SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Francesco Maria Feltri ha parlato delle leggi razziali al Corinaldesi di Senigallia

Lo storico ha tenuto una conferenza suscitando l'interesse degli studenti

Francesco Maria Feltri al Corinaldesi

Mercoledì 28 novembre le classi quinte dell’istituto Corinaldesi, in occasione dell’ottantesimo anniversario delle leggi razziali, hanno incontrato il prof. Francesco Maria Feltri storico che ha tenuto una lezione dal titolo: ”Il razzismo dimenticato, Mussolini e l’Italia fascista contro i neri e gli ebrei”.


All’incontro erano presenti anche docenti di altre scuole, essendo questo il primo appuntamento di un corso di formazione realizzato in collaborazione con l’istituto di storia delle Marche, rivolto sia a docenti sia a studenti dal titolo “Dalle leggi razziali, alle shoah dimenticate”, valido ai fini della formazione.

Il prof. Feltri attraverso un percorso di immagini ha raccontato che L’ Italia è un paese dalla memoria corta. Spesso, si sentono ancora svariate voci che celebrano il fascismo o giustificano Mussolini, dicendo che “ha fatto anche cose buone”.

Per questo motivo, oggi più che mai occorre ricordare che quello fascista fu un regime razzista,che le leggi razziali del 1938 non furono una farsa (ma, anzi, per alcuni mesi, furono le più radicali d’Europa, Germania compresa) e che in Etiopia gli italiano non furono affatto «brava gente», bensì dominatori spietati, disposti a ricorrere alle stragi e al terrore,pur di mantenere il fragile potere appena ottenuto.

All’iniziativa erano presenti la Dirigente prof.ssa Elena Giommetti che ha introdotto il tema oggetto del corso, il sindaco Maurizio Mangialardi che ha portato i suoi saluti ed ha sottolineato come il tema delle leggi razziali sia in linea con l’attualità in un’Italia in cui c’è un emergente razzismo diffuso ed il presidente della consulta della cultura, nonché membro della comunità ebraica Remo Morpurgo, che ha evidenziato l’importanza dell’iniziativa.

Nel pomeriggio alle ore 15.00 il prof. Feltri ha incontrato di nuovo i docenti delle diverse scuole ed ha tenuto un’altra lezione dal titolo: “Il labirinto balcanico: serbi ,croati, musulmani in una terra che si chiamò Jugoslavia”. Il professore ha dichiarato che riflettere sulla tragedia della ex-Jugoslavia è altrettanto necessario ed attuale.

Ci mostra, infatti, con quanta facilità i nazionalismi portino non solo alla guerra, ma anche ad azioni violente e feroci nei confronti di tutti coloro che sono concepiti come estranei o pericolosi per la nazione. Non si tratta di rimpiangere il regime dittatoriale di Tito, ma di cogliere i meccanismi che hanno portato alla “pulizia etnica”, nella convinzione che il proprio popolo fosse portatore di diritti supremi, che inevitabilmente venivano negati ad altri esseri umani, giudicati indegni e inferiori.

Alunni ed insegnanti hanno manifestato interesse all’iniziativa, soprattutto per l’attualità dei temi trattati e per l’importanza di una cultura storica al fine di evitare errori del passato.
I prossimi incontri programmati sono:
PROFF. LIDIA MAGGIOLI E ANTONIO MAZZONI Martedì 29/01/19 ore 15.00-17.00
“La Shoah in provincia. Campi e comuni di internamento tra Pesaro ed Ancona.”
PROF. MARCELLO FLORES UNIVERSITÀ DI SIENA venerdì 22/02/19 ore 15.00-17.00
“Dagli Armeni alla Shoah, il ‘900 secolo dei genocidi”.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura