SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Panificio Starnadori Senigallia - Pane artigianale produzione propria

Conclusi i lavori per la messa in sicurezza del Misa

Ceriscioli: “La cultura della prevenzione significa investire sul territorio”

1.248 Letture
commenti
Mangialardi e Ceriscioli

L’intervento sul Misa con quattro chilometri di arginatura, messi in campo con grande qualità e tempi straordinari rispetto alle lunghe attese del passato, segnano il cambiamento in termini di capacità di trasformare le risorse in sistemazione del territorio”. Con questa parole il Presidente della Regione Luca Ceriscioli ha aperto la conferenza convocata a Senigallia per sancire la fine della prima fase dei lavori che riguardano le sponde del Misa.

Con lui, per fare il punto dei lavori riguardanti la sistemazione idraulica, c’erano l’assessore Angelo Sciapichetti, il Sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi ed il Presidente del Consorzio di Bonifica, Claudio Netti.

A questo primo intervento che riguarda circa quattro chilometri ne seguiranno altri di completamento che riguarderanno altri tratti del fiume senigalliese e che andranno a collocarsi nel quadro globale degli interventi della regione volti alla lotta al dissesto idrogeologico nei principali corsi d’acqua delle Marche: in tutto verranno stanziati oltre 130 milioni di euro.

Si tratta infatti di oltre 170 interventi in via di realizzazione, o ancora in fase di progettazione, che avranno la finalità di mitigare la pericolosità correlata al dissesto idrogeologico fino al 2020.

Si tratta di una serie di interventi che inaugurano un nuovo percorso all’insegna della prevenzione: una cultura preventiva che va letta come un investimento sul territorio; intervenire prima che si presentino delle criticità significa, di fatto, risparmiare soldi e poter Conclusi i lavori per la messa in sicurezza del Misagarantire opere qualitativamente migliori” – ha riferito Ceriscioli – la nostra regione è bellissima ma come gran parte dell’Italia è fragile e da tanti anni aree a rischio idrogeologico attendono interventi. Ho messo come punto del mandato del percorso elettorale quello di mettere in moto una grande opera fatta di tanti cantieri. L’intervento sul Misa è il simbolo in un quadro di oltre 170 interventi sparsi in tutta la regione e in ogni provincia, fatti di tante piccole opere che insieme costituiscono l’intervento di 130 milioni di euro. E’ una cifra importante ma che distribuita sul territorio renderà la nostra regione più sicura e tutte le direttrici di sviluppo potranno goderne sempre più”.

La gestione del territorio – aggiunge il Presidente – è una rete di competenze che si incrociano: quelle del Comune che conosce le necessità del territorio, poi il Consorzio di Bonifica che si è dimostrato un braccio operativo straordinario e i geni civili che si sono riattivati in maniera importante. Quindi una visione che coinvolge tanti soggetti che collaborano e cooperano per un risultato di grande valore”.
Conclusi i lavori per la messa in sicurezza del MisaAlla Regione Marche e al Consorzio di Bonifica –ha detto un emozionato sindaco Mangialardi va il nostro sentito ringraziamento, non solo per la realizzazione degli interventi, ma anche per la puntualità con cui sono stati portati a termine, nonostante la rilevante complessità. Interventi fondamentali perché, come ha dimostrato la tragedia del 3 maggio, se non è garantita la tenuta degli argini, nessun Piano di emergenza può essere applicato. Serve ovviamente dare continuità a questa opera, ma oggi sappiamo di poter contare su una vera e rinnovata attenzione della Regione Marche che, ricordiamolo, è la proprietaria e la responsabile del fiume Misa.
Tutti gli interventi eseguiti sul Misa – ha spiegato il Presidente del Consorzio di Bonifica, Claudio Nettierano di estrema urgenza e si sono tradotti nel sostanziale rifacimento delle arginature non più idonee a garantire la sicurezza della popolazione in caso di piena. Altri interventi sul Misa seguiranno presto e sono in corso di progettazione in tempi molto rapidi. A breve si aprirà una cabina di regia con il contratto di fiume, dove si stabiliranno le priorità degli interventi”.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura