strategica per Senigallia e meriti di essere recuperata in fretta.


E’ quanto emerge dai commenti, davvero numerosi, da parte dei lettori, all’ennesima proposta di un cittadino sulla destinazione dell’ex Palazzo del Turismo, edificio degli anni Settanta, da tempo inutilizzato e recentemente di nuovo messo all’asta dalla Regione, proprietaria dell’immobile.

Sul futuro dell’edificio le opinioni più varie si sono sprecate nei commenti, tra chi propone di radere al suolo la struttura, chi di realizzarvi un parcheggio a più piani “perché i parcheggi scarseggiano sempre a Senigallia” e chi ritiene che l’ex Iat meriti invece di essere recuperato come centro di aggregazione.

Una proposta questa che non si discosta troppo da quella che recentemente ci hanno fatto pervenire l’associazione Confluenze, il Centro Teatrale Senigalliese e l’associazione Lapsus.

Di certo emerge come il futuro dell’edificio, come di quello del vicino ex Hotel Marche – a sua volta da anni messo all’asta dalla Provincia senza esito, nonostante basi sempre inferiori – sia sentito dalla popolazione, che ha anche più volte segnalato lo stato di degrado della struttura, ritrovo di senzatetto e in generale della zona: sul tema, oltre alle associazioni e alle parti politiche è intervenuta più volte anche l’amministrazione comunale che ha espresso ripetutamente la disponibilità – oltre che alla demolizione dell’edificio – a discutere “su ogni tipo di ragionamento, valutando le eventuali offerte per l’acquisto che giungessero da privati alla Regione Marche”.

Ma il momento storico, come testimoniano le ultime aste deserte, non è dei più favorevoli alla vendita e il futuro dell’ex Iat, così come quello del vecchio Hotel Bagni (poi Marche) rimane ancora nebuloso. 

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!