SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

“Il fiume e i fossi affluenti presentano varie criticità: vogliamo dormire sonni tranquilli”

"Gli interventi effettuati nell’ultimo periodo hanno interessato solo la sponda destra" - FOTO

1.216 Letture
commenti
Hotel Turistica - Hotel a Senigallia
Tane di animali selvatici nell’argine lungo la sponda sinistra del fiume Misa

In questi giorni è ricorso l’anniversario dell’alluvione del 2 marzo 2011 che coinvolse la zona Marazzana dalla Cannella sino a Brugnetto e oggi ricorre l’anniversario dell’ultima evacuazione che coinvolse la nostra zona.

In questo periodo il clima è stato clemente per nostra fortuna ma la paura rimane sempre nei nostri cuori e ogni volta che prendiamo in mano le foto di quei giorni la nostra mente viaggia al 3Due erosioni che coinvolgono la banca alla base dell’argine sinistro maggio 2014.

Il fiume e i fossi affluenti in particolare il fosso prati Baviera e il fosso Sambuco presentano varie criticità peraltro tutte segnalate agli organi competenti tramite PEC:

– Tane di animali selvatici nell’argine lungo la sponda sinistra del fiume Misa
– Due erosioni che coinvolgono la banca alla base dell’argine sinistro del fiume Misa
– Vegetazione rigogliosa all’interno dei due fossi sopracitati e nell’argine del fiume Misa
– Imbocco controcorrente del fosso Sambuco

Gli interventi effettuati nell’ultimo periodo hanno interessato solo la sponda destra.

A distanza di anni il raddrizzamento dell’ultimo tratto del fosso Sambuco che permetterebbe in caso di piena di evitare il rigurgito dell’acqua del fiume Misa all’interno del fosso non è stato ancora eseguito (nonostante tutti i giornali abbiano riportato la notizia il 26 gennaio di un fantomatico raddrizzamento).

I cittadini e le aziende operanti della Marazzana chiedono di poter dormire sonni tranquilli quando la pioggia che in tanti sperano che cada a breve bagnerà i nostri campi.

da I Cittadini e le attività della Marazzana

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!