SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Commemorazione alluvione Senigallia: “Un flop animato da divisioni e personalismi”

Lega, Fratelli d'Italia ed Energie per Senigallia: "Difficile comprendere motivazioni di alcuni consiglieri di opposizione"

Mancinelli Macchine da giardinaggio - Senigallia
L'alluvione di Senigallia, 3 maggio 2014: l'incrocio tra via Venezia e via Feltrini

In merito all’evento di qualche giorno fa (3 maggio scorso) per commemorare i tragici fatti dell’Alluvione del maggio 2014, il Coordinamento dei Comitati sull’alluvione, ed i suoi componenti Stefano Mencarelli e Matteo Montesi, hanno purtroppo ragione sacrosanta.

E’ vero che l’iniziativa è nata da una mozione presentata dal consigliere Sartini di Senigallia Bene Comune, che invitava il Sindaco a riconoscere un tributo ufficiale a Mencarelli e Montesi, membri del Coordinamento, per aver contribuito a proteggere l’incolumità della cittadinanza durante il rischio alluvione di marzo 2018. E’ vero che tale mozione è stata votata favorevolmente solo dalla Lega e dalle consigliere del M5Stelle, mentre tutti gli altri consiglieri si sono astenuti oppure hanno votato contro. E’ altrettanto vero, inoltre, che la commemorazione è stata un flop, a cui non ha partecipato nessuno. Tanto è che si sono ritrovati nella sala del consiglio comunale solamente in una decina di persone.

E’ vero che, sin da subito, anche tra l’opposizione consiliare sono emerse divisioni, che ci stiamo portando dietro sino ad oggi. Divisioni che, purtroppo, nascono dalla posizione del consigliere Paradisi di Unione Civica, che tende politicamente in ogni questione a disgregare le forze dell’opposizione piuttosto che ad unirle di fronte ad una maggioranza totalmente succube rispetto al ‘Mangialardi–pensiero’. Ed anche su tale vicenda, su questa commemorazione, il Consigliere Paradisi ha posto condizioni alla partecipazione del Coordinamento.

Il Coordinamento dei Comitati sull’alluvione è, però, formato da persone libere e determinate, e solo a loro la Città deve riconoscere il merito di essersi battute contro la ‘commistione tra politica ed affari’, vera causa dell’alluvione del 3 maggio 2014, e di aver fatto emergere la verità.

Tutto ciò, invece di essere apprezzato, è osteggiato non solo dal Sindaco Mangialardi, che insieme ad altri risulta indagato per gravi reati penali riguardanti l’alluvione del 3 maggio 2014, ma anche da alcuni consiglieri dell’opposizione, per motivi che risulta difficile comprendere.

Il Coordinamento dei Comitati sull’alluvione, ed i suoi componenti Mencarelli e Montesi, hanno impartito una lezione di democrazia, libertà e correttezza, declinando l’invito ad una presenza all’evento del 3 maggio scorso, silenziata dai veti di Paradisi, infischiandosene dei premi o dei riconoscimenti che la politica vuol dare loro. Ancora più forte la lezione del Coordinamento quando, anche di fronte all’atteggiamento ostile di molti politici senigalliesi, si rende comunque disponibile a capire i reali motivi di tale ostilità da parte di alcuni consiglieri di minoranza, ad incontrarli e a coinvolgerli in una battaglia di legalità e di accertamento della verità che dovrebbe riguardare l’intera Città.

La Lega chiede scusa al Coordinamento dei Comitati sull’alluvione, ed ai suoi componenti Stefano Mencarelli e Matteo Montesi, per quello che la politica senigalliese vorrebbe far loro subire oggi, dopo aver patito morti e danni nel maggio 2014. La Lega non ha presenziato alla commemorazione del 3 maggio, la quale non è stata assolutamente coinvolgente verso la Città e, soprattutto, verso chi ha subìto i danni; anzi, l’evento, così come si è venuto a formare, ha risposto ai diktat del Sindaco e del consigliere Paradisi, che in questa vicenda hanno trovato un’unione politica incomprensibile, e cioè quella di silenziare l’attività del Coordinamento.

La Lega, Fratelli d’Italia ed Energie per Senigallia, fin da adesso, si dichiarano disponibili ad incontrare il Coordinamento dei Comitati sull’alluvione per supportarne l’azione di accertamento della verità e, pertanto, lanciano un invito a tutte le forze politiche: non lasciamo soli gli uomini liberi del Coordinamento nella loro battaglia per la verità e l’incolumità di tutti i senigalliesi!

I politici non devono temere di perdere terreno rispetto alla società civile, né devono dimenticare che siamo stati votati per il bene dei cittadini.

Davide Da Ros – Capogruppo consiliare e Coordinatore comunale di Senigallia e del Territorio Valli Misa e Nevola della Lega
Marcello Liverani – Coordinatore comunale di Fratelli d’Italia di Senigallia
Francesca Fava – Vice Presidente dell’Associazione ‘Energie per Senigallia

Commenti
Solo un commento
ozymandias
ozymandias 2018-05-07 20:42:15
Vabbè... ormai siamo al delirio più totale...
non bisogna manco commentarla, questa porcheria che avete scritto e firmato in 3.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!