SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

“Casa Alloggio di Senigallia per disabili divenuta dormitorio. Ospiti non più seguiti”

Una madre, Gianna Riginelli, denuncia alcune problematiche che riguardano la tutela sociale dei diritti dei disabili

2.127 Letture
commenti
Mancinelli Macchine da giardinaggio - Senigallia
assistenza, servizi sociali, welfare, cultura, associazionismo

Sono una signora madre di una “ragazza” di 40 anni, disabile ma bene inserita nel tessuto lavorativo e sociale della nostra città.

Faccio parte dell’Associazione ANFFAS, attraverso la quale, con molti sforzi e impegno, siamo riusciti, anni fa, ad ottenere dal comune di Senigallia un servizio denominato Casa Alloggio, situato in via Capanna, che seppure presentava dei limiti nella capacità di ricezione, aveva significato per noi tutti il raggiungimento di un grande obiettivo, da mantenere e sviluppare nel tempo.

La struttura era stata ideata e organizzata per dare la possibilità a 6 disabili contemporaneamente, che a rotazione venivano alloggiati nella struttura, di convivere staccati dai propri familiari che per necessità temporanee legate a motivi di salute o personali avevano bisogno di assentarsi da casa (come è successo a me). Il servizio in ogni caso, e non è certo cosa di poca importanza, offriva a questi “ragazzi” l’esperienza di una convivenza senza il supporto della famiglia. Anche Lucia, mia figlia,ha partecipato più volte a questa iniziativa e ne ha tratto grossi benefici.

Oggi, per mancanza di fondi, la casa si è trasformata in un dormitorio. Sei ospiti hanno sede fissa nell’appartamento ma non vengono più seguiti nelle attività casalinghe.

Di giorno alcuni vengono impegnati per svolgere le loro attività e mi risulta che consumino il pranzo presso la mensa della Polizia. I ragazzi che non hanno possibilità di muoversi restano dentro l’appartamento, non so come trascorrono le loro giornate.

Mi sono rivolta anche in questi giorni all’ANFFAS e ai Servizi Sociali del Comune di Senigallia, in un momento di difficoltà, perchè avevo l’esigenza di trovare una collocazione temporanea per Lucia.

Nonostante abbia avuto la sensazione di essere compresa e considerata, mi è stato detto che per il momento non c’era nessuna possibilità, che si sta premendo per ottenere ulteriori 4 posti letto ma senza avere alcuna certezza dei tempi e delle modalità di realizzazione di questo ampliamento di possibilità.

Sig. Sindaco e sig. Assessore, i soldi sono pochi, gli alberi anche, visto che ne sono stati tagliati tanti, ma io sono fiduciosa che queste mie considerazioni possano essere spunto per una riflessione sull’impiego delle nostre risorse.

Senigallia, 29 maggio 2018

Gianna Riginelli

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura