SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Senigallia: induzione al suicidio, chiesti 5 anni e mezzo per trentaduenne

Alessandro Predieri a processo: sentenza il 6 dicembre

2.905 Letture
commenti
MC Coperture - Bonifica amianto, impermeabilizzazioni - Senigallia, Montecchio
Tribunale di Ancona

Chiesti 5 anni e 6 mesi di reclusione da parte del Pm Paolo Gubinelli per Alessandro Predieri, il trentaduenne senigalliese accusato di riduzione in schiavitù, violenza sessuale aggravata, lesioni e induzione al suicidio nei confronti di due ragazze, all’epoca dei fatti minorenni (15 e 16 anni).


Martedì 6 novembre, in Corte d’Assise, il Pm ha ripercorso, in una requisitoria durata tre ore, l’intera vicenda che ha portato a processo Predieri, per fatti che sarebbero avvenuti dal 2009.

Una delle due ragazze si è costituita parte civile tramite l’avvocato Domenico Liso, l’altra è oggi invece la moglie dell’imputato, che ha sempre difeso: i suoi genitori, costituitesi parte civile con l’avvocato Roberto Paradisi, avevano fatto partire il processo, evidenziando tra le altre cose come la figlia fosse stata vittima di plagio, una tesi sostenuta con forza dall’accusa pure nel corso della requisitoria del 6 novembre.

La sentenza è attesa per il 6 dicembre.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura