SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Pittura edile Goffi - Trattamenti e soluzioni involucro edilizio - S. Maria Nuova

“Tassazione troppo pesante per le imprese di Senigallia”

Cna si rivolge al Comune: "il costo della Tari preoccupa e incide sui bilanci"

Paolo Carli

Recentemente è stato approvato il nuovo bilancio del Comune di Senigallia, che vede un ulteriore aumento della tariffa Tari per alcune categorie di imprese.

Nella presentazione del bilancio alle categoria è stato prospettata una difficoltà del Comune di investire nella città dovuta al fatto che ancora non era stato vagliato dal Governo il ristoro Imu Tasi, ma prontamente modificato attraverso la variazione di bilancio che prevede un’entrata di quasi 900mila euro.

“Abbiamo manifestato una certo dissenso per la manovra di aumento della tariffa Tari nei confronti delle attività economiche– dichiara Giacomo Mugianesi segretario territoriale CNA – per alcune come evidenziato nei giorni scorsi il costo della Tari è preoccupante ed ha un forte peso all’interno del bilancio”.

Le imprese di Senigallia da tempo stanno attraversando un periodo difficile, come viene evidenziato dai dati pubblicati recentemente in merito alle aperture,chiusure e dai tassi di disoccupazione. Il turismo è il settore trainate, ma anche questo ne risente in alcuni periodi.

“Un ulteriore aumento di costi per le imprese dovuto alla variazione delle tariffe Tari impensierisce ancora di più vista la già dura situazione che le nostre imprese devono affrontare” continua Mugianesi.

La CNA ha da qualche anno istituito un osservatorio che monitora l’incidenza della tassazione sulle imprese. L’osservatorio calcola il Total Tax Rate e individua il Tax Free Day, il giorno della liberazione dalle tasse, la data cioè fino alla quale l’imprenditore deve lavorare, tutti gli anni, per produrre reddito necessario ad assolvere gli obblighi fiscali contributivi.

Per Senigallia il giorno di liberazione è l’11 di agosto e vede un’incidenza del 61,3%, più alta rispetto ad Ancona, Fabriano e Jesi.

“Denunce come quella dei giorni scorsi trasmessa dal ristoratore Bittoni, non possono che farci riflettere come questo sistema di tassazione non risponde a criteri di equità e sostenibilità. Una denuncia, un grido di rabbia e di allarme che trova piena condivisione e solidarietà in tutto il mondo del lavoro da troppo tempo trascurato e considerato solo ai fini della tassazione – dichiara Paolo Carli Presidente CNA Senigallia – accelerare e perseguire quei processi di riforma verso nuovi sistemi di raccolta e smaltimento dei rifiuti al fine di una sostanziale ridistribuzione e riduzione dei costi, rappresenta oggi più che mai intervento necessario e insostituibile a sostegno e sviluppo dell’impresa e del lavoro da troppo tempo soffocato da prelievi fiscali al di sopra di giustificati equilibri finanziari e di bilancio. Occupazione, lavoro, reddito e soddisfazione morale, sono valori che vivono e si sviluppano all’interno delle nostre imprese, di ogni appartenenza e natura esse siano, in quanto rappresentano il nostro futuro e la ricchezza del nostro territorio.

“Auspichiamo che il Comune di Senigallia applichi qualche forma di politica di sostegno alle imprese del territorio utilizzando il ristoro così da alleviare in parte la già pesante tassazione generale– prosegue Mugianesi – auspichiamo che a breve ci sia una riorganizzazione importante del servizio di raccolta rifiuti che porti ad una tariffa molto meno impattante sulle casse delle nostra aziende”

Commenti
Solo un commento
giulio
giulio 2019-03-14 14:03:50
"Abbiamo manifestato una certo dissenso", "auspichiamo", siamo preoccupati", ecc.
Non ci siamo, non è con questo spirito che si fronteggia l'aumento (continuo) della Tari. Organizzatevi e fate un bello sciopero, di quello fiscale, per esempio, con il rischio di ammanchi grossi come una voragine. Senza soldi (e sono tanti), qualcosa si muove.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura