SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

“Senigallia non deve essere la padrona del territorio”

Massimo Bello: "Terre della Marca Senone vuota, i Comuni riaffermino propria autonomia"

Marco Frattini - fisioterapia e chiropratica - Senigallia, Castelvecchio di Monteporzio, Fano
Massimo Bello

Ciascun Comune delle Valli Misa-Nevola, con orgoglio, deve riaffermare la propria identità e la propria capacità decisionale.

Che i Comuni siano autonomi non significa certo isolarsi dal mondo, ma agire con pienezza dei poteri e delle facoltà; essere autonomi non significa chiudersi dentro le mura del proprio castello o del proprio borgo, ma aprirsi al mondo consapevoli delle proprie capacità e potenzialità; essere autonomi non significa non dialogare e non collaborare con gli altri, bensì farlo a parità di ruoli e di diritti.

Ciascun Comune di questo territorio deve conservare la sua integrità ed autonomia amministrativa e, allo stesso tempo, deve essere capace a collaborare con tutti gli altri enti locali, provinciali, regionali e nazionali, mantenendo però la sua identità e i suoi poteri di governo e di decisione. I paesi di questo comprensorio non devono e non possono trasferire la titolarità dei propri servizi e dei propri bilanci a quell’inutile e vuoto contenitore politico dell’Unione dei Comuni, che serve solo a Senigallia per risolvere i suoi ‘guai burocratici, amministrativi e di bilancio.

Senigallia non deve e non può essere la ‘padrona’ di questa area comprensoriale, semmai un’interlocutrice, con la quale i Comuni vallivi possano dialogare, seduti allo stesso tavolo e con pari dignità istituzionale. Ciascun paese di queste Valli deve gestire e governare la propria comunità in modo autonomo, e allo stesso tempo rapportarsi e collaborare con tutti gli altri senza dover ‘svendere o regalare’ il proprio territorio e la propria libertà di agire e di decidere.

Qui non si tratta di essere aprioristicamente contrari all’istituto normativo dell’Unione, ma contrari a questa Unione voluta da chi non ha a cuore gli interessi delle collettività dei Comuni delle Valli Misa-Nevola. Noi siamo contrari a questa ‘Unione dei Comuni’ perché essa è stata voluta e costruita ‘a tavolino’ da Senigallia per mettere in silenzio e in ginocchio i Comuni del comprensorio vallivo.

Questa Unione è solo un contenitore vuoto, innaturale e al suo interno ha una forte disomogeneità e un forte squilibrio, che penalizzano di fatto solo i piccoli Comuni, che ne fanno parte. I Comuni delle Valli del Misa e del Nevola devono essere interlocutrici alla pari di Senigallia e non ‘schiave’ del Comune costiero. Senigallia non deve essere ‘padrona’ dei piccoli Comuni, ma interlocutrice privilegiata dei Comuni vallivi. E, altrettanto, lo devono essere i Comuni del comprensorio: interlocutori di Senigallia con pari dignità e ruoli. E per fare ciò non ci si può legare giuridicamente, e in termini strutturali, ad un Comune, quello di Senigallia, regalando ad esso la sovranità e la titolarità delle funzioni, dei servizi e delle risorse di bilancio.

Massimo Bello
Capogruppo LEGA al Consiglio comunale di Ostra Vetere
Capogruppo LEGA al Consiglio dell’Unione

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura